Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri
pagine di storia

UNA CITTÀ n. 136 / 2006 Febbraio

Intervista a Elio Giovannini
realizzata da Carlo De Maria

L’EPOPEA DELLA FEDERTERRA
Una vulgata comunista che identifica il biennio rosso con il consiliarismo operaio e Livorno come la fine della preistoria del movimento dei lavoratori. Fu un momento straordinario, una vera rivoluzione democratica, guidata dai braccianti e dai mezzadri. Il grande commonwealth socialista, fatto di leghe, cooperative, case del popolo, università popolari. Il disastro del ruralismo fascista. Intervista a Elio Giovannini.

Elio Giovannini, sindacalista, già segretario della Cgil, è autore del libro L’Italia massimalista. Socialismo e lotta sociale e politica nel primo dopoguerra italiano (Ediesse, Roma, 2001) , nel quale ha proposto una nuova lettura del “biennio rosso”. Nel tuo libro sul biennio 1919-1920 affermi che il dato centrale di quel periodo è la massiccia irruzione sulla scena politica dei giovani soldati-contadini, reduci dal fronte. Insomma, furono loro i principali protagonisti di quel momento rivoluzionario? Sì, i salariati agricoli sono i protagonisti dello scontro sociale dell’intero biennio. I quattro milioni di braccianti costituiscono la forza più combattiva, quella dotata di una elevata coscienza politica. Nelle campagne italiane, rispetto all’anteguerra, è in atto un vero rovesciamento dei rapporti sociali. Non solo: si tratta di una vera e propria trasformazione culturale, una rivoluzione nel costume e nelle coscienze, che rompe antichi steccati e dà a milioni di uomini e donne una nuova idea della cittadinanza politica e nuova dignità sociale. Questa profonda trasformazione vede in primo piano proprio i giovani reduci appartenenti alla Federterra (la Federazione nazionale lavoratori della terra) : sono loro i veri protagonisti della rivoluzione italiana. Quando nel novembre 1918 finalmente cessano i combattimenti, milioni di uomini e di donne, in Italia, si rendono conto di vivere in un mondo in cui l’ambiente tradizionale di vita e di lavoro è profondamente mutato. La straordinaria accelerazione della storia prodotta dalla Grande guerra ha travolto radicate abitudini, modificato il costume delle donne, rotto l’isolamento sociale delle comunità contadine. Sul piano sociale la trasformazione è immensa. Le donne sono state obbligate ad andare a lavorare in fabbrica (soprattutto nell’industria bellica) e nelle campagne, per rimpiazzare gli uomini al fronte. Le loro abitudini cambiano: le nuove lavoratrici escono dalla dimensione domestica. Nei campi, nelle fabbriche, nelle file per il sussidio, sono accomunate dalla stessa sorte e dagli stessi problemi di lotta per la sopravvivenza. Sono 200. 000 nelle fabbriche, 600. 000 nelle confezioni militari, centinaia di migliaia nei servizi, milioni nell’agricoltura. Basti pensare che nelle campagne, dei 4. 800. 000 uomini oltre i 18 anni, 2. 600. 000 sono stati inviati al fronte e sostituiti nel lavoro da milioni di donne, vecchi e ragazzi. Si può davvero dire che milioni di piedi e di cervelli si erano messi in movimento. Non solo l’Italia, ma l’intera Europa esaurisce al fronte risorse e uomini, affamando milioni di famiglie. L’altra faccia della guerra, però, è la modernizzazione forzata dell’economia e della società nazionale. Milioni di italiani e di italiane, nella prima esperienza collettiva veramente nazionale, cambiano lavoro, residenza e mentalità . L’esigenza di imparare a leggere e a scrivere, per mantenere le corrispondenze epistolari da e verso il fronte, spinge il tasso generale di analfabetismo dal 48% del 1911 al 27% del dopoguerra. Il “soldatino” scrive alla famiglia; mentre le donne scrivono al fronte, magari con l’aiuto del parroco. Ma c’è di più: la mobilità imposta ai richiamati e ai civili, con l’incontro e la sovrapposizione di dialetti diversi, configura per la prima volta un italiano popolare comune, quasi una nuova lingua, che non ha molto in comune con la lingua che si impara a scuola. La gente si trasferisce, conosce il treno. I giovani contadini inviati al fronte vengono sradicati da un ambiente molto limitato e circoscritto, quello dei campi, e vedono per la prima volta il mondo, imparano il rapporto con gli altri, con degli estranei. C’è una enorme trasformazione sociale, senza la quale è incomprensibile quello che succede sul piano politico nel biennio successivo alla guerra. Lelio Basso, nel 1963, scrisse riguardo al biennio rosso: “Nessuna lotta precedente... [ continua ]

Esegui il login per visualizzare il testo completo.Se sei un abbonato on-line, o hai acquistato un Pacchetto di interviste o articoli clicca qui accedere, oppure vai alla pagina Abbonamenti per acquistare l'abbonamento on-line o il Pacchetto di interviste.

Gli abbonati alla rivista hanno diritto all'abbonamento on-line gratuito!


dal nostro blog
0
24 ottobre 2017

Per un sindacato unito. Dalla lettera di Pierre Carniti a Cgil, Cisl e Uil

… Il lavoro da sviluppare è, dunque, quello di cogliere l’unità nella diversità e di trasformare il superamento delle diversità … ...

segui
0
24 ottobre 2017

Denti

Un venerdì mattina dello scorso marzo, a Salisbury, Maryland, già due ore prima del sorgere del sole si poteva vedere … segui


0
18 ottobre 2017

Epistocrazia

Su “Le Monde”, il costituzionalista Alexandre Viala, nell’interrogarsi su quale sia il modello di governo che ha in mente Macron, … ...

segui
0
17 ottobre 2017

Fuori dalla scuola

Marie, 13 anni, amava l’inglese e Shakespeare, ma non riusciva a controllare il suo comportamento. Non può farci nulla, si … segui


0
11 ottobre 2017

Disuguaglianze in Germania

Alla vigilia delle elezioni in Germania, il “Financial Times” ha dedicato un pezzo alla povertà in Germania, o più precisamente … ...

segui



chiudi