Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri
buoni esempi

Vittorio Gimigliano, architetto, è socio fondatore, con Annalia Immovilli, di Officine Urbane


UNA CITTÀ n. 221 / 2015 aprile

Intervista a Vittorio Gimigliano
realizzata da Thomas Casadei

LA CITTA' DISPERSA
Le profonde trasformazioni in atto nella campagna della Bassa reggiana, dove si assiste a un ritorno alla monocultura, spesso legate alle filiere agroenergetica hanno un effetto anche sugli equilibri delle città; un modello, quello della città dispersa, polverizzato che, in un contesto di scarsità di risorse, diventa totalmente insostenibile; i dubbi su progetti antispreco che si limitano ad aggiungere un anello alla filiera del consumo. Intervista a Vittorio Gimigliano.

Vittorio Gimigliano, architetto, è socio fondatore, con Annalia Immovilli, di Officine Urbane. Officine Urbane sviluppa e coordina strumenti e progetti di riqualificazione, valorizzazione e rigenerazione urbana, ambientale e sociale del patrimonio edilizio pubblico e privato. Ci racconti cos’è "Officine Urbane”? "Officine Urbane” è uno studio associato di professionisti con esperienze e competenze diverse quanto complementari, nell’edilizia residenziale pubblica, nella rigenerazione urbana e pianificazione territoriale, nella riqualificazione energetica, nella valorizzazione del patrimonio immobiliare. Le nostre competenze differenti ci consentono di lavorare su scale differenti, dall’architettura al territorio. Parallelamente, in modo complementare all’attività tecnico-professionale, conduciamo un’intensa attività di ricerca indipendente, che recentemente si è focalizzata sulle trasformazioni del territorio nella provincia di Reggio Emilia. Abbiamo elaborato dati sul consumo di suolo, sulla trasformazione della terra agricola in giacimento energetico, sul rapporto città-campagna, sulla recente metamorfosi delle periferie, sulle potenzialità delle reti territoriali dismesse e da riattivare, sulla necessità di ripensare i modelli economici, finanziari e attuativi delle trasformazioni urbane, sulla concreta possibilità di realizzare territori resilienti. Condividiamo le nostre ricerche attraverso incontri pubblici con associazioni, comitati, cittadini, università. Promuoviamo una partecipazione attiva delle comunità locali; con questo obiettivo abbiamo dato vita al blog "Urbanauti”, racconto e collegamento tra spazio e comunità, tra dimensione urbana e rurale, tra beni comuni ed economia solidale, tra campagna e cultura del cibo. Quest’anno dal blog è nato il progetto "Urbanauti -viaggio ai confini della città”, una riflessione sul rapporto fra comunità e spazio urbano nella città consolidata, nelle periferie, nelle aree marginali. I viaggi degli "Urbanauti” ai confini della città adottano la forma dell’urban walking e l’osservazione si focalizza sull’uso degli spazi pubblici, sulle trasformazioni morfologiche e socio-economiche, guardando ai quartieri esemplari, all’evoluzione del mercato immobiliare, alla nascita di nuove tipologie edilizie, alle recenti modalità e strategie di urbanizzazione del territorio. Le nostre ricerche si basano su reti aperte, inclusive e collaborative con cui condividere esperienze, esplorare nuove strade. E per questo comunichiamo con diverse modalità, anche attraverso i social network. Il mondo rurale e le sue trasformazioni sono oggi certamente poco studiate, e quando ciò avviene è per segnalare le difficoltà, se non la crisi strutturale, dell’agricoltura come sistema economico. Italo Calvino scriveva che "la città prende forma dal deserto a cui si oppone”. Negli ultimi anni si parla, si scrive, si discute molto di città. Il XXI secolo sarà il "secolo urbano”, ma non può esistere città senza campagna. La storia delle città, la prosperità delle città, è nella ricerca costante di un equilibrio, di un’equità quasi irraggiungibile, con la campagna. Reggio Emilia, centro rurale fino agli anni 50 rappresenta in questo un archetipo. La sua storia, come la sua contemporaneità, è legata indissolubilmente al rapporto con il mondo rurale, a nord, con la Bassa, come a sud, con l’Appennino. Da lì sono arrivati gli operai delle Reggiane, molti di loro poi divenuti artigiani e imprenditori e protagonisti del benessere emiliano. Dalla campagna arrivano ancora oggi le eccellenze agro-alimentari. E nella campagna, vicino alla città, negli ultimi trent’anni si sono insediati, tra gated community e country style, tanti cittadini. Mentre nelle aree interne della provincia, in collina così come in montagna, si assiste a una inarrestabile contrazione demografica accompagnata da un rapido invecchiamento... [ continua ]

Esegui il login per visualizzare il testo completo.Se sei un abbonato on-line, o hai acquistato un Pacchetto di interviste o articoli clicca qui accedere, oppure vai alla pagina Abbonamenti per acquistare l'abbonamento on-line o il Pacchetto di interviste.

Gli abbonati alla rivista hanno diritto all'abbonamento on-line gratuito!


dal nostro blog
0
24 ottobre 2017

Per un sindacato unito. Dalla lettera di Pierre Carniti a Cgil, Cisl e Uil

… Il lavoro da sviluppare è, dunque, quello di cogliere l’unità nella diversità e di trasformare il superamento delle diversità … ...

segui
0
24 ottobre 2017

Denti

Un venerdì mattina dello scorso marzo, a Salisbury, Maryland, già due ore prima del sorgere del sole si poteva vedere … segui


0
18 ottobre 2017

Epistocrazia

Su “Le Monde”, il costituzionalista Alexandre Viala, nell’interrogarsi su quale sia il modello di governo che ha in mente Macron, … ...

segui
0
17 ottobre 2017

Fuori dalla scuola

Marie, 13 anni, amava l’inglese e Shakespeare, ma non riusciva a controllare il suo comportamento. Non può farci nulla, si … segui


0
11 ottobre 2017

Disuguaglianze in Germania

Alla vigilia delle elezioni in Germania, il “Financial Times” ha dedicato un pezzo alla povertà in Germania, o più precisamente … ...

segui



chiudi