Non è importante che nome diamo a quello che sta succedendo in Bosnia-Erzegovina. La cosa importante è capire perché è successo (e sta succedendo). Personalmente non mi ha sorpreso più di tanto il caos -così lo definiscono i media bosniaci- seguito alle manifestazioni di Tuzla. Mi sono chiesto spesso fino a quando i bosniaci sarebbero riusciti a sopportare la miseria -economica, sociale, politica, di valori e di sistema- in cui vivono.
Ho raccolto le riflessioni di alcuni amici bosniaci a proposito di quanto sta accadendo. Ho chiesto loro di raccontarci come sono andate le cose, come sono state vissute sia in Federazione che in Republika Srpska e di condividere con noi le loro riflessioni in merito.
Valentina, serba di Srebrenica, madre di due teenager, lavora nel settore delle Ong ed è presidentessa dell’associazione femminile "Sara Srebrenica”; Nemanja, serbo di Srebrenica, laureando in economia, è presidente del centro giovanile di Srebrenica; Asmir, bosgnacco di Zvornik, vive a Tuzla dove studia giurisprudenza; Muhamed, bosgnacco di Srebrenica, criminologo, è dipendente comunale. Sono tutti membri del gruppo Adopt Srebrenica, un progetto della Fondazione Alexander Langer Stiftung.


Nemanja. Quando il 5 febbraio scorso gli operai della Polihem di Tuzla, quelli appena licenziati e quelli che, pur avendo mantenuto il posto di lavoro, non ricevevano la paga da molti mesi, sono scesi in piazza a protestare, non ci è sembrato qualcosa di eccezionale. Ci siamo quasi abituati a vedere in televisione proteste di questo tipo. Purtroppo sono sempre più frequenti le dimostrazioni di lavoratori davanti ai "palazzi del potere”. A volte queste proteste durano diversi giorni. Finiscono come sono cominciate e finora non hanno mai avuto il carattere di proteste di massa. Sono sempre stati più "di massa” i raduni e i comizi pre-elettorali oppure le proteste per la difesa di qualche "interesse nazionale” (di gruppo etnico-nazionale). Di solito, quando le proteste dei lavoratori finiscono, nessuno se le ricorda neanche più. Così sembrava partita anche la protesta degli operai della Polihem e proprio per questo è stato uno shock quando abbiamo appreso la notizia che i dimostranti avevano appiccato il fuoco al Palazzo del Governo del Cantone di Tuzla.
Man mano che le notizie iniziavano a circolare si è capito che la protesta, partita dagli operai della Polihem, è stata la scintilla che ha innescato il caos e ha fatto emergere quello che sta sotto alla punta dell’iceberg. Sono esplosi, tutti in una volta, vent’anni di frustrazione, delusione e umiliazione dei cittadini bosniaci a seguito della sfacciata rapina e impoverimento che hanno subìto e che stanno continuando a subire. La popolazione bosniaca si ritrova sempre più povera e sempre più ingannata da promesse mai mantenute.
Per capire cosa sta succedendo è importante partire da qualche informazione a proposito dell’operato della classe dirigente di un paese, la Bosnia-Erzegovina, che è tra i 13 paesi più poveri al mondo, ha il potere di acquisto pro-capite più basso in Europa, ha 700.000 cittadini (circa 1/5 della popolazione, su circa 3,8 milioni di abitanti) che vivono al di sotto della soglia di povertà, mentre il 50% della popolazione vive al limite della soglia di povertà, un tasso di disoccupazione stimato tra il 50% e il 60%, i fondi europei che uno dopo l’altro vengono "stornati” per "inaffidabilità” e una carta costituzionale che è stata dichiarata discriminatoria e quindi da rifare. Questi sono solamente alcuni dei macro dati -umilianti- che possono dare un quadro della situazione della Bosnia-Erzegovina. I responsabili di questo disastro sono quelli che da venti anni governano questo paese e che si sono autoproclamati i "custodi degli interesse nazionali”.
Asmir. Tutto quello che sta succedendo in Bosnia-Erzegovina è la conseguenza di quello che è successo negli ultimi vent’anni. Mi riferisco in particolare ai disastri provocati dalla classe dirigente che governa questo paese. I danni materiali di guerra provocati dalle granate non sono niente in confronto ai danni che hanno provocato i politici. La situazione economico-sociale della Bosnia-Erzegovina è peggiorata di anno in anno e una grossa fetta della popolazione riesce a sopravvivere solo grazie alle rimesse dei parenti che lavorano all’estero.
Ho partecipato dall’inizio alle proteste e continuo a parteciparvi. Le dimostrazioni dei lavoratori della Polihem di Tuzla duravano già da par ...[continua]

Esegui il login per visualizzare il testo completo.

Se sei un abbonato online, clicca qui accedere, oppure vai alla pagina Abbonamenti per acquistare l'abbonamento online.
Gli abbonati alla rivista hanno diritto all'abbonamento online gratuito!