Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri
lettere da...

Daniel Gorini sulla memoria di Sciesopoli


UNA CITTÀ n. 213 / 2014 maggio

Articolo di Daniel Gorini

L'eredità di Sciesopoli
L’appello di Daniel Gorini, i cui genitori Luigi e Annamaria parteciparono alla Resistenza italiana e tanto si impegnarono per dar rifugio agli orfani sopravvissuti ai crimini nazisti, affinché la memoria di Sciesopoli sia preservata.

I miei genitori Luigi Gorini e Annamaria Torriani sono stati partecipi della Resistenza Italiana negli anni Trenta e Quaranta. Dopo la guerra hanno lavorato a Sciesopoli, a Selvino (Bergamo) , aiutando a salvare bambini ebrei resi orfani dallo sterminio nazista. Scrivo riguardo all’eredità di quello che loro e i loro colleghi hanno fatto lì. Ho appreso recentemente che l’edificio detto Sciesopoli è a rischio di andar perduto a causa di sviluppi dell’edilizia locale. Se questo accade, la memoria del lavoro umanitario fatto là sarà perduta. È importante che Sciesopoli sia conservata e che la sua storia viva per i posteri come memoria di una generosa attività umana, della quale c’è sempre tanto bisogno nel nostro mondo. La storia di Sciesopoli è patrimonio della Resistenza Italiana contro il totalitarismo, il razzismo e il militarismo. Per questo io propongo uno statuto per un museo a Sciesopoli, una missione per un’istituzione di valore largo e perenne. Però c’è anche un paradosso nella storia di Sciesopoli. L’esemplare buona volontà di salvare i bambini rifugiati a Selvino era sostanzialmente un progetto sionista. Questo aspetto di Sciesopoli genera per me uno scenario problematico. È chiaro che l’azione locale di prendersi cura di quei bambini è stata ammirevole: era un imperativo. I sionisti che hanno partecipato erano persone buone, che divennero amici per la vita dei miei genitori. Ma io ho radicali disaccordi con il Sionismo. Mi sembra evidente che il Sionismo non è un concetto che in qualche modo si è deteriorato quando è finito nelle mani di chi l’avrebbe successivamente distorto. Il Sionismo, sin dai suoi inizi negli anni Novanta dell’Ottocento, è stato una rivendicazione di una madrepatria perduta, rivendicazione improntata al populismo reazionario del "sangue e suolo”. Le sue giustificazioni sono fondate su basi razziali e religiose. Sin dalla sua prima impostazione, il piano invocava la rimozione della popolazione già presente in Palestina, un popolo considerato inferiore sul piano razziale e funzionalmente insignificante. Il Sionismo è stato sin da subito un programma militarizzato di conquista del territorio. In quanto tale era già un progetto di destra, tale da imporre requisiti razziali-religiosi e di discendenza per la cittadinanza. Nella sua essenza, il Sionismo è sempre stato un obiettivo di tipo coloniale. Tutto ciò è sempre stato chiaro: se ne discuteva apertamente ben prima della Seconda Guerra Mondiale, e molte voci di sinistra, tra gli ebrei, vi si sono opposte sin dal principio. Chiaramente, la storia era complicata, ed è rimasta tale. Alcuni sionisti erano noti socialisti, altri erano attivi anti-fascisti e sarebbero stati compagni di Luigi nelle lotte degli anni Trenta e Quaranta. Ciononostante, le realtà intrinseche della situazione in Palestina sembrano chiare sin da quando la popolazione preesistente venne esclusa e marginalizzata. Il Sionismo non è mai stato migliore delle sue nemesi storiche, l’antisemitismo e l’islamismo radicale: appartengono tutti alla stessa specie. Le deplorabili politiche di apartheid e le azioni dello Stato di Israele provengono direttamente dall’ethos originale del Sionismo. A causa di questo paradosso non posso schierarmi con alcuno dei particolari gruppi che cercano di conservare Sciesopoli. Ritengo che le mie idee siano molto diverse dalle loro. Per questo scrivo da indipendente. Voglio presentare un modo positivo di sostenere la preservazione di Sciesopoli e, nello stesso tempo, dichiarare apertamente le mie opinioni sugli eventi successivi in Medio Oriente. È per me un problema difficile da affrontare, ma ci sono solo due scelte: far fronte al paradosso o allontanarmi dall’eredità di Sciesopoli. Propongo che Sciesopoli sia ricordata in modo aperto e attivo, fondando un museo che viva nell’attualità mentre mostra la storia di Sciesopoli. Il museo dovrebbe essere... [ continua ]

Esegui il login per visualizzare il testo completo.Se sei un abbonato on-line, o hai acquistato un Pacchetto di interviste o articoli clicca qui accedere, oppure vai alla pagina Abbonamenti per acquistare l'abbonamento on-line o il Pacchetto di interviste.

Gli abbonati alla rivista hanno diritto all'abbonamento on-line gratuito!



archivio

Lettere dalla Cina
Ilaria Maria Sala

-Sono a Shanghai...
il "South China Morning Post”
-Il "South China Morning Post”
-Sono stata a Macao...

-Le elezioni a Taiwan...
-Tornata a Chengdu...
-Pechino d'inverno...
-Dal Giappone...
-
Un giro a Chongqing...

Lettere dall'Inghilterra
di Belona Greenwood

-"Property Crumble”
-I Red Nose Days
-le effigi di Guy Fawkes
-A casa di un pastore
-Gin Lane
-Il teatro dell'esuberanza
-Andando a Cambridge
-Le free schools
-Bambini poveri
-Una guerra ai deboli?
-Una volta vidi la regina
-La comunità di Monkey River

Appunti di viaggio
di Paolo Bergamaschi

-Il nuo­vo vol­to di Ba­ku
-il no­me Ma­ce­do­nia
-De­spo­ti in Turk­me­ni­stan
-Le ba­le­ne e l'I­slan­da
-Mi­tro­vi­ca nord
-Il ma­re di Aral
-La lin­gua del­la Bo­snia
-Le ban­die­re di Pri­sti­na
-La tv del­la Mol­do­va
-I tim­bri del­la Ser­bia
-Frozen conflicts
-Nella Piazza Rossa
-Sulla via della seta
-Tibet, la terra e il cielo
-Viaggio a Murmansk

Lettere dall'America
di Gregory Sumner

-Ricordando Havel
-I pompieri di Vonnegut
-Una rivista transatlantica
-Presidente Obama: invictus?
-Stanno chiudendo Detroit?
-Lezioni della Grande Depressione
-L'audacia della speranza
-Una voce dal 1968
-Il liberalismo di FDR
-I politici dell'"Amigdala"
-Cittadinanza planetaria




chiudi