Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri

storie
Sapere
di capirsi



All’improvviso si vide che nessuno si poteva più iscrivere all’università e che, fra gli studenti ebrei, potevano finire l’università soltanto quelli della mia generazione, quelli, cioè, del ’18, del ’19, perché già iscritti. Ma dopo di loro nessuno poteva andarci più.


Dall'intervista a Bianca Guidetti Serra, (Torino, 19 agosto 1919 – Torino, 24 giugno 2014), avvocatessa torinese, che per tanti anni ha difeso gratuitamente operai, studenti e associazioni.
Leggi l'intervista:
Leggi tutto

 
cosa succede

QUALE MERITO?


Ne parliamo con Norberto Bottani e Andrea Ichino.
Un tema, quello della valutazione degli insegnanti, affrontato con cautela in tutta Europa, perché a rischio esplosione a differenza degli Stati Uniti dove addirittura il "New York Times" e il "Los Angeles Times" pubblicano l'elenco degli insegnanti pessimi, che alla fine si lasciano a casa; l'esempio di Ginevra, dove non si insegna per tutta la vita e l'idea del gemellaggio tra una scuola eccellente e una in crisi; le retribuzioni, simili in quasi tutta l'Europa.
Un documento, quello sulla "Buona Scuola", che parla della possibilità che ogni scuola schieri la squadra migliore, mentre si annuncia l'assunzione indiscriminata di 150.000 precari; la difficoltà di misurare la qualità dell'insegnante e la proposta di partire dalla "reputazione"; il merito non sta nella dote iniziale, ma nel modo in cui la si mette a frutto; scuole autonome che abbiano la possibilità di assumere gli insegnanti che preferiscono alle condizioni di mercato.


iniziative
Istituto per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea della provincia di Forlì-Cesena, Fondazione Alfred Lewin, Anpi Forlì-Cesena, Associazione Mazziniana Italiana Sezione "G. Bruno” di Forlì, Cgil, Cisl, Uil, Arci, Endas Forlì, Unione degli Universitari Forlì, in collaborazione e col patrocinio di Regione Emilia-Romagna, Comune di Forlì, Comune di Predappio, Provincia di Forlì-Cesena, Atrium – Rotta culturale europea sulle architetture dei regimi totalitari, Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia
promuovono

la prima edizione di 900fest, festival europeo di storia del 900, che ha come sottotitolo "guerre, totalitarismi, democrazia”. Cinque giorni di incontri, convegni, presentazione di libri e proiezione di film che si svolgeranno a Forlì e a Predappio. Lo scopo è quello di far diventare le due città un luogo di incontro e riflessione, anche internazionale, sul fascismo e sui totalitarismi che hanno devastato il 900 europeo.


i libri di una città
Nicola Chiaromonte
Fra me e te
la verità.

Lettere a Muska
A cura di Wojciech Karpinski
e Cesare Panizza

Ed. Una città, 2013
312 pagine
Prezzo € 18,00
Per gli abbonati € 15,00
acquista

"Negli ultimi anni di vita, Chiaromonte ha intrattenuto una fitta corrispondenza con una monaca benedettina residente negli Stati Uniti. Si scrivevano in media tre volte alla settimana. E' una corrispondenza affascinante"
  (dall'introduzione di C.Panizza)
Internazionalismo


Primavera araba

Dopo cinquant'anni

Si parla di "rinascita” dell’Africa, ma oggi come ieri l’unica risorsa vera restano le materie prime, per raggiungere le quali ci vogliono infrastrutture, che la Cina usa "donare”; un continente ancora in gran parte rurale ma in cui la Nigeria diventerà il terzo paese più popoloso del mondo e le disuguaglianze stanno esplodendo. Intervista ad Anna Maria Gentili.




L'altra tradizione


Se vuoi sfogliare Giustizia e Libertà, Politics, Tempo Presente di Silone e Chiaromonte, l'Unità di Salvemini, Quarto Stato di Rosselli e Nenni, Mercurio di Alba De Cespedes e altro ancora vai al sito della biblioteca Gino Bianco.
www.bibliotecaginobianco.it


L'altra tradizione è la tradizione non marxista del movimento socialista e democratico, una tradizione pluralistica dalle tante anime: quella del socialismo libertario o liberale, quella socialdemocratica e quella repubblicana, mazziniana o federalista, ma accomunate tutte dal culto della libertà, dallo spirito democratico, mutualista e federalista, dalla diffidenza verso lo stato centralista e burocratico.
Vai alla pagina...



Quelle tredici baracche

L’esperienza straordinaria del Centro educativo italo-svizzero fondato dal Soccorso operaio svizzero, nell’immediato dopoguerra in una Rimini devastata; una scuola elementare e un asilo ispirati alla pedagogia laica e libertaria dell’educazione attiva; la figura luminosa di Margherita Zoebeli che, a partire dall’impresa del ‘38 in Spagna per mettere in salvo orfani della guerra civile, ha dedicato tutta la vita ai bambini; la grande amarezza del ‘68.
Intervista a Carlo De Maria.
ultimo tweet
dal nostro blog
0
22 ottobre 2014

Il cliente ha sempre ragione

Com’è cambiato il rapporto tra consumatore e venditore con l’avvento di internet e degli smartphone? Proprio ieri siamo entrati ...

segui
0
21 ottobre 2014

Psicologo.com

Andiamo sempre meno al cinema: scarichiamo i film a casa. Sempre meno, poi, fermiamo un passante per avere informazioni su questo o quel ...

segui
0
20 ottobre 2014

“24 dei miei 36 anni…” Marcello Dell’Anna, detenuto ostativo

Lettera* di Marcello Dell’Anna, ergastolano ostativo -cioè senza possibilità di uscire, mai. “La fine dell’alba”, andrà in scena ...

segui
0
15 ottobre 2014

#BringBackOurGirls?

Sono passati sei mesi dalla notte del 14 aprile 2014, quando i miliziani del gruppo islamista Boko Haram rapirono quasi trecento ragazze ...

segui
0
08 ottobre 2014

Editoriale del n. 215, settembre 2014

“Da costituzionalista ho sempre pensato il Diritto come violenza domata, e la Costituzione come regola e limite al potere”: a parlare, ...

segui

Ricordarsi

Latte Nero
(Celan)


Quel mobile - A. Segre
Le bucce delle mele - H. Vidal

I Cividalli
 - P. Cividalli Lazard

Il babbo non c'è - E. Fano

Da Salonicco
 - J. Stroumsa

Il 38, il 48 - P. Cividalli

Di campo in campo
 - M. Artman

57 anni - L. Pressl Lewin

La notte del 43
 - S. Spizzichino

A Sant'Andrea...
 - C. Forti

Di fronte a Hitler
 - G. Limentani






"In mano agli ebrei"

La reazione controilluminista, alimentata dalla crisi del modello comunitario feudale, che si salda all’antigiudaismo cattolico; l’emancipazione che ha reso invisibile il nemico e lo stereotipo dell’ebreo usuraio; perché alcune correnti del socialismo cedettero alle argomentazioni degli antisemiti. Intervista a Michele Battini.

chiudi