Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri

"Il giornalismo al tempo dei supporti digitali": i file audio del convegno
Il 7 maggio scorso a Coriano si è svolto un incontro sul giornalismo (e i "giornalismi") di fronte alle nuove sfide date dalla Rete e dalla quantità di supporti e mezzi che si stanno facendo avanti, sia per coloro che si occupano di informazione, sia per coloro che ne fruiscono. Qui gli audio, il video e alcune interviste ai partecipanti.

Vent'anni
e 2000 interviste


La tre giorni di dibattiti, presentazione libri e concerti che si sono tenuti a Forlì per celebrare i vent'anni di Una città.

Qui i video, le foto e gli audio degli interventi.

La casa del bigotto
Religione come guida nella vita quotidiana, saggezza popolare, iniziativa individuale, valori della comunità e nazionalismo, astio verso il welfare e l’assistenza ai poveri, quindi ai neri, verso le grandi banche e i costumi cosmopoliti... Una realtà fuori controllo del Partito repubblicano. Intervento di Stephen Eric Bronner.
La politica americana viene generalmente vista come non ideologica e pragmatica. Qualche volta tende a sinistra, altre volte a destra, ma il pendolo sembra sempre ritornare a quello che lo storico liberale Arthur Schlesinger definiva "il centro vitale”. Eppure è innegabile che i movimenti di estrema destra siano stati una costante. Le istituzioni politiche americane possono minimizzare le prospettive di conquista del potere da parte di partiti politici connotati ideologicamente, ma i movimenti reazionari di massa hanno messo sotto pressione l’apparato elettorale e hanno avvelenato l’atmosfera culturale della nazione sin dalla sua nascita. Il bigotto si è sempre sentito a casa. Gli è stato dato il benvenuto dai "nativisti” xenofobi ("know nothings”) del 1840, dal Ku Klux Klan, dagli "America Firsters” anti-interventisti durante la seconda guerra mondiale che spesso preferivano Hitler a Franklin Delano Roosevelt, dai partigiani di Joseph McCarthy, dalla John Birch Society così come dalla maggioranza "silenziosa” degli anni 60 e dalla maggioranza "morale” degli anni 80.


Newsletter domande


"Domande" è la newsletter (quasi) quindicinale di Una città
.

Cos'è il diritto all'oblio?

Guido Scorza è avvocato e dottore di ricerca in Informatica giuridica e Diritto delle nuove tecnologie. Scrive, tra gli altri, per L’Espresso, Wired.it e Punto Informatico. Qui il suo blog.




Andrew Arato ripercorre le tappe che hanno portato l'Ungheria alla situazione attuale: dal fallimento del processo costituzionale negli anni 90, anche a causa dell'irresponsabilità dei socialisti, all'entrata in scena del partito Fidesz.

Per iscriversi a "Domande" utilizzare il menù "newsletter" sulla homepage del sito.
cosa sta succedendo

Intervista a Matteo Guidi, artista, e il suo lavoro in carcere


  
UNA CITTÀ n. 213 / 2014 maggio

Intervista a Matteo Guidi
realizzata da Francesca de Carolis

LA CAFFETTIERA
Quali sono i meccanismi che governano i luoghi in cui le persone sono sottoposte a un forte controllo, come possono essere le carceri, i Territori occupati, ma anche un banale aeroporto, e quali gli espedienti e le tattiche che mettiamo in atto per reagire e rinegoziare la nostra posizione; gli utensili da cucina che in carcere trovano usi inediti e fantasiosi. Intervista a Matteo Guidi.

Matteo Guidi, artista visivo con una formazione in comunicazione visiva ed etno-antropologia, conduce ricerche in contesti complessi con particolare interesse ai fenomeni di forte esclusione sociale caratterizzati da alti livelli di controllo sulla persona. Ha pubblicato Cucinare in massima sicurezza, Stampa Alternativa / Nuovi Equilibri, Viterbo, 2013.

Nel tuo lavoro di ricerca privilegi l’attenzione alle persone che vivono in situazioni di forte controllo...
L’idea di osservare chi vive in condizione di forte controllo è solo un pretesto per vedere ciò che accade in termini più generali nella nostra vita quotidiana. Le carceri sono un esempio di forte controllo della e sulla persona, così come per me è stata l’esperienza in Palestina, dove le persone sono fortemente limitate nelle loro pratiche quotidiane. Ma anche le dinamiche familiari possono imporre un forte controllo. In situazioni come il carcere o un regime militare queste situazioni sono esasperate, ma in realtà ci sono tante misure intermedie dove, senza che ce ne rendiamo conto, questo avviene.
Che dire degli aeroporti? Sono un altro luogo in cui le persone sono fortemente controllate; un luogo molto più vicino a noi e nel quale accettiamo questo controllo perché ne va della nostra sicurezza.
Ecco, a me interessa andare a vedere le limitazioni quotidiane e soprattutto le tecniche, le tattiche che noi adottiamo per superarle. Per questo mi interessano le carceri o i territori controllati come la Palestina, perché ci permettono di capire qualcosa di quello che avviene nella nostra vita quotidiana, in territori dove apparentemente ci sentiamo sicuri.
L’obiettivo per me, insomma, è studiare i meccanismi del controllo dichiarato, istituzionalizzato, ma anche vedere come l’uomo è in grado di trovare degli espedienti, che io chiamo tattiche, soluzioni o scorciatoie per riadattare e rinegoziare la propria posizione altrimenti passiva.
Proviamo a mettere a fuoco i due casi estremi con i quali ti sei confrontato. Iniziamo dal carcere. Com’è stato l’incontro con i detenuti?
Tutto è cominciato perché la cooperativa Co.Mo.Do, che stava gestendo laboratori dentro la Casa di reclusione di Spoleto dove lavorava da tempo e anche bene, mi ha proposto di andare a tenere un modulo nei laboratori di comunicazione visiva che loro già stavano portando avanti da qualche anno. Era il 2008. Ho accettato subito; avevo una tremenda voglia di entrare in carcere, di penetrare quei luoghi.
Sinceramente non amo particolarmente tenere workshop o laboratori, un po’ mi annoia e trovo il rapporto con gli studenti un po’ difficoltoso, ma mi interessava e incuriosiva molto capire questi rapporti in una situazione tanto lontana dalla mia vita ordinaria. Ero anche convinto che avrei potuto fare un buon lavoro con quelle persone. Percepivo un potenziale che poi si è confermato. Dovevo fare due settimane di laboratorio; devo dire che avevo una grande paura di non essere all’altezza della situazione, mi ero preparato, avevo studiato tanto...
Erano tutti detenuti dell’alta sicurezza, pene lunghe, molti ergastoli. Ricordo ancora come, nel primo incontro, Carmelo Musumeci, uno del gruppo, oggi detenuto a Padova, smontò il mio tentativo di lezione di semiotica dicendomi: "Ma noi queste cose le sappiamo già! Non c’è bisogno che tu ce le venga a raccontare”. Ecco, lì decisi -e si rivelò la mossa migliore- di cambiare registro, di farmi raccontare da loro il significato di qualche oggetto importante presente nella loro cella.
Il primo passo fu la scomposizione della caffettiera. Proprio così, una caffettiera. Non potete immaginare quante funzioni possa avere lì dentro un oggetto tanto comune: con una forma che si adegua perfettamente alle necessità quotidiane, può sostituire un ferro da stiro, un martello, un batticarne... può anche essere sbattuta sulle sbarre per protesta. Abbiamo provato a disegnare insieme in sezione la moka, anche scomponendone i vari componenti, divertendoci molto, devo dire.
Di lì a poco, con Ivano Rapisarda, è nata l’ipotesi di creare un collettivo. È stata sua l’idea del Mo.Ca Collective, ed è stato lui a spiegarmi che Mo.Ca era con la C non con la K, perché acronimo di Mondo Carcerario; un collettivo per riunire tutti quelli che nelle carceri volevano fare lavori di questo tipo, di comunicazione visiva. Ci sembrava che la "Moca”, che a tante cose può essere utile, esprimesse bene la pluralità di esperienze di cui è composto il mondo carcerario. Il Mo.Ca Collective, nella parola "collettivo”, poi, sottolineava il fatto che in carcere c’è l’impossibilità totale di riunirsi. Così la prima cosa che feci con loro fu di spostare tutti i banchi modello scuola elementare, metterli in cerchio, o a ferro di cavallo in modo da creare, o almeno fingere, un gruppo. Che poi ogni volta si sfaldava, quando ognuno tornava nelle sezioni e io me ne tornavo a casa...
Con il lavoro assieme ai detenuti è nata anche una sorta di ricettario che però è molto di più e molto altro.
È un testo pensato e scritto con le persone detenute delle sezioni di alta sicurezza, e non solo del carcere di Spoleto, ma corrispondendo anche con detenuti di tutta Italia. È un libro che racconta come si cucina nelle celle con quel poco che si può avere a disposizione. Quindi, col pretesto di fornire delle ricette, il libro pone l’accento sugli utensili da cucina che vengono usati, cosa che, in genere, nei normali ricettari viene omessa e invece qui diventa il filo conduttore del lavoro; chi immaginerebbe che un manico di scopa possa diventare un mattarello  o dei lacci delle scarpe possano essere usati per legare la pancetta? O che una persona per fare il pane debba seguire tutto un processo che prevede la lievitazione sul televisore? È una cosa che colpisce allo stomaco, magari ti strappa anche una risata, ma poi ti fa fermare a riflettere sulla condizione di queste persone. Forse anche in questo senso possiamo collocare questo lavoro nel mondo dell’arte. Il libro poi è illustrato, i disegni sono di Mario Trudu, che in carcere si è diplomato all’Istituto d’Arte.
Cosa c’entrano le ricette con l’ergastolo?
C’entrano soprattutto perché si parla di prepararsi, di realizzare il proprio cibo, di gestione della propria alimentazione, si parla di nutrirsi, e quindi, allora, di riprodursi... Al contempo parliamo di persone sottoposte a una condanna perpetua, la cui condizione non ha una fine, o meglio, la sua fine coincide con la fine dell’individuo.
Dunque anche un ragionamento sul senso della pena, che porta a un mantenersi in vita fine a se stesso...
Che senso ha riconoscere che ho sbagliato se poi non ho speranza di restituire qualcosa alla società e restituirmi alla società? Lo stesso accade con il cibo. Perché mi devo alimentare se la mia condanna è stare chiuso qua dentro per sempre? Perché mai dovrei alimentare la mia condanna? Invece è proprio questa la forza delle persone con cui ho fatto il libro. C’è una complessità interessantissima e bellissima nelle ricette, un’elaborazione straordinaria. E vien proprio da chiedersi: tutto questo in una condizione così estrema? Da dove viene questa voglia di farsi la granita o tutta l’elaborazione necessaria per farsi i cannoli siciliani, tutto questo impegno, e ingegno, in uno status che rischia di non cambiare mai, in una vita ristretta in un luogo del quale qualcuno vuole "buttare la chiave”. È stupefacente come anche lì rimanga comunque il desiderio di vivere e di vivere al meglio.
Nella società in cui viviamo c’è quasi un’esasperazione di questa dimensione della good life. Ecco, anche qui, in condizioni dove niente sembra avere più senso, l’uomo cerca il meglio per sé.
Quand’ero piccolo, ero sempre affascinato dalle storie dove si raccontava di situazioni estreme in cui il protagonista si ritrovava con questa grandissima forza, quando mi spiegavano che "nel momento in cui stai per cadere in un precipizio, la tua capacità di risollevarti è enorme”. Qui avviene lo stesso. In condizioni così estreme l’uomo dimostra che ha un grande potenziale. Vien da pensare che bisognerebbe che ci fossero più occasioni per tirarlo fuori, quel potenziale. Invece siamo come addormentati, distratti...
In carcere ti sei occupato anche di fotografia.
Alla fotografia ci sono arrivato tardi, dopo che avevo già avuto esperienze con il carcere, e quando ci entri, lo sai meglio di me, ci rimani incastrato, continui a portarti a casa molto di quello che hai incontrato lì dentro e continui a riflettere molto, ti fai tante domande. Così a un certo punto mi sono chiesto: ma è mai possibile che le uniche immagini che ritraggono tutte queste persone dentro il carcere siano foto segnaletiche o quelle scattate quando si esce per i processi nei casi più mediatizzati? Eppure, mi sono detto, io ho visto lì dentro delle persone con le scarpette da ginnastica, la magliettina, la polo verde pisello, abiti di un’estrema ordinarietà. Ho iniziato a riflettere e un giorno leggendo L’assassino dei sogni di Carmelo Musumeci, vedo questa sua foto in bianco e nero: lui sull’erba indossa un cappellino con l’immagine icona di Che Guevara, un paio di sandali ai piedi, con accanto un cane accovacciato sulle zampe posteriori... Una foto che avresti potuto fare nel parchetto dietro casa tua.
C’era il cane, l’erba incolta e non c’erano riferimenti al carcere. Un contrasto enorme fra la persona che avevo visto al chiuso qualche giorno prima e questo soggetto che avrebbe potuto essere in qualsiasi periferia di qualsiasi nostra città. Tra l’altro io sapevo che Carmelo non usciva da 21 anni, quindi quella foto non poteva essere stata scattata in un campetto di calcio. Nel libro c’era anche una lettera alla compagna in cui diceva: "Mi sono appena arrivate le foto che abbiamo fatto nel campetto del carcere”. Allora gli ho scritto una lettera e gli ho chiesto di spiegami un po’ questa storia delle foto che si erano fatti, e lui mi ha confermato che in carcere c’era un giro di produzione di fotografie dei detenuti, nel senso che in alcuni momenti le mura del carcere si incrinano... Sì, capita che in un’istituzione così rigida si apra qualche crepa, che viene magari da un momento di umanità di qualche direttore in certi periodi dell’anno, spesso coincidenti con festività religiose. Non avviene in tutte le carceri, ma in alcune di queste istituzioni chiuse c’è questa apertura e così accade che possano farsi queste fotografie.
Ho letto che però alcuni di loro reagiscono con perplessità guardandosi nelle immagini. Alcuni persino non si riconoscono...
Sì. C’è tutta una serie di problematiche legate al tempo che passa, al fatto che in un carcere di massima sicurezza non ci sono specchi per potersi vedere normalmente, insomma c’è come un distaccamento.
A me interessava proprio la fotografia, l’istantanea, nella condizione dell’ergastolo, che non è istantaneo, ma esattamente il suo contrario.
All’inizio hai accennato all’esperienza in Palestina, un altro caso estremo di controllo sulla persona.
In Palestina sono andato nel settembre del 2012. Anche lì avrei dovuto restare solo tre mesi, poi però ho capito che mi serviva più tempo e per fortuna mi è stato proposto di fermarmi. In tutto ci sono stato sette mesi, e ci dovrò tornare il prossimo settembre perché ho ancora dei pezzi di ricerca da completare. Era un po’ che avevo desiderio di vedere cosa succedeva da quelle parti. Come per il carcere, prima di mettervi piede era un luogo di cui non sapevo nulla. O meglio, le informazioni che ricevevo erano solo quelle che vengono dall’informazione massiva, nel senso che non avevo un’informazione indipendente. Avendo per anni ragionato su persone ristrette in regimi di alta sorveglianza, mi interessava continuare il discorso, mi incuriosiva vedere cosa succede quando gli spazi si dilatano, ma le dinamiche si ripetono, in contesti comunque controllati, complessi.
Le carceri sono distanti da noi, dalla società nella quale viviamo ogni giorno, perché sono proprio chiuse. Allora mi interessava sperimentare luoghi più grandi, come la Palestina, che però incarnano dinamiche simili, perché le persone vivono all’interno di un territorio circoscritto, per uscire dal quale ci sono grossi ostacoli da affrontare per ottenere permessi che non tutti possono ottenere...
Le mie ricerche si sono così incontrate con quelle di Giuliana Racco, artista canadese che da anni lavorava sulle migrazioni, sul movimento delle persone attraverso territori in situazioni di eccezionalità, con la quale condivido ora una parte della mia ricerca e della mia vita quotidiana.
Quello che le informazioni non riportano, in effetti, sono tutte le piccole limitazioni al tuo vivere giornaliero, il fatto che anche solo per andare dal punto A al punto B devi fare un percorso tortuoso, che a un certo punto lungo il tuo cammino viene costruito un checkpoint, dove qualcuno ti ferma e ti chiede chi sei, dove vai, cosa fai, e tu devi negoziare. Questo succede un po’ anche nelle carceri: devi negoziare continuamente la tua posizione, il tuo territorio, attraverso la fiducia che dai agli altri, esattamente come accade in un territorio allargato ma comunque chiuso dentro confini e gestito da un’autorità che senti che non ti rappresenta. Così come per il carcere, anche in Palestina c’è questa sensazione che "si è finiti dentro”, non si è andati dentro… E poi c’è il muro.
Ma andando lì capisci che sono le stesse dinamiche della vita quotidiana di un carcere. Si potrebbe parlarne all’infinito. Ma, per dirne una, in quei territori non c’è quasi più consumo di pesce e quello che c’è arriva da un altro Stato, proprio lo Stato che si ha difficoltà a riconoscere. Chi vive nella West Bank non ha più accesso al mare, quindi non ha accesso a quella risorsa, mentre i palestinesi si sono sempre riconosciuti come abitanti del Mediterraneo.
Tornando un po’ al discorso iniziale, quello che è interessante è che le dinamiche che incontriamo in questi contesti non sono così diverse da quanto ci accade nella nostra vita quotidiana. Ho già citato gli aeroporti, ma chi vive nelle città si accorge che le tante leggi che regolano lo star bene insieme o che garantiscono la sicurezza, portano con sé una serie di impedimenti, restrizioni e limitazioni al nostro vivere quotidiano che poco alla volta assimiliamo. Ora, l’assimilazione di un limite è il primo passo di quello che poi può diventare un sistema di autorestrizioni o autocostrizioni, nel senso che siamo noi per primi a pensare che una certa azione è meglio non farla ancor prima che ce la proibiscano.
Le nostre prigioni quotidiane... Ma cosa rimane alla fine dei tuoi studi? Molti rapporti immagino...
Sì, certo. Inizio dai palestinesi: l’ultimo contatto l’ho avuto proprio ieri sera con Ibrahim Jawabreh, una delle persone con cui ho lavorato in Palestina e con cui sono rimasto più in contatto, anche perché ho vissuto nel campo rifugiati dove lui è nato e cresciuto, e alloggiavo dalla sua famiglia. Proprio con Ibrahim, che è un artista performer, sto cercando di portare avanti un nuovo pezzo di lavoro tra la Palestina e l’Europa.
Ciò che stiamo per fare è una vera sfida... Ci sto lavorando anche con Giuliana e parte da un primo step che abbiamo intitolato "The artists and the stone”, nell’ambito di un progetto più ampio che si chiama Elemental Movements...
Vogliamo fare arrivare a Barcellona Ibrahim, affinché possa portare avanti la sua pratica artistica di performer e interagire con il nostro lavoro. Per il momento siamo impegnati a preparare i documenti necessari a fargli ottenere un visto Schengen dal consolato spagnolo in Palestina. Allo stesso tempo però vogliamo spostare dallo stesso campo di rifugiati dal quale Ibrahim proviene e dove c’è una cava -come in buona parte di quel territorio, del resto- un carico di pietre di circa dodici tonnellate.
Stiamo preparando i documenti necessari per il suo spostamento. In questo momento siamo nella fase preliminare di costruzione del network di partner, ricercatori e finanziatori dell’intero progetto.
Le pietre sono state una parte importante del lavoro che abbiamo fatto là durante la nostra permanenza. In Palestina c’è un rapporto con la pietra molto forte. Lì, in particolare, si ricava una pietra classificata appunto come pietra di Gerusalemme, Jerusalem Stone. Insomma, vogliamo far arrivare qui in Spagna lui e questa grossa pietra. L’idea ci è venuta quando Ibrahim ci ha chiesto se il Centro che ci ha dato l’opportunità di lavorare in Spagna, che si chiama Hanagr, poteva scrivergli una lettera d’invito per permettergli di aprire le porte d’uscita dal suo paese. Ci siamo detti, certo, facciamolo, ma proviamo a farlo diventare un caso, un atto dal quale poter generare riflessioni. Per questo si è pensato di contrapporre il suo movimento a quello della pietra di Gerusalemme. Vediamo cosa succede se contemporaneamente abbiamo anche la possibilità di muovere dalla Palestina insieme a una persona, dieci-dodici tonnellate di pietra...
(a cura di Francesca de Carolis)

  

archivio
Nella nube di Magellano

Gli esperimenti che si svolgono nei sotterranei del Gran Sasso, un ambiente ideale per i suoi mille metri di roccia a far da schermo e, anche, per la possibilità di arrivarci coi tir; i neutrini e l’ormai famosa differenza di 60 nanosecondi rispetto alla velocità della luce; l’attesa dell’esplosione di una supernova. Intervista a Marco Selvi.

Un male incurabile?

Altri 13.000 posti persi in Veneto, dopo i 53.000 del 2009; disoccupazione, male incurabile? Indurre l’obbligo a darsi da fare insieme all’introduzione del reddito di ultima istanza; l’importanza della settimana di vendemmia per tutti i giovani; il lusso, che non potrà durare, di una badante a testa. Intervista a Bruno Anastasia.

Tunisia: crisi, migrazioni e buon vicinato


A manifestare, in toga...

Quando è scoppiata la rivoluzione, in strada, a manifestare contro Ben Ali, c’erano anche giudici e avvocati; un sistema, quello della giustizia tunisina, da riformare profondamente, in tutte le sue articolazioni, a cominciare dai poliziotti; la fase della giustizia, a cui deve seguire la riconciliazione. Intervista a Wahid Ferchichi.

Diciannove scompaiono

Una generazione che, nonostante sia meno numerosa, più istruita e flessibile e meno sindacalizzata, stenta a entrare nel mercato del lavoro; l’idea, sbagliata, che per fare spazio ai giovani ci si debba liberare dei vecchi; il problema del mismatch e di un’economia fondata sul basso costo del lavoro. Intervista a Bruno Contini.

La cultura del dato

Al 2007 gli operai erano cresciuti non calati; così come erano cresciute le piccole fabbriche a scapito delle grandi; la grave incomprensione a sinistra del cambiamento; la mancanza cronica di dati che affligge il nostro paese e vanifica ogni riforma; l’isolamento tragico di Marco Biagi. Intervista ad Aris Accornero.

Falso allarme?

Il problema della scelta di lanciare l’allarme in una situazione di incertezza insuperabile; l’influenza, malattia innocua a livello individuale, niente affatto statisticamente; il vaccino, rimedio necessariamente comunitario, oggi sotto attacco dei naturopati; il rischio della seconda ondata. Intervista a Fabrizio Pregliasco.

Il profilo personale

Il fallimento del passaggio dal vecchio collocamento meccanico a politiche del lavoro attive, attente alla necessaria personalizzazione dei percorsi; la mancata informatizzazione, una formazione del personale tradizionale, l’isolamento territoriale, le risorse date solo agli ammortizzatori passivi... Intervista a Concetto Maugeri.

Il calendario che non c'è

La consunzione di un calendario civico nazionale e di quello scolastico in un paese che non ha fatto i conti col passato; il giorno della memoria e la domanda decisiva, sempre elusa, su "come è potuto succedere”; il bisogno di memoria sintomo di solitudine, smarrimento; l’ideologia dell’autentico, comune a destra e sinistra. Intervista a David Bidussa.

Dillo alla Lega

In giro per le regioni rosse passate alla Lega, incontrando i vecchi ex Pci che vedono nel partito di Bossi l’ultimo di sinistra, ma anche i tanti giovani antisindacato e anticomunisti; il ruolo delle donne e l’incredibile capacità della Lega di mettere assieme giovani e vecchi in una sorta di 68 alla rovescia; intervista a Paolo Stefanini.

Partecipazione e innovazione

Il sistema adottato a Pomigliano, il Wcm, è solo un’evoluzione del toyotismo, e anche l’Ergo Uas ha più uno scopo ergonomico che di controllo; l’errore dei sindacati di non aver chiesto, in cambio di innegabili sacrifici, una maggiore partecipazione degli operai alla progettazione; i contratti "a menù”. Intervista a Luciano Pero.

No Tav o no Tir?

L’esempio di Francia e Svizzera che hanno risolto le stesse questioni in modo partecipato, efficace e soddisfacente per tutti; l’equivoco nominalistico della Tav, che non sarà alta velocità; il trasporto merci che oggi deve andare "in pianura”; una parte di ambientalismo sempre contrario a priori, comunque. Intervista a Mario Virano.

Quando l'indagato

Il disagio per un magistrato di dover indagare e accusare un appartenente alle forze dell’ordine; un codice Rocco, tuttora in vigore, che condannava la devastazione molto più aspramente delle lesioni volontarie; un lavoro fatto in solitudine, per far luce su cosa successe alla Diaz. Intervista a Francesco Cardona Albini.

A manifestare, in toga...

Quando è scoppiata la rivoluzione, in strada, a manifestare contro Ben Ali, c’erano anche giudici e avvocati; un sistema, quello della giustizia tunisina, da riformare profondamente, in tutte le sue articolazioni, a cominciare dai poliziotti; la fase della giustizia, a cui deve seguire la riconciliazione. Intervista a Wahid Ferchichi.

Milano, Reggio Calabria

I fatti di Rosarno non si spiegano senza la ’ndrangheta e alcune direttive europee dagli effetti perversi; le infiltrazioni al Nord, in particolare a Milano, dove siamo ormai alla terza generazione di ‘ndranghetisti; il rapporto con la Chiesa, le ambigue iniziative del governo e la speranza nei giovani; intervista a Enzo Ciconte.


In casi estremi

Uno scenario aperto, dagli esiti ancora incerti, da cui potrebbero emergere anche paesi totalmente riconfigurati; i dubbi sul cosiddetto modello turco che, se per l’Egitto potrebbe rappresentare un miglioramento, in Turchia è invece in discussione; le probabili ricadute sul conflitto israelo-palestinese. Intervista a Andrew Arato.
Due centesimi di dollaro

L’esperienza in Tanzania e in Vietnam e la passione per i paesi in via di sviluppo, dove tanto si impara, proprio professionalmente; le malattie parassitarie, che basterebbe così poco per debellare, e l’indegno comportamento delle aziende farmaceutiche; un ricordo dell’amico Carlo Urbani. Intervista a Antonio Montresor.

La Francia e i Rom

La decisione del governo francese di espellere dal paese famiglie Rom e Sinti provenienti da Bulgaria, Ungheria e Romania e quindi cittadini a pieno titolo dell’Ue ha suscitato, oltre che la perplessità dei giuristi, una diffusa reazione di disapprovazione, se non addirittura di sdegno, da parte di una nutrita schiera di esponenti, laici e religiosi, della società civile europea. Intervento di Giulio Cavalli.


Un pomeriggio a Jaffa

In una giornata piovosa, l’incontro casuale, in un bar di Jaffa, con "il più grande calciatore palestinese della storia di tutti i tempi”, Rifaat Tourq, oggi impegnato con i bambini del quartiere Ajami, di Tel Aviv, dove da tempo è in corso un tentativo di espulsione dei palestinesi. Di Mariangela Gasparotto.
Rosa al Cairo

Dove potremmo trovare i giusti strumenti analitici? Forse un buon punto di partenza ci proviene da Rosa Luxemburg (1871-1919). Agli inizi della mia carriera avevo tradotto e curato la pubblicazione delle sue "Lettere” e una sua breve biografia, intitolata Rosa Luxemburg: A revolutionary of Our Times. Non posso fare a meno di pensare a Rosa, in questo momento: certo sarebbe rimasta intrigata da quanto sta accadendo in Medio Oriente.


Lo specchio del Paese

Imposta nata in Francia negli anni 50 e oggi diffusa in 140 Stati, l’Iva, nel nostro paese resta un elemento di debolezza anziché di forza; i crediti Iva illegittimi e il paradosso di uno scontrino che non è affatto fiscale; il videogames dei commercialisti sugli studi di settore chiamato "Gerico”. Intervista a Roberto Convenevole.

Meglio il perito

Cosa è servito prender la laurea? A trent’anni se resti senza lavoro per la crisi vedi che cercano periti, operai specializzati, neolaureati under 29, gente che sa usare il 3D... Intervista a Giaele Placuzzi.

Il riparatore

Il ricorso al nuovo potrebbe essere solo una parentesi nella storia dell’umanità; le nostre vite, anche se non ce ne rendiamo conto, sono piene di "riuso”, a partire dalla nostra casa; invertire una cultura che stigmatizza chi ricorre all’usato, riabilitando il valore, anche economico, della manutenzione; intervista a Guido Viale.

Se un fiume si chiama dragone

La gestione del rischio significa innanzitutto fare in modo che, quando si verifica il disastro, si debbano prendere il minimo delle decisioni; il dibattito sulla prevedibilità e l’importanza di creare una "protezione civile dal basso” perché l’improvvisazione è sempre deleteria; il caso de L’Aquila; intervista a Giuseppina Melchiorre.

Se non ci fossero state le badanti

Il disorientamento di tante famiglie costrette a diventare "datori di lavoro” di una badante. L’inquietante aumento delle vertenze, ma anche le tante storie di grande dedizione. L’assurdità di enfatizzare la domiciliarità mentre si lascia tutta l’assistenza a carico delle famiglie. Intervista a Alberto Bordignon e Cristina Ghiotto.




chiudi