Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri
discussioni

Georges Bensoussan, storico, è responsabile editoriale del Mémorial della Shoah di Parigi


UNA CITTÀ n. 238 / 2017 aprile

Intervista a Georges Bensoussan
realizzata da Lanfranco Di Genio

MA L'ALTRO E' UN NOSTRO PARI?
Il problema di una sinistra che, nell’analisi dell’islamismo che attrae tanti giovani musulmani, anche per paura dell’accusa di razzismo, vede solo il dato economico e sociale, così come nell’antisemitismo arabo vede soltanto la reazione al conflitto israelo-palestinese; un processo di deassimilazione di giovani francesi di seconda e terza generazione dovuto a tanti fattori, uno dei quali è certamente la paura della libertà della donna. Intervista a Georges Bensoussan.

Georges Bensoussan, ebreo francese di origine marocchina, storico, è responsabile editoriale del Mémorial della Shoah di Parigi. In seguito a una frase da lui pronunciata durante un’intervista radiofonica ("nelle famiglie arabe, tutti sanno, ma nessuno ammette, che l’antisemitismo è trasmesso attraverso il latte materno”) alcune associazioni antirazziste francesi l’hanno portato in tribunale con l’accusa di incitazione all’odio razziale; accusa da cui Georges Bensoussan è stato assolto lo scorso marzo per la mancanza dell’elemento dell’intenzionalità. "Il convenuto -hanno spiegato i giudici- non può essere accusato di aver suscitato o di voler suscitare un senso di ostilità o di rifiuto nei confronti di un gruppo di persone e ancor meno di aver esplicitamente istigato la commissione di atti precisi contro questo gruppo”. Con Les Territoires perdus de la République Bensoussan denunciava già nel 2004 il problema dell’antisemitismo nelle periferie francesi. Dopo i violenti attentati che hanno colpito la Francia nel 2015 e 2016 2016, è emersa una consapevolezza dei problemi e dei conflitti latenti che attraversano la società francese? Sostanzialmente no. C’è sempre una certa difficoltà, in particolare da parte di alcuni ambienti politico-culturali, ad analizzare attraverso un approccio culturale il comportamento di immigrati di origine magrebina che oggi sono diventati francesi, spesso da più di due generazioni. Lo si analizza in termini sociali, che ci sta, ma non è sufficiente. Ci sono anche delle ragioni culturali. Una parte della sinistra francese, che a lungo ha dominato il panorama intellettuale producendo un enorme conformismo di "benpensanti” (in particolare all’università) fa fatica a tener conto dei fattori culturali, come se far questo fosse una forma mascherata di razzismo.  Un razzismo vergognoso, inammissibile, che verrebbe legittimato attraverso un’analisi culturalista. Il procedimento è semplicistico e riduttivo perché si basa su di un moralismo sconnesso da una visione politica. In realtà, nel momento in cui si analizza una certa situazione non si può prescindere dagli aspetti culturali e sociali: bisogna integrarli entrambi. Su questo aspetto si è ancora molto cauti. Per esempio, per quanto riguarda l’antisemitismo di questi francesi d’origine magrebina, è molto riduttivo e semplicistico ricondurlo solo a una semplice trasposizione del conflitto israelo-palestinese. Sicuramente il conflitto tra Israele e Palestina ha delle ripercussioni in Francia tra le comunità magrebine, tuttavia è un fatto che nella storia di queste comunità del Maghreb, sia radicato un antigiudaismo molto antico, in gran parte d’ispirazione islamica, ma non solo, che fa parte della cultura di base di queste società maghrebine. Tuttavia, dato che i nostri riferimenti spesso si limitano alla sola Europa, non ritrovando le stesse tracce dell’antigiudaismo cristiano, finiamo per pensare che là non ci sia antigiudaismo e che regni la concordia. Certo, l’antigiudaismo nel mondo arabo-musulmano non è sfociato nelle ondate di violenza perpetrate in Europa, c’è stata della violenza, ci sono stati degli attacchi, delle stragi di ebrei in alcuni luoghi, ma nulla che si avvicini a ciò che è successo in Europa. Quindi, siccome non si tratta dell’Europa, si pensa che non esista. Lo stesso diniego avviene per quanto riguarda il fattore religioso. La sinistra non ha preso sul serio l’ascesa dirompente del fattore musulmano, di un vero risveglio di un islam rigorista, salafista, direttamente ispirato al wahabismo saudita. L’ha considerato come un semplice derivato della collera sociale. Non riesce a considerare l’aspetto religioso per ciò che è, in modo autonomo. Pensa sempre che sia un prodotto della miseria sociale. Lo ripeto: è un ragionamento un po’ semplicistico e riduttivo. Si sottovaluta l’importanza dell’aspetto religioso... [ continua ]

Esegui il login per visualizzare il testo completo.Se sei un abbonato on-line, o hai acquistato un Pacchetto di interviste o articoli clicca qui accedere, oppure vai alla pagina Abbonamenti per acquistare l'abbonamento on-line o il Pacchetto di interviste.

Gli abbonati alla rivista hanno diritto all'abbonamento on-line gratuito!


dal nostro blog
0
24 ottobre 2017

Per un sindacato unito. Dalla lettera di Pierre Carniti a Cgil, Cisl e Uil

… Il lavoro da sviluppare è, dunque, quello di cogliere l’unità nella diversità e di trasformare il superamento delle diversità … ...

segui
0
24 ottobre 2017

Denti

Un venerdì mattina dello scorso marzo, a Salisbury, Maryland, già due ore prima del sorgere del sole si poteva vedere … segui


0
18 ottobre 2017

Epistocrazia

Su “Le Monde”, il costituzionalista Alexandre Viala, nell’interrogarsi su quale sia il modello di governo che ha in mente Macron, … ...

segui
0
17 ottobre 2017

Fuori dalla scuola

Marie, 13 anni, amava l’inglese e Shakespeare, ma non riusciva a controllare il suo comportamento. Non può farci nulla, si … segui


0
11 ottobre 2017

Disuguaglianze in Germania

Alla vigilia delle elezioni in Germania, il “Financial Times” ha dedicato un pezzo alla povertà in Germania, o più precisamente … ...

segui



chiudi