Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri

"Il giornalismo al tempo dei supporti digitali": i file audio del convegno
Il 7 maggio scorso a Coriano si è svolto un incontro sul giornalismo (e i "giornalismi") di fronte alle nuove sfide date dalla Rete e dalla quantità di supporti e mezzi che si stanno facendo avanti, sia per coloro che si occupano di informazione, sia per coloro che ne fruiscono. Qui gli audio, il video e alcune interviste ai partecipanti.

Vent'anni
e 2000 interviste


La tre giorni di dibattiti, presentazione libri e concerti che si sono tenuti a Forlì per celebrare i vent'anni di Una città.

Qui i video, le foto e gli audio degli interventi.

La casa del bigotto
Religione come guida nella vita quotidiana, saggezza popolare, iniziativa individuale, valori della comunità e nazionalismo, astio verso il welfare e l’assistenza ai poveri, quindi ai neri, verso le grandi banche e i costumi cosmopoliti... Una realtà fuori controllo del Partito repubblicano. Intervento di Stephen Eric Bronner.
La politica americana viene generalmente vista come non ideologica e pragmatica. Qualche volta tende a sinistra, altre volte a destra, ma il pendolo sembra sempre ritornare a quello che lo storico liberale Arthur Schlesinger definiva "il centro vitale”. Eppure è innegabile che i movimenti di estrema destra siano stati una costante. Le istituzioni politiche americane possono minimizzare le prospettive di conquista del potere da parte di partiti politici connotati ideologicamente, ma i movimenti reazionari di massa hanno messo sotto pressione l’apparato elettorale e hanno avvelenato l’atmosfera culturale della nazione sin dalla sua nascita. Il bigotto si è sempre sentito a casa. Gli è stato dato il benvenuto dai "nativisti” xenofobi ("know nothings”) del 1840, dal Ku Klux Klan, dagli "America Firsters” anti-interventisti durante la seconda guerra mondiale che spesso preferivano Hitler a Franklin Delano Roosevelt, dai partigiani di Joseph McCarthy, dalla John Birch Society così come dalla maggioranza "silenziosa” degli anni 60 e dalla maggioranza "morale” degli anni 80.


Newsletter domande


"Domande" è la newsletter (quasi) quindicinale di Una città
.

Cos'è il diritto all'oblio?

Guido Scorza è avvocato e dottore di ricerca in Informatica giuridica e Diritto delle nuove tecnologie. Scrive, tra gli altri, per L’Espresso, Wired.it e Punto Informatico. Qui il suo blog.




Andrew Arato ripercorre le tappe che hanno portato l'Ungheria alla situazione attuale: dal fallimento del processo costituzionale negli anni 90, anche a causa dell'irresponsabilità dei socialisti, all'entrata in scena del partito Fidesz.

Per iscriversi a "Domande" utilizzare il menù "newsletter" sulla homepage del sito.
cosa sta succedendo

Andrea Ranieri, già segretario regionale della Cgil Liguria, ha partecipato a Sinistra Italiana


  
UNA CITTÀ n. 248 / 2018 aprile

Intervista a Andrea Ranieri
realizzata da Gianni Saporetti

LE ROVINE E LE MACERIE
Una sinistra incapace di capire il cambiamento della società, finita nell’autoreferenzialità di gruppi dirigenti preoccupati solo di riprodursi; il fallimento dell’esperimento del Brancaccio e l’illusione che bastasse “richiamare” i delusi della sinistra per ricostruirne una; le parole da rimettere in discussione, progresso, governabilità, riformismo; l’idea che i ricchi risolveranno i problemi dei poveri; la rivoluzione di capacità e la microfisica della speranza. Intervista ad Andrea Ranieri.

Andrea Ranieri, già segretario regionale della Cgil Liguria, senatore e poi assessore alla cultura del Comune di Genova, membro della direzione nazionale del Partito Democratico fino al 2015, successivamente ha partecipato al processo costituente di Sinistra Italiana.

Ovviamente vogliamo parlare dei risultati elettorali e dello stato della sinistra in Italia…
Allora, secondo me, il risultato di queste elezioni ha segnato la fine della sinistra in Italia come l’abbiamo conosciuta. Sono venuti in evidenza i limiti di una elaborazione politico-culturale del tutto inadatta e incapace di leggere le dinamiche nuove che si stavano aprendo e, in maniera drammatica, l’autoreferenzialità della sinistra, la voglia disperata di riprodurre se stessa, senza fare i conti con il cambiamento. Ma una sinistra che ha come compito di produrre se stessa, è destinata a riprodursi ogni volta sempre più in piccolo fino a sparire. Con la conseguenza, poi, che le spinte più radicali vanno da un’altra parte. Basta pensare al risultato della sinistra a queste elezioni, di Liberi e Uguali e Potere al Popolo (io non considero il Pd più facente parte della sinistra, se vuoi poi ne parliamo). Liberi e Uguali a cosa puntava? Al popolo della Cgil, agli operai contrattualizzati e ai pensionati. Aveva quel target. Potere al Popolo puntava sui disperati, quelli che lavorano coi migranti, quelli delle ditte d’appalto, i marginali della logistica, i manovali del computer. Ebbene, a dicembre ci sono state a Roma due manifestazioni, una della Cgil sulle pensioni e Liberi e Uguali erano tutti lì in corteo con la Cgil, e una, promossa dai migranti con le ditte d’appalto, con i riders, con i lavoratori della logistica, e Potere al popolo era tutto lì.
Tutto lì, salvo che quei due mondi poi hanno votato da un’altra parte, gli operai contrattualizzati che più o meno se la cavano, hanno colto come messaggio fondamentale quello dell’abolizione della Fornero e quello di difendersi da chi sta peggio, e hanno votato in gran parte Lega. I disperati e i marginali, quelli che alla pensione non ci arriveranno mai, hanno votato Movimento 5 stelle. Cioè il mondo del lavoro diviso non va a sinistra, trova altri modi per esprimere se stesso e tutelare i propri interessi.
Ecco, questo dovrebbe essere il primo compito della sinistra: la riunificazione del mondo del lavoro.
Vedi, io ero fra quelli che avevano lanciato l’iniziativa del Brancaccio insieme a Tomaso Montanari, Anna Falcone, eccetera, con l’idea di provare a riunificare quel che era diviso non solo dal punto di vista politico, ma dal punto di vista sociale. L’idea era di fare una sola lista di sinistra che fosse fatta in massima parte non dal ceto politico della sinistra ma dai protagonisti dispersi delle tante battaglie.
L’esperimento è fallito per due motivi: il primo, perché nessun vero progetto può nascere sotto elezioni, il limite del Brancaccio era quello di pensare che le elezioni fossero il terreno per fare questa operazione. Per l’ennesima volta è successo quello con cui ho dovuto fare i conti tante volte: quello elettorale è il momento peggiore, perché scatta inesorabile l’autoreferenzialità e la voglia di riprodurre se stessi. E il secondo motivo era che puntava a mettere insieme, sì, il sociale, la sinistra sociale, ma con la sinistra politica che c’era, quindi facendo leva sui gruppi dirigenti di Sinistra italiana, di Mdp, di Rifondazione. Bisogna prendere atto che la possibilità di ricostruire qualcosa non passa più dalla politica di professione, dalla politica di mestiere. Poi, come dire, la spinta elettorale porta a delle operazioni contro natura, da tutte e due le parti, cioè Sinistra italiana si allea con D’Alema, Mdp, Bersani, e viene fuori una cosa in cui il profilo politico è irriconoscibile. In primo luogo per una ragione storica: la gente che lavora, i pensionati, hanno cominciato a pagare dei prezzi durante il centrosinistra, prima, cioè, di Renzi. Se ci pensiamo, il programma di Bersani alle elezioni del 2013 era più succube dell’austerità e della tecnocrazia europea di quello di Renzi di oggi. Bersani andò in visita dal mitico ministro delle finanze tedesco per spiegargli che la Germania non aveva niente da temere dal nuovo governo, e la Fornero l’hanno votata loro, D’Alema, Bersani, appoggiando il governo Monti. Quindi che la gente potesse rivedere, in una riedizione del centro sinistra, una risposta ai problemi drammatici del presente era improbabile. Ma la seconda ragione, che riguarda proprio il modo di concepire la politica, è ancora più grave. Chi ha un’idea di politica che vuole far diventare protagonisti quelli che provano a cambiarla a partire dai luoghi dove vivono e lavorano, dai luoghi dove fanno azione nel sociale, come può pensare di farla con D’Alema per il quale c’è un’autonomia del politico, la politica è una technè con le sue regole indipendenti dalle stesse dinamiche sociali. È un’idea di politica che ha portato la sinistra a scegliere la modernità a prescindere, a costruire un potere in grado di interagire in tempo reale con la modernità e i suoi cambiamenti, assunti comunque come fatti positivi, qualunque essi siano. Ma è un caso che tutti i seguaci principali di D’Alema siano diventati renziani? Potrei farne un lungo elenco, ma ci arrivi da solo, sono tutti i pupilli di D’Alema, compreso l’incredibile presidente del partito Orfini, un dalemiano di ferro. Sono diventati allo stesso modo renziani di ferro. Ma perché ragionano sostanzialmente nella stessa logica: quel che è decisivo è vincere e avere porzioni di potere. Allora, al congresso di Sinistra Italiana, nel documento conclusivo c’era scritto: "Staremo nelle istituzioni ma non saremo gli uomini delle istituzioni, ci presenteremo alle elezioni ma non saranno le elezioni il nostro ragion d’essere, useremo tutti gli spazi della politica per aprire gli spazi alla politica vera, quella che conta, che si fa nelle fabbriche, nei quartieri, nei posti dove lavori”. Invece, poi, hai fatto un’operazione di lista elettorale in cui l’unico problema era provare a garantire un posto in parlamento a quelli che c’erano, l’esatto contrario di quell’idea di rifondazione della politica. Per cui per me quell’esperienza si è chiusa e se nasce qualcosa di nuovo non nasce da lì.
Dicevi che anche Potere al popolo in qualche modo ha fallito…
Allora, questi ragazzi di "Je so’ pazzo”, del centro sociale di Napoli, sono stupendi. Han fatto cose molto belle, hanno preso questo ex manicomio giudiziario, han fatto l’ambulatorio gratuito, cose che ai nostri tempi erano il "prendiamoci la città”. E però poi anche loro, nel costruire la lista, si sono messi con Rifondazione, con Cremaschi ed EuroStop, col Partito comunista italiano e hanno creato una cosa in cui c’era un’esperienza sociale nuova e interessante, e poi dall’altra c’era gente alla ricerca del proprio futuro perduto, una ricerca un po’ spettrale. Questa cosa li ha danneggiati, a riconferma del fatto che il passaggio dall’attività sociale di territorio alla costruzione di una proposta elettorale non è semplice. Tant’è vero che per farlo han dovuto appoggiarsi a strutture preesistenti ma piene dei vecchi mali che loro stessi volevano superare. Cremaschi è ceto politico così come i Comunisti italiani, così come il gruppo dirigente di Rifondazione. Poi c’è un’altra questione che riguarda le divisioni: oltre a quella tra i lavoratori contrattualizzati e sindacalizzati e i disperati della logistica e del computer, rischia di crearsene un’altra, quella tra associazionismo perbene e associazionismo permale, fra associazionismo rispettoso della legalità e associazionismo che mette, come dire, un’idea di giustizia al di sopra della stessa legge. Anche giustamente a volte, no? Se quelli di "Je so’ pazzo” non occupavano l’opg, questo era nella merda e hanno fatto bene, ma Libera, la Caritas, l’associazionismo francescano, beh, rispetto ai migranti e a chi fa fatica a vivere, fanno cose altrettanto apprezzabili. Allora devi costruire un ragionamento che tenga insieme le cose. Far diventare subito politica quell’impegno lì, a prescindere, costruendoci un’identità, oltretutto con un’alleanza con Rifondazione, rischia di creare una frattura anche in un mondo che dovrebbe trovare un’unità di fondo.
Ma tornando alla crisi della sinistra, non viene da molto lontano?
Certamente e sarebbe sbagliato attribuirne tutta la colpa ai protagonisti attuali. Ci sono delle rovine nella storia della sinistra, e però, bada bene, le rovine sono una cosa seria, quel che si è prodotto invece negli ultimi tempi sono macerie, che sono una cosa diversa: le macerie, come dire, ti impediscono i passi, ti impediscono lo sguardo. Io sono molto affezionato a come Walter Benjamin parla dell’Angelus Novus, del disegno di Paul Klee, dove c’è l’angelo che guarda le rovine e però il vento lo spinge inesorabilmente verso il futuro. Questo angelo cerca di resistere perché sa che le rovine sono importanti, che non puoi andare nel futuro senza portarti dietro il passato, senza averci fatto i conti.
Ecco, le rovine sono quelli che la storia ha messo da parte, sono i vinti, sono i perdenti, sono il senso della nostra storia e della nostra memoria, e per guardare a un futuro serio, per costruire qualcosa di nuovo, questa memoria la si deve recuperare. Anche se si è spinti verso il futuro in maniera impetuosa si deve continuare a guardare lì sotto.
Qua non c’è più niente di tutto questo. Da una parte ci sono quelli che chiamo i rivangatori di futuro, che parlano di futuro come se fosse sempre una cosa gloriosa, e dall’altra i produttori di macerie, quelli che trasformano le rovine in macerie. Io credo che bisognerebbe invece fare uno sforzo grande per fare i conti con le vere rovine della sinistra che, ripeto, sono rovine importanti.
Bisogna mettere in discussione una serie di categorie di fondo.
Per esempio?
Noi siamo progressisti, ma ha ancora senso oggi usare la parola progresso come una cosa in sé positiva? Per tanti oggi il progresso è un incubo, è una cosa di cui avere paura, e hanno le loro ragioni. Credo bisognerebbe rileggersi la Ginestra del Leopardi, e le "magnifiche sorti e progressive” che oggi stanno forse distruggendo il mondo e la possibilità stessa dell’esistenza degli uomini sul pianeta. Da questo punto di vista, una rovina che mi piace recuperare è la famosa austerità di Enrico Berlinguer, che non era l’austerity di oggi. A un certo punto, rispetto a chi si proclamava riformista e progressista, disse, con quella che forse era una battuta, di essere "conservatore e rivoluzionario”. Conservatore perché c’erano e ci sono tante cose da difendere, e rivoluzionario perché senza un mutamento profondo, del nostro modo di fare politica, di vivere, di consumare, perderemo non solo la nostra cultura e la natura, ma persino i diritti che ci siamo conquistati. Per conservarli, infatti, abbiamo bisogno di un cambiamento profondo; non vivono di per sé. Ecco, questa per esempio è una cosa su cui mi piacerebbe ragionare.
Ma prendiamo anche la parola riformismo e ragioniamoci sopra. Le uniche vere grandi riforme in Italia si son fatte quando non eravamo tutti riformisti, al massimo riformatori. Che so, la scuola media unica, il servizio sanitario nazionale, il diritto di famiglia, lo statuto dei diritti dei lavoratori, sono stati conquistati in periodi in cui la parola "riformista” era quasi un’offesa per tanti. Bruno Trentin si proclamava riformatore, non riformista. L’aggiunta dell’ismo ha contrassegnato l’inizio di un’epoca in cui riformismo ha voluto dire sostanzialmente superare i vincoli che impediscono il pieno sviluppo delle forze di mercato e di competizione fra le imprese, le nazioni e le persone. Tant’è che oggi se tu vai in un posto e dici di voler fare una riforma, ti dicono: "Per piacere, valla a fare da un’altra parte...”.
Una terza parola è governabilità, che è diventata anch’essa un "ismo”, potremmo chiamarla "governismo”. Io sono anche stanco di un mantra, che la sinistra o è di governo o è di testimonianza. Io penso che siamo stati forti quando siamo stati in grado anche di testimoniare concretamente che un’altra vita era possibile. Credo che il fatto di non avere più testimoni sia un serio problema. Penso agli uomini della Resistenza, ma anche agli uomini che comunque hanno vissuto in maniera coerente ai propri principi. Penso a mio padre, per esempio, che quando andava nelle scuole a parlare ai ragazzini della Resistenza, faceva ancora pensare loro che la politica è una cosa seria, perché vedevano in lui uno che aveva fatto davvero, che aveva messo davvero l’interesse generale al di sopra della sua stessa persona. E adesso? La generazione dei 40-50enni, è gente che ha investito su se stessa, non su un progetto, ha investito sulla propria carriera, sul proprio reddito. E i giovani lo vedono, non crediamo che non lo vedano. L’Anpi ha più iscritti giovani dei partiti, e fa impressione. L’Anpi è la più grande organizzazione giovanile in Italia!
Papa Francesco, nel suo ultimo libro rivolto ai giovani, invita i nonni ad andare a parlare ai ragazzi perché gli adulti non ne sono più capaci. Io penso che la rinascita della sinistra forse ha bisogno di una nuova alleanza fra nonni e nipoti, saltando la generazione di mezzo, perché la generazione di mezzo, diciamolo, è un disastro. Cioè son quelli lì, quelli che mettono il proprio posto in parlamento, o in comune, in una giunta, al di sopra di qualunque cosa.
Ecco, l’aver assunto come priorità il governo a prescindere, ha provocato i disastri che stiamo vivendo: una sinistra senza valori e senza principi.
Bada bene, quando dico senza valori non è che sopravvaluto i valori della sinistra. Anzi. Quando questi qua, usciti dal Pd, pensavano di prendere tanti voti, puntando agli ex comunisti delusi da Renzi, pensavano una sciocchezza. Non esiste una riserva a cui attingere, si ragiona come se la sinistra fosse qualcosa che c’è, che è lì, che i valori e le idee di sinistra siano un patrimonio stabile, cui puoi tornare ad attingere solo se fai risuonare le parole. Non va così.
Hai citato l’austerità di Berlinguer. Ma se parli di sobrietà e di disprezzo per il lusso passi per un pauperista, come fosse una cosa del tutto disdicevole.
Io non credo che il problema sia il superamento della povertà. Credo che il problema vero sia vedere se i poveri riescono a governare il mondo. Il mondo sta andando in malora per i ricchi, non per i poveri. Io le persone migliori che ho conosciuto nella vita erano povere, erano poveri gli operai che ho conosciuto a Genova, che non volevano fare lo straordinario perché non volevano dare più tempo al padrone per un po’ di consumo in più. Sono poveri gli indigeni dell’Amazzonia che difendono le loro terre e potrebbero essere più ricchi se lasciassero estrarre il petrolio dalle loro terre. Le persone migliori del 900 è gente che si è fatta povera, Simone Weil, Danilo Dolci, è gente che l’ha scelta, la povertà. Noi identifichiamo la povertà con la miseria, ma è un errore grave. In un libro di Paolo Nori -non so se lo conosci, è un affabulatore di Parma che scrive libri di storia- lui racconta che sua nonna gli diceva che a casa loro c’era tanta miseria e quando erano diventati poveri avevano fatto una festa. E che cos’era per questa donna la povertà? Era la dignità, era non aver bisogno, era non inseguire il superfluo ma avere il necessario, non farsi travolgere dal consumismo. E forse aveva ragione Pasolini, nel vedere nel consumismo il male che ci avrebbe travolto. Pasolini aveva una rubrica educativa, mi sembra su "Vie Nuove”, dove si rivolgeva a un giovane napoletano, Gennariello (sosteneva che solo i giovani napoletani non erano ancora totalmente corrotti) spiegandogli che la colpa dei padri era di aver assunto come obiettivo primario quello di far entrare i poveri nell’orizzonte di consumo dei ricchi. Con questo abbiamo fatto sì che l’unica storia possibile è diventata quella della borghesia. Di lì tutte le sciocchezze di Blair, di Veltroni, eccetera, secondo cui il nostro problema è che i ricchi diventino più ricchi in modo che un po’ del loro benessere ricada anche sui poveri. No, su questo papa Francesco è più avanti. Saranno i ricchi a distruggere il mondo, e solo se i poveri prendono in mano il loro destino forse il mondo si riuscirà a salvare, a uscire da quella che Papa Francesco chiama la bancarotta dell’umanità. È bella questa espressione, perché non c’è solo il crack delle banche, c’è che ci stiamo abituando -in nome della difesa dei nostri stili di vita- a un mondo in cui è normale sterminare gli animali e far annegare in mare i migranti. Ecco, penso che siano queste alcune delle categorie di fondo su cui confrontarci.
Ma il quadro è desolante. Dove sono le risorse…
Forse dobbiamo rivedere la stessa idea di popolo. Ormai il popolo lo pensiamo come lo pensano gli altri, dei numeri da mettere in fila. Certo, vediamo il mondo, vediamo la miseria, vediamo l’alienazione, vediamo tutto, poi, però, chissà perché, siamo convinti che bastino tre-quattro parole ben dette, un programma ben fatto a far sì che quel popolo lì, che abbiamo descritto come alienato, povero, ignorante, rozzo, recuperi la sua dignità, o, più modestamente, vada a votare, la qual cosa, forse, è ciò che ci interessa di più. Ma non vanno nemmeno a votare. In realtà non sappiamo vedere e non abbiamo mai lavorato seriamente, sul modo in cui la gente riesce a vivere l’invivibile, in cui cerca di mantenere autonomia e dignità anche in un mondo che la esclude.
Nella Gerusalemme Rimandata, Vittorio Foa racconta come gli operai inglesi trovassero il modo, mettendosi d’accordo per rallentare i ritmi, falsificando le cose, usando il loro sapere, per mantenere una qualche autonomia rispetto al padrone e ai ritmi della fabbrica. Ecco, io penso che una sinistra seria dovrebbe andare a vedere come il popolo riesca a usare degli spazi e dei margini, gli stessi rituali, gli stessi consumi, della borghesia per trovare una propria strada. Prima parlavamo del consumismo, ma non è vero che il consumismo necessariamente livella. La gente poi percependo queste cose, le rielabora trovando il modo per vivere e costruire una propria identità. Ecco, io credo che queste capacità ci siano. Dopo Foucault, siamo diventati bravi a leggere la microfisica del potere, mi piacerebbe cominciassimo a leggere la microfisica della speranza. Questa non è nella testa della sinistra, ma in quella della gente sì. Quando siamo andati in periferia, con la campagna elettorale romana, dopo esserci detti che il problema è nelle periferie, non abbiamo preso il voto. Ma perché ci siamo andati con la stessa logica del "ve lo spieghiamo noi come si fa”. E non è così, non si può così. Quella è gente che riesce a viverlo, ciò che noi consideriamo invivibile, e il modo in cui riesce a vivere l’invivibile è spesso frutto di un sapere, di una cultura, di un modo di pensare e di vivere le cose da cui dovremmo imparare. Si va lì a dire quattro cose, a portare il programma e pensiamo che questi vengano con noi? No, non sono venuti!
Al fondo c’è un disprezzo, non malvagio, anzi, però un disprezzo per la gente?
Secondo me sì. Quando parlavo prima dell’arroganza dei produttori intendevo questo. Questa cosa s’è vista nella storia del movimento operaio, e c’è chi ha vinto e c’è chi ha perso. Secondo me avevano ragione quelli che hanno perso. C’erano due modi di considerare per esempio l’organizzazione del lavoro, il fordismo era esaltato da parte dello stesso Gramsci perché la gente si omologava e si socializzava, e però c’erano anche quelli che invece cercavano di vedere come invece si riusciva a difendere la propria autonomia, la propria intelligenza. Ma tutto è stato distrutto dall’idea che il punto fondamentale era la conquista dello stato, era il potere, e questo sia nella variante socialdemocratica sia nella variante leninista, su questo uguali! Noi che abbiamo amato tutti e due Pino Ferraris, beh, Pino ci parlava di Gnocchi Viani, che aveva un’idea della Camera del lavoro come modo in cui la gente pigliava nelle proprie mani il proprio destino e si ritrovava senza distinzioni. Insieme agli operai c’erano i disoccupati, le donne... Ma Gnocchi Viani fu rimosso sia dai turatiani che dai leninisti, perché era un’idea di socialismo libertario e antistatalista. Pino citava sempre un pezzo di Cole, che ne Il pensiero socialista, parlando di Proudhon, sostiene che nel mondo le idee di rivoluzione sono state due: la rivoluzione di potenza e la rivoluzione di capacità. La rivoluzione di potenza è quella della conquista dello stato e dell’educazione delle masse attraverso il governo e il potere. Cioè le masse che vanno guidate. La rivoluzione delle capacità puntava invece sull’aumento della capacità della gente di governarsi da sé. Questa idea fu liquidata come un "socialismo da piccoli proprietari, da bottegai”, in nome della grande industria che nasceva. Ora mi chiedo se di questi tempi l’idea della rivoluzione delle capacità non abbia la sua rivincita. Quella di potenza è fallita.
La rivoluzione di capacità è quella che apre dei vuoti, non che costruisce dei pieni. In un mondo pieno di tecnocrazia, di consumismo, costruisce dei vuoti, e delle possibilità, per mettere in moto l’intelligenza e il pensiero della gente, in cui quell’intelligenza diffusa di cui parlavamo prima, quella microfisica della speranza, può trovare un modo di esprimersi. E ridiventare politica.
(a cura di Gianni Saporetti)

  

archivio
Nella nube di Magellano

Gli esperimenti che si svolgono nei sotterranei del Gran Sasso, un ambiente ideale per i suoi mille metri di roccia a far da schermo e, anche, per la possibilità di arrivarci coi tir; i neutrini e l’ormai famosa differenza di 60 nanosecondi rispetto alla velocità della luce; l’attesa dell’esplosione di una supernova. Intervista a Marco Selvi.

Un male incurabile?

Altri 13.000 posti persi in Veneto, dopo i 53.000 del 2009; disoccupazione, male incurabile? Indurre l’obbligo a darsi da fare insieme all’introduzione del reddito di ultima istanza; l’importanza della settimana di vendemmia per tutti i giovani; il lusso, che non potrà durare, di una badante a testa. Intervista a Bruno Anastasia.

Tunisia: crisi, migrazioni e buon vicinato


A manifestare, in toga...

Quando è scoppiata la rivoluzione, in strada, a manifestare contro Ben Ali, c’erano anche giudici e avvocati; un sistema, quello della giustizia tunisina, da riformare profondamente, in tutte le sue articolazioni, a cominciare dai poliziotti; la fase della giustizia, a cui deve seguire la riconciliazione. Intervista a Wahid Ferchichi.

Diciannove scompaiono

Una generazione che, nonostante sia meno numerosa, più istruita e flessibile e meno sindacalizzata, stenta a entrare nel mercato del lavoro; l’idea, sbagliata, che per fare spazio ai giovani ci si debba liberare dei vecchi; il problema del mismatch e di un’economia fondata sul basso costo del lavoro. Intervista a Bruno Contini.

La cultura del dato

Al 2007 gli operai erano cresciuti non calati; così come erano cresciute le piccole fabbriche a scapito delle grandi; la grave incomprensione a sinistra del cambiamento; la mancanza cronica di dati che affligge il nostro paese e vanifica ogni riforma; l’isolamento tragico di Marco Biagi. Intervista ad Aris Accornero.

Falso allarme?

Il problema della scelta di lanciare l’allarme in una situazione di incertezza insuperabile; l’influenza, malattia innocua a livello individuale, niente affatto statisticamente; il vaccino, rimedio necessariamente comunitario, oggi sotto attacco dei naturopati; il rischio della seconda ondata. Intervista a Fabrizio Pregliasco.

Il profilo personale

Il fallimento del passaggio dal vecchio collocamento meccanico a politiche del lavoro attive, attente alla necessaria personalizzazione dei percorsi; la mancata informatizzazione, una formazione del personale tradizionale, l’isolamento territoriale, le risorse date solo agli ammortizzatori passivi... Intervista a Concetto Maugeri.

Il calendario che non c'è

La consunzione di un calendario civico nazionale e di quello scolastico in un paese che non ha fatto i conti col passato; il giorno della memoria e la domanda decisiva, sempre elusa, su "come è potuto succedere”; il bisogno di memoria sintomo di solitudine, smarrimento; l’ideologia dell’autentico, comune a destra e sinistra. Intervista a David Bidussa.

Dillo alla Lega

In giro per le regioni rosse passate alla Lega, incontrando i vecchi ex Pci che vedono nel partito di Bossi l’ultimo di sinistra, ma anche i tanti giovani antisindacato e anticomunisti; il ruolo delle donne e l’incredibile capacità della Lega di mettere assieme giovani e vecchi in una sorta di 68 alla rovescia; intervista a Paolo Stefanini.

Partecipazione e innovazione

Il sistema adottato a Pomigliano, il Wcm, è solo un’evoluzione del toyotismo, e anche l’Ergo Uas ha più uno scopo ergonomico che di controllo; l’errore dei sindacati di non aver chiesto, in cambio di innegabili sacrifici, una maggiore partecipazione degli operai alla progettazione; i contratti "a menù”. Intervista a Luciano Pero.

No Tav o no Tir?

L’esempio di Francia e Svizzera che hanno risolto le stesse questioni in modo partecipato, efficace e soddisfacente per tutti; l’equivoco nominalistico della Tav, che non sarà alta velocità; il trasporto merci che oggi deve andare "in pianura”; una parte di ambientalismo sempre contrario a priori, comunque. Intervista a Mario Virano.

Quando l'indagato

Il disagio per un magistrato di dover indagare e accusare un appartenente alle forze dell’ordine; un codice Rocco, tuttora in vigore, che condannava la devastazione molto più aspramente delle lesioni volontarie; un lavoro fatto in solitudine, per far luce su cosa successe alla Diaz. Intervista a Francesco Cardona Albini.

A manifestare, in toga...

Quando è scoppiata la rivoluzione, in strada, a manifestare contro Ben Ali, c’erano anche giudici e avvocati; un sistema, quello della giustizia tunisina, da riformare profondamente, in tutte le sue articolazioni, a cominciare dai poliziotti; la fase della giustizia, a cui deve seguire la riconciliazione. Intervista a Wahid Ferchichi.

Milano, Reggio Calabria

I fatti di Rosarno non si spiegano senza la ’ndrangheta e alcune direttive europee dagli effetti perversi; le infiltrazioni al Nord, in particolare a Milano, dove siamo ormai alla terza generazione di ‘ndranghetisti; il rapporto con la Chiesa, le ambigue iniziative del governo e la speranza nei giovani; intervista a Enzo Ciconte.


In casi estremi

Uno scenario aperto, dagli esiti ancora incerti, da cui potrebbero emergere anche paesi totalmente riconfigurati; i dubbi sul cosiddetto modello turco che, se per l’Egitto potrebbe rappresentare un miglioramento, in Turchia è invece in discussione; le probabili ricadute sul conflitto israelo-palestinese. Intervista a Andrew Arato.
Due centesimi di dollaro

L’esperienza in Tanzania e in Vietnam e la passione per i paesi in via di sviluppo, dove tanto si impara, proprio professionalmente; le malattie parassitarie, che basterebbe così poco per debellare, e l’indegno comportamento delle aziende farmaceutiche; un ricordo dell’amico Carlo Urbani. Intervista a Antonio Montresor.

La Francia e i Rom

La decisione del governo francese di espellere dal paese famiglie Rom e Sinti provenienti da Bulgaria, Ungheria e Romania e quindi cittadini a pieno titolo dell’Ue ha suscitato, oltre che la perplessità dei giuristi, una diffusa reazione di disapprovazione, se non addirittura di sdegno, da parte di una nutrita schiera di esponenti, laici e religiosi, della società civile europea. Intervento di Giulio Cavalli.


Un pomeriggio a Jaffa

In una giornata piovosa, l’incontro casuale, in un bar di Jaffa, con "il più grande calciatore palestinese della storia di tutti i tempi”, Rifaat Tourq, oggi impegnato con i bambini del quartiere Ajami, di Tel Aviv, dove da tempo è in corso un tentativo di espulsione dei palestinesi. Di Mariangela Gasparotto.
Rosa al Cairo

Dove potremmo trovare i giusti strumenti analitici? Forse un buon punto di partenza ci proviene da Rosa Luxemburg (1871-1919). Agli inizi della mia carriera avevo tradotto e curato la pubblicazione delle sue "Lettere” e una sua breve biografia, intitolata Rosa Luxemburg: A revolutionary of Our Times. Non posso fare a meno di pensare a Rosa, in questo momento: certo sarebbe rimasta intrigata da quanto sta accadendo in Medio Oriente.


Lo specchio del Paese

Imposta nata in Francia negli anni 50 e oggi diffusa in 140 Stati, l’Iva, nel nostro paese resta un elemento di debolezza anziché di forza; i crediti Iva illegittimi e il paradosso di uno scontrino che non è affatto fiscale; il videogames dei commercialisti sugli studi di settore chiamato "Gerico”. Intervista a Roberto Convenevole.

Meglio il perito

Cosa è servito prender la laurea? A trent’anni se resti senza lavoro per la crisi vedi che cercano periti, operai specializzati, neolaureati under 29, gente che sa usare il 3D... Intervista a Giaele Placuzzi.

Il riparatore

Il ricorso al nuovo potrebbe essere solo una parentesi nella storia dell’umanità; le nostre vite, anche se non ce ne rendiamo conto, sono piene di "riuso”, a partire dalla nostra casa; invertire una cultura che stigmatizza chi ricorre all’usato, riabilitando il valore, anche economico, della manutenzione; intervista a Guido Viale.

Se un fiume si chiama dragone

La gestione del rischio significa innanzitutto fare in modo che, quando si verifica il disastro, si debbano prendere il minimo delle decisioni; il dibattito sulla prevedibilità e l’importanza di creare una "protezione civile dal basso” perché l’improvvisazione è sempre deleteria; il caso de L’Aquila; intervista a Giuseppina Melchiorre.

Se non ci fossero state le badanti

Il disorientamento di tante famiglie costrette a diventare "datori di lavoro” di una badante. L’inquietante aumento delle vertenze, ma anche le tante storie di grande dedizione. L’assurdità di enfatizzare la domiciliarità mentre si lascia tutta l’assistenza a carico delle famiglie. Intervista a Alberto Bordignon e Cristina Ghiotto.




chiudi