Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri

storie
Sapere
di capirsi



All’improvviso si vide che nessuno si poteva più iscrivere all’università e che, fra gli studenti ebrei, potevano finire l’università soltanto quelli della mia generazione, quelli, cioè, del ’18, del ’19, perché già iscritti. Ma dopo di loro nessuno poteva andarci più.


Dall'intervista a Bianca Guidetti Serra, (Torino, 19 agosto 1919 – Torino, 24 giugno 2014), avvocatessa torinese, che per tanti anni ha difeso gratuitamente operai, studenti e associazioni.
Leggi l'intervista:
Leggi tutto

 
storie
ME ENCANTA
EL CIEL
La storia di Amedeo, un giovane di 22 anni, che alla Cattolica di Milano si era distinto per il modo di vestire, per i pantaloni larghi, l’eterno zainetto, e poi la sua passione per la musica e il rap e gli interessi più vari; i tanti amici e poi, alla prima occasione, la voglia di mettersi alla prova e l’incontro entusiasmante coi bambini di uno sperduto paesino colombiano; "Sono al settimo cielo” aveva detto ai genitori alla vigilia del ritorno... Intervista a Rossana Guffanti e Stefano Granelli.

Rossana Guffanti e Stefano Granelli abitano a Bologna.Leggi tutto

storie di sinistra

RADICALMENTE PIU' EGUALITARIA RADICALMENTE PIU' DEMOCRATICA


La storia di "Dissent”, nata nel 1954 in doppio dissenso con il maccartismo e con lo stalinismo; il tentativo di creare un spazio politico franco e plurale, pur entro alcune linee rosse; le sofferte prese di posizione durante la Corea e il Vietnam, e l’impegno fin da subito per i diritti civili al Sud; l’incontro con una nuova generazione che si avvicina alla politica; cosa significa oggi la parola "socialismo”? Intervista a Michael Walzer, Maxine Phillips, Colin Kinniburgh e Alex Lubben.Michael Walzer, filosofo politico, professore emerito all’Institute for Advanced Study di Princeton, New Jersey, è entrato in "Dissent” negli anni Cinquanta e ne è stato a lungo direttore responsabile; Maxine Phillips, già direttrice nazionale dei Socialisti democratici d’America (Dsa) e direttrice esecutiva di "Dissent”, attualmente dirige, a titolo volontario, "Democratic Left” ed è membro attivo della Chiesa di Judson; Colin Kinniburgh, senior editor, e Alex Lubben, circulation manager, fanno parte della nuova generazione di "dissentnik”. Oggi la rivista è diretta da Michael Kazin. Leggi tutto

i libri di una città

Francesco Papafava

Scritti e interviste


 A cura di Giovanna Dolcetti
e della redazione di "Una città"

Ed. Una città, 2016
248 pagine
Prezzo € 12,00
Per gli abbonati € 10,00
acquista

Un libro dedicato a Francesco Papafava, scomparso nel 2013, in cui, oltre al ricordo di alcuni amici e alla prefazione di Giovanna Dolcetti, sono raccolte alcune interviste da lui fatte per "Una città” e alcuni saggi pubblicati su "Nuova Antologia” e "Belfagor”
Internazionalismo


Primavera araba

Dopo cinquant'anni

Si parla di "rinascita” dell’Africa, ma oggi come ieri l’unica risorsa vera restano le materie prime, per raggiungere le quali ci vogliono infrastrutture, che la Cina usa "donare”; un continente ancora in gran parte rurale ma in cui la Nigeria diventerà il terzo paese più popoloso del mondo e le disuguaglianze stanno esplodendo. Intervista ad Anna Maria Gentili.




L'altra tradizione


Se vuoi sfogliare Giustizia e Libertà, Politics, Tempo Presente di Silone e Chiaromonte, l'Unità di Salvemini, Quarto Stato di Rosselli e Nenni, Mercurio di Alba De Cespedes e altro ancora vai al sito della biblioteca Gino Bianco.
www.bibliotecaginobianco.it


L'altra tradizione è la tradizione non marxista del movimento socialista e democratico, una tradizione pluralistica dalle tante anime: quella del socialismo libertario o liberale, quella socialdemocratica e quella repubblicana, mazziniana o federalista, ma accomunate tutte dal culto della libertà, dallo spirito democratico, mutualista e federalista, dalla diffidenza verso lo stato centralista e burocratico.
Vai alla pagina...



Quelle tredici baracche

L’esperienza straordinaria del Centro educativo italo-svizzero fondato dal Soccorso operaio svizzero, nell’immediato dopoguerra in una Rimini devastata; una scuola elementare e un asilo ispirati alla pedagogia laica e libertaria dell’educazione attiva; la figura luminosa di Margherita Zoebeli che, a partire dall’impresa del ‘38 in Spagna per mettere in salvo orfani della guerra civile, ha dedicato tutta la vita ai bambini; la grande amarezza del ‘68.
Intervista a Carlo De Maria.
ultimo tweet

Ricordarsi

Latte Nero
(Celan)


Quel mobile - A. Segre
Le bucce delle mele - H. Vidal

I Cividalli
 - P. Cividalli Lazard

Il babbo non c'è - E. Fano

Da Salonicco
 - J. Stroumsa

Il 38, il 48 - P. Cividalli

Di campo in campo
 - M. Artman

57 anni - L. Pressl Lewin

La notte del 43
 - S. Spizzichino

A Sant'Andrea...
 - C. Forti

Di fronte a Hitler
 - G. Limentani






"In mano agli ebrei"

La reazione controilluminista, alimentata dalla crisi del modello comunitario feudale, che si salda all’antigiudaismo cattolico; l’emancipazione che ha reso invisibile il nemico e lo stereotipo dell’ebreo usuraio; perché alcune correnti del socialismo cedettero alle argomentazioni degli antisemiti. Intervista a Michele Battini.

chiudi