l'altra tradizione

Trovati 95 elementi per questo argomento.

Una Città 159 / 2008
E SPERO DI NON ESSERE SOLO
Intervista a Stefano D'Errico di Zenone Sovilla
L’eterodossia dell’anarchico Camillo Berneri, caduto in Spagna per mano dei comunisti, che non si stancava di affermare l’impossibilità di fare a meno della politica nella città moderna; la sua idea del decentramento amministrativo, federalista e comunalista. Intervista a Stefano D’Errico.

LA GRANDE TAVOLA
Intervista a Wolfgang Sachs, don Achille Rossi e Edi Rabini di Barbara Bertoncin
La Chiesa intermediaria necessaria tra Dio e l’uomo è l’emblema di unamodernità segnata dall’intromissione, tra l’uomo e le sue attività basilari, di esperti ed istituzioni. La passione per la convivialità e l’incomprensibile fine della sua popolarità. Wolfgang Sachs, don Achille Rossi ed Edi Rabini ricordano Ivan Illich.

Una Città 158 / 2008
BENI COMUNI
Intervista a Lorenzo Guadagnucci di Luciano Coluccia
L’equivoco di far coincidere l’ideologia della decrescita con un periodo di crisi economica. La delusione di un terzo settore sempre meno fattore di cambiamento e il paradosso di una Banca Etica che investe in Borsa. La tradizione, dimenticata anche dai sindacati, del mutualismo. Intervista a Lorenzo Guadagnucci.

Una Città 157 / 2008
L'INDIVIDUALISMO SOLIDALE
Intervista a Ferruccio Andolfi di Thomas Casadei
Una rivista nata dall’idea che la frattura novecentesca fra un pensiero socialista e l’individualismo, abbandonato all’egoismo, fosse sbagliata e sanabile... Intervista a Ferruccio Andolfi.

Una Città 156 / 2008
LA RIVOLUZIONE DEL DISARMO
Intervista a Gianni Bernardini di Francesco Grassi
La convinzione di Carlo Cassola, strenuo pacifista, che “l’inizio delle disgrazie” fosse l’art. 52 della Costituzione. La fiducia nella possibilità pratica di un disarmo planetario, che pure non escludeva affatto la necessità del “pronto soccorso” e di una legislazione internazionale che lo contemplasse. Intervista a Gianni Bernardini.

Una Città 155 / 2008
L’EREDITA’ ETICA
Intervista a Fulvio Papi di Gianni Saporetti
La parola socialismo, che a un giovane d’oggi può non dire nulla, di fronte a un futuro del mondo carico di incognite potrà tornare a dire molto, non già come modello di società, quanto come modo per affrontare con altri i problemi, come insieme di diritti e doveri, come esempio. Intervista a Fulvio Papi.

Una Città 152 / 2008
SE QUALCUNO DI QUEI GIOVANI...
Intervista a Sergio Bucchi di Gianni Saporetti
Per Gaetano Salvemini la democrazia è la condizione sine qua non del socialismo, così come il liberalismo lo era stato della democrazia. La grande battaglia, persa, per fare della lotta per il suffragio universale la chiave di volta per unire e riformare l’Italia. La critica radicale della dittatura leninista e della statolatria della sinistra italiana. Il laburismo inglese. Il rapporto, anche problematico, che lo legò per tutta la vita a Giuseppe Mazzini. Intervista a Sergio Bucchi.

Una Città 151 / 2007
IL SENSO DELLA LOTTA
Intervista a Pietro Polito di Enzo Ferrara, Stefania Taranto
Come in Piero Gobetti si intrecciarono liberalismo e idea di rivoluzione. Un marxismo valido nel suo materialismo e nell’idea di storia come storia di lotta di classi. Il grande valore democratico del conflitto e della lotta nella società. Intervista a Pietro Polito.

Una Città 148 / 2007
L’IDEA FEDERALISTA
Intervista a Sergio Pistone di Carlo De Maria
L’idea di Eugenio Colorni, che la federazione europea venisse prima dei cambiamenti interni, e che, anzi, ne fosse la condizione, perché l’esistenza degli stati nazione era il nemico di ogni cambiamento democratico o socialista, è al centro anche del Manifesto di Ventotene. Intervista a Sergio Pistone.

Una Città 144 / 2007
RIFORMISMO RIVOLUZIONARIO
Intervista a Francesco Grassi di Carmelo Calabrò
Il tragitto politico e intellettuale di Riccardo Lombardi, dapprima strenuo sostenitore di una politica pianificatrice dall’alto, che presupponeva la conquista della “stanza dei bottoni” e, dopo il fallimento del centrosinistra, fautore di un’“alternativa socialista”, basata su forme, dal basso, di autogestione. L’appoggio decisivo all’elezione di Bettino Craxi, di cui ebbe a pentirsi. Intervista a Francesco Grassi.