Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri
storie di lavoro

Danilo Beltrambini da vent’anni lavora in un laboratorio artigianale di taglio scarpe


UNA CITTÀ n. 238 / 2017 aprile

Intervista a Danilo Beltrambini
realizzata da Sarah Baldiserra

IL TAGLIATORE
Un lavoro difficile, quello di tagliare le pelli per fare le scarpe nel distretto della calzatura di lusso fra i più importanti al mondo; un lavoro di alto artigianato ma da dipendente, che ti lascia il tempo, e la testa, per le altre cose che avresti voluto fare nella vita. Intervista a Danilo Beltrambini.

Danilo Beltrambini, 38 anni, vive a San Mauro Pascoli (Rimini) ; da vent’anni lavora in un laboratorio artigianale di taglio scarpe. Che studi hai fatto? Ho fatto l’istituto d’arte. Avevo iniziato a fare l’Iti ma non mi piaceva l’ambiente, così ho cambiato e sono andato a fare grafica pubblicitaria. In quel periodo mio padre si è ammalato. Sono riuscito a prendere il diploma di terza superiore, ma dopo sono dovuto andare a lavorare. Una decina d’anni dopo, a 26 anni, siccome mi era rimasto il pallino di non essere riuscito a diplomarmi, ho fatto i corsi serali e adesso sarei ragioniere. Avrei anche voluto fare il conservatorio ma erano tutte cose piuttosto lunghe e dispendiose. A sette anni mi avevano regalato le tastierine: ci stavo molto tempo, mi è sempre piaciuto tantissimo. I miei mi hanno mandato un po’ a scuola di musica e poi, da solo, ho studiato la classica. Da grande ho suonato anche con Max Gazzè e Cristina Donà. Però è rimasto un hobby; ci faccio cinque-seicento euro l’anno con i concerti. Il mio lavoro sono le scarpe. Ho iniziato a 18 anni. Sono stato costretto perché mio padre stava male e i miei non mi potevano mantenere. Doveva essere una cosa temporanea, invece sono vent’anni che lavoro in quello stesso posto. Mi sono trovato relativamente bene. È una piccola azienda, un laboratorio artigianale gestito da padre e figlio. Tu fai il tagliatore, puoi raccontare? Quando ho iniziato tagliavamo a mano, con un trincetto e una lima. I modellisti ci davano le sagome, noi ci mettevamo lì e piano piano, un paio alla volta, facevamo le scarpe. Le sagome le chiamavamo "delme”, in dialetto. Immagina un cartoncino un po’ più rigido con dentro, scavati, dei solchi per fare i segni che servivano ai montatori. Il trincetto altro non era che una lastra sottile di metallo, un metallo abbastanza morbido, che si poteva arrotare anche con una lima. Non aveva neanche la forma della lama, era proprio un rettangolo, e tu lo dovevi tagliare per dargli la forma che volevi. Quando entravo, la mattina, c’era un silenzio delizioso. Si sentivano dei colpetti, come giornali che cadono sul legno. Arrivavo al lavoro, aprivo l’armadietto, prendevo il camice. La stanza era piccola, con sei operai, ognuno al suo banchetto con i modelli ai lati. Tu entravi e sentivi: tam, tam, tam. La mattina nessuno aveva voglia di parlare, si sentiva solo questo tam, tam, tam. Così. Ogni tanto qualcuno arrotava: trr, trr, trr. Quando il materiale era particolarmente duro dovevo spingere con il dito. Le mie mani erano piene di calli e ogni tanto capitava la famigerata "bistecca”. Quando appoggiavi il modello di cartone sul pellame lo dovevi tenere con le mani per ritagliare la sagoma. Dopo un po’ uno faceva in fretta, non puoi stare lì a guardare ogni volta. Facendolo tutto il giorno capita la distrazione: se tieni il dito fuori dalla sagoma te lo prendi, e il trincetto è molto affilato. Se ti tagliavi sulla punta delle dita ti provocavi solo una ferita, però se ti tagliavi sul polpastrello ti veniva via proprio una fettina di dito: la chiamavamo "bistecca”. Era una scocciatura perché per un giorno intero non riuscivi più a usare il dito. Comunque in generale è un mestiere abbastanza sicuro, non mi posso lamentare. Anzi, dove lavoro prestano grande attenzione a tutte le formalità: ci sono i cartelli con scritto "Attenzione alle mani”, ci sono i gradini con il nastro zigrinato per il pericolo di caduta e su ogni scaffale è indicato il peso massimo. Stanno molto attenti, non gli conviene prendere una multa per una sciocchezza. Non è che siamo messi proprio benissimo, la crisi l’abbiamo sentita parecchio. All’inizio come apprendista guadagni pochissimo. Quando ho iniziato prendevo circa 800 mila lire, sui 400 euro. Non ci si poteva vivere. Se avevi i genitori che lavoravano allora potevi uscire, comprarti dei vestiti, ma non era possibile pagarsi le bollette con quella... [ continua ]

Esegui il login per visualizzare il testo completo.Se sei un abbonato on-line, o hai acquistato un Pacchetto di interviste o articoli clicca qui accedere, oppure vai alla pagina Abbonamenti per acquistare l'abbonamento on-line o il Pacchetto di interviste.

Gli abbonati alla rivista hanno diritto all'abbonamento on-line gratuito!


dal nostro blog
0
24 ottobre 2017

Per un sindacato unito. Dalla lettera di Pierre Carniti a Cgil, Cisl e Uil

… Il lavoro da sviluppare è, dunque, quello di cogliere l’unità nella diversità e di trasformare il superamento delle diversità … ...

segui
0
24 ottobre 2017

Denti

Un venerdì mattina dello scorso marzo, a Salisbury, Maryland, già due ore prima del sorgere del sole si poteva vedere … segui


0
18 ottobre 2017

Epistocrazia

Su “Le Monde”, il costituzionalista Alexandre Viala, nell’interrogarsi su quale sia il modello di governo che ha in mente Macron, … ...

segui
0
17 ottobre 2017

Fuori dalla scuola

Marie, 13 anni, amava l’inglese e Shakespeare, ma non riusciva a controllare il suo comportamento. Non può farci nulla, si … segui


0
11 ottobre 2017

Disuguaglianze in Germania

Alla vigilia delle elezioni in Germania, il “Financial Times” ha dedicato un pezzo alla povertà in Germania, o più precisamente … ...

segui



chiudi