Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri

d'usi e costumi

UNA CITTÀ n. 116 / 2003 Ottobre

Articolo di William Raffaeli

IL DOLORE INUTILE
Oggi sappiamo che il dolore non è più solo l’utile segnale d’allarme di un corpo che si sta ammalando, ma spesso è esso stesso una malattia, che può rendere inabili al lavoro, invalidare la vita relazionale, rendere un inferno il decorso di una malattia fatale o quello di una normale vecchiaia. Il rischio che la nuova legge sulla droga metta al bando la morfina. Intervento di William Raffaeli.

Durante la Fiera delle buone pratiche di cittadinanza, svoltasi a Forlì nel novembre scorso, si è svolto un dibattito sulle “Terapie del dolore e cure di fine vita”. Riportiamo gli interventi di William Raffaeli e Michele Gallucci. William Raffaeli è primario di Terapie del Dolore di Rimini. E’ stata la dimensione etica uno dei motivi che ha obbligato i sistemi sanitari a misurarsi col problema del dolore. Però, nei fatti, il dolore ha sempre rappresentato una sfida, non tanto per i sistemi sanitari, quanto per le persone che vi si sono dedicate, cioè per i medici che hanno sempre dovuto fare i conti con la sofferenza delle persone. Ma l’ambiguità insita nel termine “dolore” ha creato per lungo tempo delle difficoltà di interpretazione; tutti noi abbiamo un’esperienza estremamente precisa del dolore, sappiamo cos’è, lo conosciamo e lo sappiamo riconoscere, possiamo quindi parlarne. Nella convinzione profonda di ogni persona, il dolore è un sintomo da eliminare, che non serve a niente e dà solo fastidio, ma nello stesso tempo sappiamo tutti che costituisce anche un segnale d’allarme. Questo concetto del dolore come segnale allarme è una teoria che ci deriva dall’Ottocento, quando ricercatori e scienziati del tempo riuscirono a decifrare questo segnale e a capire che è un elemento di difesa dell’organismo, cioè un qualcosa che ci aiuta a capire che ci stiamo ammalando, che c’è qualcosa da guarire, eliminando la causa che genera una lesione del nostro organismo. Ad esempio è implicito che, se io ho mal di denti, per liberarmi dal dolore cercherò di togliermi il dente, cioè di eliminare la causa che mi genera quella sofferenza. Questo passaggio, così semplificato, costituisce però anche ciò che rende complicato comunicare il dolore: come parlarne ai medici, come rivolgersi alle strutture sanitarie? Quand’è che il dolore si trasferisce dall’ambito di sintomo a quello di malattia? Quand’è che noi cominciamo a sopportare un dolore perché “ormai non c’è più niente da fare”? Ecco allora che la sfida di questi ultimi anni è tentare di decifrare questo segnale, che in effetti in un primo momento costituisce una difesa verso qualcosa che offende l’integrità del corpo, cercando di capire quando da sintomo diventa malattia. Per fare un esempio semplicissimo, siamo tutti d’accordo che sarebbe estremamente pericoloso se l’infarto non fosse accompagnato da dolore; potremmo correre rischi ben più severi. Quindi in questo caso il dolore è una necessità, è un aiuto, un evento positivo; allo stesso modo, se abbiamo un calcolo ai reni, il dolore ci aiuta a capire che dobbiamo fare qualcosa, perché altrimenti andremmo incontro a lesioni ben peggiori. Però quando ci amputano una gamba e continuiamo ad avere dolore nel piede che non c’è più, allora qualcosa non torna. Come mai? Cosa sta succedendo al nostro corpo che non riconosce più gli eventi? Perché cinque anni dopo essere guariti dal fuoco di Sant’Antonio abbiamo ancora quel dolore e ci rimane quel sentimento di gravissima lesione? Ecco, qui le cose cominciano a confondersi, e quel dolore che costituiva un sintomo diventa una malattia vera e propria che colpisce una quantità innumerevole di persone. Si calcola infatti che i costi del dolore cronico siano tali ormai da generare delle gravi difficoltà ai sistemi sanitari e alle grandi assicurazioni private internazionali; ad esempio a causa del dolore alla schiena milioni di persone diventano invalide, devono uscire dai cicli produttivi e adattarsi a vivere una vita non attiva. Così, coloro che sono stati colpiti da malattie neurologiche vivono nella disabilità e nel dolore gran parte della loro quotidianità. Ecco, questo dolore è una disarmonia che il corpo non riesce più a riconoscere, perché nella nostra realtà corporea molto complessa si verifica un’alterazione, come in un computer che non funziona più, ... [ continua ]

Esegui il login per visualizzare il testo completo.Se sei un abbonato on-line, o hai acquistato un Pacchetto di interviste o articoli clicca qui accedere, oppure vai alla pagina Abbonamenti per acquistare l'abbonamento on-line o il Pacchetto di interviste.

Gli abbonati alla rivista hanno diritto all'abbonamento on-line gratuito!



archivio
Competenza della cura
L’idea di una superiorità morale femminile rischia di essere una trappola per le donne. L’importanza di assumere la cura come nodo centrale del nostro presente, ma anche del modello di società futura che desideriamo costruire. La sfida di tenere assieme autonomia e stato di bisogno e il concetto di pluralità nella concezione della "buona cura”. Le donne in politica "fanno la differenza”?
Intervista a Joan Tronto.

Libertà nel legame
Il rischio di considerare la cosiddetta "dipendenza affettiva” alla stregua delle altre dipendenze da sostanze. L’idea falsa di una liberazione dai legami, dalle relazioni, senza le quali non potremmo vivere. Gruppi di autoaiuto in cui la relazione con altre donne può far cambiare un legame sbagliato. I modelli maschili. La pratica di partire dalla "base sicura” della propria storia ed educazione.
Intervista a Maria Castiglioni.

Il capitale di ogni uomo
La diffusione dell’idea che la procreazione è scelta individuale, così come lo è quella del partner, è la causa del rallentamento della crescita demografica nel mondo. La stessa coercizione cinese si è inserita in un cambiamento di costume in atto. Le disparità che aumentano e i limiti nella disponibilità dei common goods. La vita che si allunga, grazie anche a costosi farmaci hi-tech, ma a quali condizioni?
Intervista a Massimo Livi Bacci.

Le lente novità
Mentre famiglie di fatto, separazioni per abbandono, persone che restavano sole c’erano anche nei secoli passati , le novità riguardano il costume ormai prevalente della separazione dei beni, voluta soprattutto dalle donne, la più lunga permanenza in casa del figlio, il progressivo venir meno di una solidarietà intergenerazionale, la diminuzione delle violenze dentro la famiglia. Intervista a Marzio Barbagli.

Il diritto alla famiglia
Perché due omosessuali non devono potersi sposare vedendo così riconosciuta l’utilità sociale della loro unione? Un problema che neanche il Pacs, la cui necessità peraltro è fuori discussione, può risolvere. L’arretratezza spaventosa dell’Italia, dove neanche i single possono adottare un bimbo.
Intervista a Tommaso Giartosio



chiudi