Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri

L'eccidio di Forlì
Nel 1933 io stavo finendo il liceo, l’era nazista stava iniziando. Di circa 20 alunni ero l’unica ebrea e fino ad allora avevo avuto un buon rapporto con i miei compagni. Essendo brava nei temi in lingua tedesca, e soprattutto in francese e in inglese, ma uno zero in matematica, eravamo costretti ad aiutarci a vicenda. Le cose cambiarono bruscamente dopo il 1933. ...



ricordarsi

Il Memoriale per le vittime di eutanasia


UNA CITTÀ n. 253 / 2018 novembre

Intervista a Clara Mansfeld e Christian Marx
realizzata da Simone Belci

Ballast-existenzen (esistenze zavorra)
Il testo fondamentale del 1920 sulla “vita indegna di vita” a cui faranno riferimento i nazisti con le prime campagne di sterilizzazione forzata a partire dal ‘34 e poi con il progetto T4, dal nome della strada in cui si organizzò lo sterminio di almeno 70.000 vittime; una medicina al servizio del “corpo nazionale”, intaccato, per i nazisti, da schizofrenia, cretinismo, epilessia e alcolismo; in ogni luogo in cui si svolse il T4 un memoriale. Intervista a Christian Marx e Clara Mansfeld.

Christian Marx è il responsabile pedagogico del Memoriale per le vittime di eutanasia di Brandenburg an der Havel, nonché promotore del progetto di inclusione descritto nell’intervista. Clara Mansfeld lavora come storica all’Università di Jena e collabora con il memoriale, dove ha seguito il progetto di inclusione dalle sue prime battute. Qual è la storia del programma nazista "Eutanasia”? Clara. La prima cosa importante da dire è che, come nel caso dell’antisemitismo, non si tratta di un’ideologia piombata improvvisamente sulla terra nel 1933 con un’astronave. L’idea che si dovessero uccidere i malati, i disabili, le persone con disturbi psichici, per il loro bene e per quello della società, arrivava da molto lontano. La concezione di un mondo decadente, in cui persone naturalmente votate alla morte sopravvivono, è strettamente intrecciata con la storia dell’industrializzazione. Un’altra radice costitutiva di questa ideologia è il darwinismo sociale, che godeva di una popolarità sorprendente all’inizio del secolo scorso. Per il mondo tedesco un passaggio fondamentale è costituito dalla pubblicazione nel 1920 de Die Freigabe der Vernichtung lebensunwerten Lebens (L’autorizzazione ad annientare forme di vita indegne) da parte di Karl Binding e di Alfred Hoche. Il libro tratta il tema del suicidio assistito, sia dalla prospettiva della giurisprudenza che da quella medica, per poi affrontare la questione dell’uccisione della "vita indegna di vita”. I riferimenti degli autori a disabili e persone con disturbi psichici sono impliciti, ma evidenti. Queste idee acquistano slancio negli anni successivi alla Prima guerra mondiale, in un contesto segnato da povertà, fame e mutilazioni di guerra. L’eutanasia è un tema presente nel dibattito pubblico per tutti gli anni Venti e poi, con la presa del potere da parte del nazionalsocialismo, si arriva alla sua realizzazione vera e propria. A partire dal 1934 i nazisti organizzano un’amplissima campagna di sterilizzazioni forzate, spesso nella convinzione di poter così debellare le malattie ereditarie, e poi, dal ’38-’39, si passa attivamente allo sterminio delle "forme di vita indegne” nell’ambito della famigerata "azione T4”. Il programma prende il nome dalla Tiergartenstraße 4 di Berlino, dove si trovavano gli uffici organizzativi dell’operazione, e viene attuato in una prima fase in sei luoghi centrali di sterminio, uno dei quali è Brandenburg an der Havel. Nel 1941 l’azione T4 dovrà tuttavia essere sospesa, perché man mano che la notizia si diffonde, specie dagli ambienti clericali, si levano voci di opposizione che spaventano il regime. Inizia allora la fase della cosiddetta "eutanasia decentrata”, caratterizzata dagli omicidi negli ospedali, negli istituti di cura, dove ai pazienti vengono negate le cure vitali, somministrate iniezioni letali o vengono lasciati morire di fame. Christian. Nel contesto dell’azione T4 si stimano circa 70. 000 vittime; per l’eutanasia nel suo complesso si parla di 300. 000 omicidi. Mentre la prima cifra si riferisce alla fase centralizzata dell’eutanasia nel territorio tedesco di prima dell’occupazione, la somma generale si riferisce all’eutanasia nel suo complesso in tutta l’Europa occupata. Quali sono i fondamenti ideologici dell’azione T4? Clara. Innanzitutto la purezza della razza, la salute del corpo nazionale, che si ritiene venga intaccata da una serie di malattie ereditarie: cretinismo, schizofrenia, ma anche epilessia e alcolismo, che si cercano di debellare prima con le sterilizzazioni forzate e poi con l’eutanasia. Nel rendere possibili questi crimini, è stata determinante una torsione nel modo di concepire la medicina: non più al servizio dell’individuo, ma di un corpo nazionale forte, la cui salute va anteposta a qualunque altra cosa. L’altro insidiosissimo e fondamentale argomento ideologico è di carattere economico: ... [ continua ]

Esegui il login per visualizzare il testo completo.Se sei un abbonato on-line, o hai acquistato un Pacchetto di interviste o articoli clicca qui accedere, oppure vai alla pagina Abbonamenti per acquistare l'abbonamento on-line o il Pacchetto di interviste.

Gli abbonati alla rivista hanno diritto all'abbonamento on-line gratuito!


archivio
Le tombe vuote

La straordinaria e forse unica esperienza delle Madres de Plaza de Majo, che a partire dal loro essere madri alla ricerca dei propri figli si sono fatte carico di tutti i desaparecidos e, in fondo, del futuro dell’Argentina, a cui sono riuscite a restituire l’onore perduto negli anni bui. Intervista a Letizia Bianchi e a Giannina Longobardi.

La buccia delle mele

L’odissea di un giovane ebreo belga, di famiglia sefardita turca, nell’Europa delle deportazioni e "l’assurdo” di Auschwitz; la voglia di vivere e la diffidenza per i ricordi che demoralizzano; le difficoltà, dopo la liberazione, per ritrovarsi e l’indifferenza delle autorità turche; la questione del ladino. Intervista a Haïm Vidal Séphiha.

8 maggio 1945

Una data sulla quale si incrociano memorie diverse: l’inizio di un periodo di pace per l’Europa occidentale, l’inizio dell’occupazione sovietica per quella orientale, il massacro di Setif per i magrebini; l’istituzionalizzazione della memoria crea anche conflitti; la necessità di un’attualizzazione della memoria.
Intervista a Enzo Traverso.
Arrivarono a Auschwitz a piedi

Un interesse, quello per gli zingari, nato per caso, e proseguito nella frequentazione del campo. La scarsa copertura storiografica dello sterminio nazista. Il difficile rapporto con la memoria di una cultura orale. Un pregiudizio diffuso anche a sinistra.
Intervista a Paolo Finzi.

I rituali inutili

La memoria che oggi sembra perdersi nell’attualità, nel consumo degli oggetti, nel non aver più tempo per prendersi una pausa; il ruolo anche positivo dell’oblio che si intreccia con quello del ricordo. La funzione di un di gesto, o di un oggetto mediatore, che sposta, spiazza, apre al ricordo e al dialogo. La pena può essere proprio nello sguardo dell’altro che sa; la scoperta delle complicità.
Intervista ad Andrea Canevaro.


Ruanda
Un gruppo di scrittori africani ha vissuto per due mesi in Rwanda per poi raccontare il genocidio. Il problema che pone l’uso della fantasia letteraria e di lingue leggibili da pochissime persone. Le responsabilità storiche gravissime delle potenze coloniali e quelle politiche, altrettanto gravi, della Francia rispetto al genocidio. Il pregiudizio razzista che l’Africa sia un problema in sé, che sia diversa.
Intervista a Boubacar Boris Diop.

La vergogna
della tortura

Le ferite riportate dalle torture non si cancellano, restano, continuano a riaprirsi in un silenzio dovuto, spesso, alla vergogna per aver abbandonato i cari o per aver subìto violenze psicologicamente devastanti. Un fardello di cui non ci si potrà mai liberare del tutto. E’ lo psicoanalista a dover avvicinarsi alle barriere. L’importanza di far venire alla luce la storia.
Intervista a Anna Sabatini Scalmati.

Non provavo colpa, vergogna sì

L’intervento-intervista di Hans Koschnik al convegno di Sarajevo sulla memoria.
La cospirazione del silenzio

Il silenzio e l’indifferenza che fanno più male della persecuzione. Il trauma che infetta l’individuo, ma anche la famiglia, il vicinato, una nazione. L’importanza del risarcimento, della restituzione, della riabilitazione, della commemorazione. Parlare e raccontare è la condizione fondamentale per ogni ricostruzione. L’intervento di Yael Danieli ad un convegno a Tuzla su "trauma e memoria".
Lo sgabuzzino buio

Cosa sanno della shoà i ventenni di oggi? Una ricerca svolta all’Università di Torino con un gruppo di liceali offre una traccia preziosa di lavoro. Perché bisogna evitare di colpevolizzare in partenza i ragazzi. L’importanza delle nozioni e la lotta al pregiudizio, che non è mai vinta per sempre.
Interventi di Anna Bravo e Fabio Levi.

Il quotidiano di allora

Un viaggio a Auschwitz e Birkenau di studenti romani, accompagnati da ex-deportati, organizzato dal comune di Roma nel tentativo di coniugare storia, memoria e spirito di cittadinanza in una città che ha conosciuto le deportazioni. La realtà dei luoghi visti nei film. Il rischio che il concetto di unicità ostacoli la riflessione dei ragazzi.
Intervista a Fiorella Farinelli.
Piccoli pezzi di vita

Il problema drammatico di una memoria che non passa più nell’esperienza quotidiana e familiare. Lo spettacolo dell’orrore che rischia di suscitare rimozione e banalizzazione. Il surrogato dei film usati dalla scuola per consegnare la verità ai giovani. Arrivederci Ragazzi e Schindler’s list.
Di Andrea Canevaro.







chiudi