Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri

Appello per Berneri

Noi ovviamente non contiamo nulla, ma ciononostante avanziamo una richiesta solenne agli ex-comunisti del Pci (la specifica è necessaria perché ci sono anche gli altri ex-comunisti, quelli del 68, e l’impressione è che i conti con le loro idee e con i loro atti di un tempo li abbiano fatti ancor meno dei primi): convochino un grande convegno sulla figura di Camillo Berneri, grande intellettuale e militante italiano, anarchico eterodosso, antifascista della prima ora e altrettanto rigoroso anticomunista, amico dei fratelli Rosselli, combattente di Spagna, ucciso dai comunisti delle brigate internazionali che ne rivendicarono l’omicidio sul giornale comunista in Francia.
E in questo convegno si faccia luce, finalmente, sul ruolo che ebbe Togliatti in Spagna.
E’ chiedere troppo? E’ una richiesta da pazzi? Forse sì, visto che pensiamo anche che se l’avessero fatto per tempo, negli anni scorsi, forse ora la situazione del nostro paese sarebbe diversa...
E chissà, se mai si dovesse tenere un simile convegno, che non possa svolgersi sotto l’alto patrocinio della Presidenza della Repubblica...

l'altra tradizione

UNA CITTÀ n. 148 / 2007 Maggio

Articolo di Carlo De Maria

SU BERNERI E TOGLIATTI
Pubblichiamo la lettera che il nostro collaboratore Carlo De Maria ha scritto a Repubblica per ribattere a un articolo che sosteneva che, secondo documenti dell’Ovra Camillo Berneri sarebbe stato ucciso in una faida fra “amici” e non dai comunisti. Pubblichiamo le foto dell’articolo del ‘37 del giornale dei comunisti italiani che “rivendicò” l’omicidio, e il commento, sempre del ‘37, a tale rivendicazione del giornale anarchico Guerra di classe. Pubblichiamo le parole, a dir poco miserabili se messe a fianco dell’articolo del ‘37, che Togliatti, nel ‘50 su Rinascita, dedicò a Salvemini che aveva ricordato l’allievo ucciso dagli stalinisti.

All’attenzione della redazione di "Repubblica"
All’attenzione di Massimo Novelli
Oggetto: Articolo "Chi uccise l’anarchico Berneri" (12.6.2007)
Gentili Signori, nel corso degli anni la figura di Camillo Berneri è stata oggetto degli studi di storici seri e preparati, tra i quali Pier Carlo Masini, Giampietro Berti, Claudio Venza, Pietro Adamo, Gianni Carrozza. Negli ultimi anni anche autori più giovani si sono cimentati con Berneri. Tra questi ultimi, io stesso, che ho dedicato a Berneri una biografia (Franco Angeli, 2004). Le carte della polizia politica fascista sulle quali si fonderebbero le novità proposte da Roberto Gremmo di "Storia Ribelle", e illustrate da Massimo Novelli, sono da tempo a disposizione degli studiosi, che le hanno già indagate più volte con attenzione. Come gli storici contemporaneisti sanno bene, le carte di polizia e, in particolare, le relazioni delle spie dell’Ovra sono documenti da trattare con cautela e da verificare e confrontare sempre con altre fonti pienamente attendibili. Ricordo bene che dalle carte della polizia politica consultabili all’Archivio centrale dello Stato emergono svariate ipotesi sull’assassinio di Berneri: ucciso dai comunisti perché anticomunista; ucciso dai fascisti perché antifascista; ucciso dagli antifascisti perché spia fascista (niente di meno!!) e, infine, anche l’ipotesi ora sbandierata da Gremmo e raccolta prontamente da Novelli.
Non dimentichiamo, per restare sul piano delle certezze, che l’assassinio di Berneri venne rivendicato da "Il Grido del Popolo" (Parigi), giornale del partito comunista italiano, il 29 maggio 1937, con un corsivo non firmato intitolato "Bisogna scegliere", nel quale si legge che Camillo Berneri "è stato giustiziato ... dalla Rivoluzione democratica, a cui nessun antifascista può negare il diritto di legittima difesa". Nello stesso articolo i comunisti arrivavano fino al punto di rimproverare aspramente i socialisti del "Nuovo Avanti", colpevoli di aver commemorato la morte di Berneri. L’impressione che io traggo da questa vicenda è che i quotidiani, anche i più autorevoli, si occupano spesso di storia contemporanea solo quando c’è possibilità di un facile scoop, ignorando magari, con una certa superficialità, la letteratura in materia. Ringraziando per l’attenzione, saluto cordialmente. Carlo De Maria


Le parole di Gaetano Salvemini
Non si ritorna senza un battito di cuore alla scuola che vi accolse adolescente, e fece di voi un uomo, e poi vi riprese insegnante, e poi doveste dividervene col pianto nell’anima, ed ora vi ritornate dopo lunga frana di eventi.
Qui, studente, ebbi compagno Cesare Battisti, che durante la prima guerra mondiale, nel 1916, doveva essere impiccato dagli austriaci. Qui, insegnante, ebbi alunni ed amici Nello Rosselli e Camillo Berneri: il primo con suo fratello Carlo doveva essere assassinato nel 1937 da sicari francesi per mandato italiano; il secondo doveva essere soppresso in Spagna da comunisti nel 1937. I ricordi si affollano alle porte del cuore. ...

(E’ l’inizio del discorso tenuto da Gaetano Salvemini, il 16 ottobre 1949, all’Università di Firenze nel riprendere l’insegnamento di Storia Moderna dopo 25 anni di esilio e pubblicato su Il ponte del febbraio 1950).

Le parole di Palmiro Togliatti
Non perdoniamo però, sempre a Gaetano Salvemini, di portare persino nelle aule universitarie alcuna tra le più infami calunnie della libellistica anticomunista. In una sua lezione prolusiva al corso di storia moderna all’Università di Firenze, pubblicata dal Ponte, non ha egli trovato il modo di ricordare, dopo Nello Rosselli, “assassinato da sicari francesi per mandato italiano”, Camillo Bernieri, “soppresso in Spagna da comunisti nel 1937”? O quest’uomo le beve veramente tutte le panzane, purché siano di marca americana e anticomunista, o è disonesto. Cammillo Bernieri era anarchico, e fra gli anarchici di Barcellona, nell’apriIe del ‘37, egli apparteneva alla tendenza che in certo modo si stava avvicinando ai socialisti unificati ai catalanisti e ai repubblicani, in quanto si era opposto anche vivacemente e suscitando contrasti alla condotta dei famosi incontrolados, che col pretesto di fare l’anarchia sfasciavano il fronte e facevano strada ai fascisti. Vi fu la nota rivolta barcellonese del maggio: una serie confusa di sanguinose battaglie di strada, da casa a casa, dai tetti, ecc. Il Bernieri cadde in uno di questi scontri: ecco tutto. Contro gli insorti anarchici si batterono, prima di tutto le forze armate e di polizia della repubblica, con fanteria, carri armati, ecc.; e, come partiti, si batterono contro gli insorti anarchici tanto i comunisti (termine improprio, però, perché in Catalogna non vi era un vero partito comunista, ma un partito socialista unificato di composizione molto eterogenea), quanto i repubblicani di tutte le tendenze. In questa situazione affermare, a proposito di uno dei caduti di quelle giornate, che egli fu “soppresso dai comunisti”, è una enormità morale. Così faceva la storia, prima di Gaetano Salvemini, il Padre Bresciani.

(E’ il commento alle parole di Salvemini, apparso su Rinascita del marzo 1950, a firma Roderigo, cioè Palmiro Togliatti).


archivio
No, Rousseau non era un totalitario
Il saggio fondamentale del ‘58 di Isaiah Berlin, che andando a cercare le origini del totalitarismo comunista, arriva a trovarle in Rousseau, ancor prima in Kant e nell’idea di una libertà positiva, prescrittiva; un manicheismo da "guerra fredda” che crede nella proclamazione della verità più che nella sua ricerca; il rischio oggi di vedere un islam monolitico e impermeabile alla libertà; l’idea diversa di Bobbio e il valore del dialogo perché nessuna cultura è monolitica.

Intervista a Nadia Urbinati.

La proprietà libera?

risponde Nico Berti

Il senso della lotta

Come in Piero Gobetti si intrecciarono liberalismo e idea di rivoluzione. Un marxismo valido nel suo materialismo e nell’idea di storia come storia di lotta di classi. Il grande valore democratico del conflitto e della lotta nella società. Intervista a Pietro Polito.

Le due anime

Per Andrea Caffi il socialismo era uguaglianza, libertà, diritti, ma anche felicità; un uomo vissuto tra due secoli e tra tanti paesi, forgiato dalla cultura dell’illuminismo francese, ma anche dal populismo russo, in cui il razionalismo conviveva con la solidarietà per gli umili. Intervista a Nicola Del Corno e Sara Spreafico.

Fai il consigliere comunale

La storia del Bund, il partito che organizzava i lavoratori e la vita quotidiana delle comunità ebraiche polacche e che finì con le deportazioni nei campi di sterminio e con la disperata insurrezione del ghetto di Varsavia; Marek Edelman, bundista, medico, dirigente di Solidarnosc... Intervista a Wlodek Goldkorn.

L'associazione

La figura luminosa di Andrea Costa, uno dei fondatori del socialismo italiano, che non rinnegò mai le sue origini libertarie e che sognava un partito federale, decentrato, pluralista, alleato a radicali e democratici; l’esperienza di Imola, primo comune italiano governato dai socialisti; il welfare municipale. Intervista a Carlo De Maria.

L'individualismo solidale

Una rivista nata dall’idea che la frattura novecentesca fra un pensiero socialista e l’individualismo, abbandonato all’egoismo, fosse sbagliata e sanabile...
Intervista a Ferruccio Andolfi.
Capitalismo e libertà

Libertà e capitalismo sono indissolubili? Ogni idea di cambiamento non può che partire dalle condizioni storiche concrete in cui il massimo di libertà si è realizzata. L’idea di libertà non può che essere negativa, come assenza di coercizione; il pericolo delle libertà positive, sempre prescrittive. La libertà è anche quella di non partecipare. Il grande errore della sinistra di legare libertà a risorse.
Conversazione con Nico Berti.
Ricordiamo Koestler
e gli altri

La vicenda di Arthur Koestler, e di tanti come lui, che dopo aver aderito al comunismo, ne rimasero talmente inorriditi che, pur nel periodo più duro della lotta antinazista, non cedettero al "ricatto antifascista” e lottarono anche contro l’altro totalitarismo. Il Congresso per la libertà della cultura e i soldi della Cia. La tragica debolezza dell’anticomunismo di sinistra.
Intervista a Marcello Flores.
 
Riformismo rivoluzionario

Il tragitto politico e intellettuale di Riccardo Lombardi, dapprima strenuo sostenitore di una politica pianificatrice dall’alto, che presupponeva la conquista della "stanza dei bottoni” e, dopo il fallimento del centrosinistra, fautore di un’"alternativa socialista”, basata su forme, dal basso, di autogestione. L’appoggio decisivo all’elezione di Bettino Craxi, di cui ebbe a pentirsi.
Intervista a Francesco Grassi.

Ma perché
il maoismo?

L’ultrastalinismo del Partito comunista italiano e il fatto che abbia dato un grande contributo alla costruzione della democrazia sono due aspetti veri entrambi. Il fideismo verso l’Urss una vera religione. Il mistero di un movimento antiautoritario, quello del 68, caduto quasi subito nell’ideologia comunista. Nessuna manifestazione per Praga. Una rimozione più che una vera autocritica.
Intervista a Marcello Flores.
Quell'ansia di prendere il potere

La sincerità sconvolgente, per la sinistra innanzitutto, di Pasolini. Se del 68 Chiaromonte rigetta la ricerca dell’appagamento di tutti i desideri, cardine della società dei consumi, Pasolini denuncia l’identificazione con l’aggressore di tanta sinistra giovanile e, al fondo, dello stesso marxismo, che ama il capitalismo e la sua tensione al futuro. Un populismo libertario e il "fondo oscuro dell’esistenza”.
Intervista a Filippo La Porta.
Se Jefferson...

Il modo ambivalente di guardare all’America della sinistra europea dipende dalla storia: quando qua regnava il privilegio là si diceva "una testa un voto”, qua si aspettava sempre la rivoluzione là pensavano di averla già fatta; il deficit terribile di liberalismo della sinistra italiana. Intervista a Pietro Adamo.





chiudi