internazionalismo

Trovati 299 elementi per questo argomento.

Una Città 222 / 2015
PERCHE' NON VAI?
Intervista a Maria Salghetti di Bettina Foa
La scelta di partire per la Tanzania, dove il Frelimo aveva bisogno di operatori sanitari, i primi corsi per infermieri, ma anche per i guerriglieri che dovevano assistere i feriti; il colpo di stato, la transizione, i portoghesi che vanno via lasciando un intero paese senza medici e senza insegnanti, l’incredibile sforzo, dopo, per dare accesso a tutti a scuola e sanità; la nostalgia, a 40 anni dall’indipendenza del Mozambico, per il paese che si sognava allora. Intervista a Maria Salghetti.

Una Città 221 / 2015
L'ARIA DI PECHINO
Intervista a Jean Philippe Béja di Barbara Bertoncin, Bettina Foa
Le timide aperture viste alla vigilia delle Olimpiadi, divenute solo un vago ricordo davanti a una stretta che si esprime con la repressione e l’arresto di chiunque sia impegnato per la tutela dei diritti civili; le tremende conseguenze che rischia di avere la politica del figlio unico in un paese che sta diventando vecchio prima di essere diventato ricco; l’ossessione della popolazione per l’inquinamento atmosferico e la sicurezza alimentare. Intervista a Jean-Philippe Béja.

Una Città 220 / 2015
"TUTTO DA SOLO?"
Intervista a José Jacques Medina di Leslie Hernandez
L’impegno come avvocato in Messico, nel ‘68, accanto a studenti, operai e sindacalisti, e poi quell’accusa infamante che costringe all’esilio; la scelta, come destinazione, degli Stati Uniti, cioè il “nemico” dove però comincia un nuovo impegno a fianco dei clandestini; le politiche adottate dopo l’11 settembre e gli effetti disastrosi del Nafta; la delusione dei latinos per Obama e il problema dei 134 milioni di emigrati che non possono tornare a casa. Intervista a José Jacques Medina.

Una Città 216 / 2014
LA FAGLIA GEOPOLITICA
Intervista a Paolo Calzini di Barbara Bertoncin
Le responsabilità di Russia e Occidente nell’aver lasciato precipitare gli eventi in un paese dove, grazie a una tradizione di alternanza politica, si poteva auspicare una soluzione di transizione; il pericolo rappresentato dalla minoranza radicale ucraina che ha valori, non solo antirussi, ma anche antieuropei; l’errore di interpretare il conflitto con le categorie della Guerra fredda e la speranza che un’Ucraina democratica possa contaminare la Russia. Intervista a Paolo Calzini.

Una Città 215 / 2014
NESSUNO POTRA’ PIU' DIRE A UN BIMBO “TU SEI TUTSI”
Intervista a Yolande Mukagasana di Barbara Bertoncin, Bettina Foa
Il ritorno nei luoghi del genocidio, dove sono morti tutti i propri cari, e dove i vicini non sono contenti di vedere una sopravvissuta perché si vergognano, e però anche la scoperta di un paese, ­il Rwanda, vitale e in pieno sviluppo, dove non ci sono più case di paglia, ma palazzoni e c’è dappertutto la fibra ottica; il problema dei sopravvissuti e la scoperta che lavorando assieme si può anche tornare a vivere assieme. Le speranze nei giovani. Intervista a Yolande Mukagasana.

Una Città 214 / 2014
COME DICEVA ANCHE BARACK...
Intervista a David Calef di Barbara Bertoncin
Il tentativo, da parte di JCall, movimento di ebrei europei nato nel 2010 per dar voce a chi pensa ­­che sostenere Israele significa anche criticare il suo governo, di guardare a ciò che sta succedendo tenendo conto della genesi di questo conflitto; l’ostinazione nell’espandere le colonie nei Territori occupati, scelta antitetica alla dichiarata volontà di pace; gli ebrei europei, soprattutto francesi, che non sentendosi più sicuri decidono di emigrare in Israele. Intervista a David Calef.

Una Città 212 / 2014
L'ORFANOTROFIO
Intervista a Riccardo Piccaluga di Paolo Riccardo Oliva
L’infanzia in orfanotrofio e poi il lavoro in miniera in Belgio, il ritorno in Italia, l’avviamento di una piccola azienda che via via si ingrandisce fino a quando non arriva il momento di tirare fuori quel sogno dal cassetto: dopo aver liquidato l’azienda e sistemato operai e figli, la decisione di partire per l’Africa dove andare a costruire un orfanotrofio. Intervista a Riccardo Piccaluga.

Una Città 211 / 2014
IL CONFLITTO ECONOMICO
Intervista a Simone Attilio Bellezza di Cesare Panizza
Un nazionalismo, quello ucraino, da sempre in bilico tra la tradizione socialista ottocentesca e quella fascista; la propaganda sulla separazione linguistica in un paese dove in realtà si parlano indifferentemente russo e ucraino; la tiepida accoglienza del ritorno sulla scena di Yulia Timoshenko e l’ambivalenza verso un’Europa che ha deluso. Intervista a Simone Bellezza.

Una Città 210 / 2014
RIVEDERE SARAJEVO IN FIAMME
Intervista a Valentina, Nemanja, Muhamed, Asmir di Andrea Rizza
Il cinque febbraio scorso l’ennesima protesta degli operai non è finita nell’oblio, ma si è trasformata nella scintilla che ha fatto esplodere la frustrazione accumulata in vent’anni di umiliazioni inflitte da una classe politica inefficiente e corrotta, capace solo di strumentalizzare il passato. Intervista a Valentina, Nemanja, Muhamed e Asmir del gruppo Adopt Srebrenica.

Una Città 204 / 2013
IOHOLEPROVE.COM
Intervista a Hakan Ylmaz, Semih Senel, Arda Kaya di Sarah Baldiserra
L’intolleranza verso chiunque non sia musulmano, bianco, maschio, eterosessuale; il tentativo di islamizzare, passo dopo passo, e a cominciare dal bando dell’alcool, tutta la società; le violenze della polizia e l’esautoramento dell’esercito, da sempre baluardo di laicità; la resistenza dei giovani turchi, in rete per tutta l’Europa. Interviste a Hakan Ylmaz, Semih Senel, Arda Kaya.