Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri
in europa

A Madrid: Enrique Martinez Reguera parla di Coordinadora de Barrios e Esculea de Emarginacion.


UNA CITTÀ n. 187 / 2011 settembre

Intervista a Enrique Martínez Reguera
realizzata da Luca Rossomando

L’OFFICINA DI IÑIGO...
Trasferirsi in un quartiere disagiato di Madrid per dare un’altra chance a ragazzini emarginati; gli anni della miseria e poi l’arrivo, devastante, della droga; la lotta contro un sistema che considera i bambini dei numeri e la scoperta di aver lasciato comunque qualche traccia... Intervista a Enrique Martínez Reguera.

Enrique Martínez Reguera, psicologo, educatore e pedagogo, ha dedicato gran parte della sua vita a convivere con i giovani emarginati, difendendoli e spingendoli all’emancipazione. Nel corso degli anni ha studiato l’evoluzione della loro condizione, indicando cause e suggerendo rimedi. Ha cominciato da solo, spinto dalla necessità di conoscere, in seguito ha cercato complici, collaboratori e alleati per ampliare e rendere più efficaci le possibilità d’intervento. Dei gruppi si sono formati, dotandosi degli strumenti di volta in volta necessari e possibili, dagli appartamenti ai centri d’appoggio, fino all’officina di Iñigo a San Fermin, Madrid. Ha pubblicato, tra l’altro, Pedagogia para maleducados e contribuito a fondare la Coordinadora de barrios e la Escuela de marginacion di Madrid. Più di trent’anni fa hai deciso di trasferirti nella periferia sud est di Madrid, nel quartiere della Celsa, che adesso non esiste più. Puoi raccontare? Alla Celsa l’80% della popolazione era gitana. Gli altri formavano un assortimento di diversi tipi marginali. Nel quartiere c’era una scuola pubblica, una piccola parrocchia e un asilo. Offrii la mia collaborazione alla scuola. All’epoca lavoravo per l’Università. Proposi un’attività ricreativa con i bambini e una consulenza come psicologo. Poco dopo lasciai l’Università: quel lavoro non mi interessava più, mi interessavano i bambini emarginati. Pensavo che la cosa più importante fosse conoscere direttamente la loro vita. I problemi di questa prima fase, che durò più o meno dieci anni, sono legati esclusivamente alla miseria: i bambini non avevano casa, vestiti, né alimentazione adeguata. Bisognava entrare in contatto con le famiglie e portare innanzitutto un aiuto materiale. Più tardi avrebbero cominciato loro stessi a chiedere una mano. In questo modo entrai lentamente nella vita delle famiglie. All’inizio ero uno che passava di là, uno sconosciuto. I primi tempi nessuno si fidava di me. Quando videro che ero inoffensivo per i loro bambini mi invitarono a casa a prendere il caffè. Entrai in confidenza con molti gitani, mi invitavano ai matrimoni, ai battesimi, alle feste…
Molti bambini si dedicavano a cercare immondizia nella discarica vicino al quartiere. Alcuni raccoglievano metallo, altri residui organici per alimentare i maiali e poi andavano a venderli. Nel quartiere c’erano condizioni di vita molto dure, però anche diversi mezzi di sostentamento. Si faceva vendita ambulante. A volte si usciva con una carretta e si raccoglievano mobili vecchi, lavatrici e televisioni per venderle fuori dal quartiere. Alcuni fabbricavano ceste o esercitavano altre attività tipiche dei gitani. Nessuno consumava droga. Negli anni Settanta, come dicevo, l’unico problema era la miseria. Mancavano molte cose, però tutti i bambini avevano una famiglia, molto ampia, quasi una tribù. E non era solo la famiglia a proteggerli. Se interveniva la polizia, tutti i vicini difendevano i bambini, anche se non erano i loro. C’era un’usanza ancestrale per cui i genitori e i nonni inculcavano ai più piccoli le loro credenze e i loro costumi. Vivevano però isolati dal resto della popolazione. Tutto il quartiere metteva in guardia i bambini, che facessero molta attenzione ai payos, i non gitani…
A un certo punto hai preso in affitto un appartamento per dare a questi ragazzi la chance di integrarsi nelle scuole cittadine. Nonostante la maggior parte dei gitani diffidasse del mio ambiente payo, alcune famiglie accettarono di lasciar andare i propri figli. In questa casa eravamo sempre in tre. Una mia amica faceva da madre e un paio di persone ci davano una mano. Se i bambini avevano famiglia preferivamo che dormissero a casa loro. Facevamo in modo che non perdessero le radici e i legami con il proprio ambiente. Venivano in questa casa per studiare, o prima di andare al lavoro. Ottenemmo qualche sovvenzione e, sull’esempio... [ continua ]

Esegui il login per visualizzare il testo completo.Se sei un abbonato on-line, o hai acquistato un Pacchetto di interviste o articoli clicca qui accedere, oppure vai alla pagina Abbonamenti per acquistare l'abbonamento on-line o il Pacchetto di interviste.

Gli abbonati alla rivista hanno diritto all'abbonamento on-line gratuito!


dal nostro blog
0
24 ottobre 2017

Per un sindacato unito. Dalla lettera di Pierre Carniti a Cgil, Cisl e Uil

… Il lavoro da sviluppare è, dunque, quello di cogliere l’unità nella diversità e di trasformare il superamento delle diversità … ...

segui
0
24 ottobre 2017

Denti

Un venerdì mattina dello scorso marzo, a Salisbury, Maryland, già due ore prima del sorgere del sole si poteva vedere … segui


0
18 ottobre 2017

Epistocrazia

Su “Le Monde”, il costituzionalista Alexandre Viala, nell’interrogarsi su quale sia il modello di governo che ha in mente Macron, … ...

segui
0
17 ottobre 2017

Fuori dalla scuola

Marie, 13 anni, amava l’inglese e Shakespeare, ma non riusciva a controllare il suo comportamento. Non può farci nulla, si … segui


0
11 ottobre 2017

Disuguaglianze in Germania

Alla vigilia delle elezioni in Germania, il “Financial Times” ha dedicato un pezzo alla povertà in Germania, o più precisamente … ...

segui



chiudi