Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri
storie di lavoro

Giaele Piacuzzi, ingegnere biomedico disoccupato


UNA CITTÀ n. 182 / 2011 Marzo

Intervista a Gioele Placuzzi
realizzata da Michele Dori, Mattia Sansavini

MEGLIO IL PERITO
Cosa è servito prender la laurea? A trent’anni se resti senza lavoro per la crisi vedi che cercano periti, operai specializzati, neolaureati under 29, gente che sa usare il 3D... Intervista a Giaele Placuzzi.

Giaele Placuzzi, 31 anni, ingegnere biomedico attualmente disoccupato, vive a Montaletto di Cervia. è un bruttissimo periodo per trovarsi a 30 anni senza lavoro. Anche con una laurea in ingegneria. Non mi sento già espulso dal mercato del lavoro, ma a rischio espulsione sì. Farei anche l’operaio, ma non specializzato perché sono privo di preparazione pratica. Manovale, ma non elevato. Oggi cercano ragazzi che abbiano fatto gli istituti professionali, ancora diciottenni. Paradossalmente uno con la mia qualifica sarebbe costretto a partire da operaio generico. Il mercato vuole figure specializzate già formate. Sto cercando altri corsi d’informatica ma non ho trovato niente. Autocad in campo meccanico è già superato e cercano specializzati in programmi di risoluzione in "3D”. Il mercato cerca profili bassi ma specializzati o laureati giovani. Non c’è la via di mezzo. Poi, non conoscendo le lingue, non potrei nemmeno andare all’estero. Dall’Università mi aspettavo una preparazione tecnica maggiore. Dal punto di vista letterario e teorico tanta roba, poco e niente dal punto di vista pratico, a parte un tirocinio di tre mesi all’ospedale "Bufalini” di Cesena dove mi sono trovato bene e ho imparato qualcosa. L’università è troppo legata alla cultura, allo schema fisso e a presentazioni in power point, ma il lavoro non si impara così. Non avrei mai immaginato di passare anni a cercare lavoro. Uno sì, ma cinque assolutamente no. Ho inviato il curriculum anche ad aziende di Bologna e di Modena dove c’è un solido distretto biomedico. Da noi, invece, c’è solo il metalmeccanico. Lì in diverse mi hanno chiesto l’abilitazione all’uso del programma informatico autocad, cosa che all’università non avevo ottenuto. Tutte chiedevano la formazione di un perito industriale o elettronico, non quella di un ingegnere biomedico. Insomma, un grado inferiore di studi, ma più preparazione tecnica. Ci avevano illuso sul fatto degli sbocchi. Invece nessuno ha trovato poi lavoro in aziende biomediche. Ora provo dispiacere, se avessi fatto l’Itis sarei già al lavoro, più anni di contributi e più soldi in banca. Tornando indietro farei proprio le industriali. Adesso la vedo così. A 19 anni bisogna entrare nel mondo del lavoro. Magari provare a fare tutte e due le cose -studio e lavoro- anche se in ingegneria è quasi impossibile. Ma già il lavoro che avevo, e che ora ho perso, non aveva a che fare con il mio corso di studi. Mi ero iscritto a un corso dai Salesiani scoperto quasi per caso e così l’Imec Group mi aveva assunto per fare gli sviluppi di lamiere per il taglio laser. Ci sono rimasto fino al 2008. Avevano fatto investimenti per 600. 000 euro. C’era la speranza che la Pazzi, una ditta con 160 dipendenti, con grossi committenti quali la New Holland, avrebbe girato lavori importanti, ma la crisi del metalmeccanico ha colpito le ditte che producevano macchine movimento terra. Così revoca dei contratti, cassa integrazione e, infine, il fallimento. Per fortuna in azienda eravamo più di 15, altrimenti avrei avuto solo tre stipendi e Tfr. Di quelli che erano con me uno è andato a lavorare col padre, uno fa il meccanico, uno il gommista e uno il tatuatore. Un collega di Sarsina, incontrato al sindacato, ha ricevuto un’offerta da mille euro mensili, prima con la sua qualifica da saldatore arrivava a 1. 400 euro. Ora sono in mobilità, percepisco circa 700 euro mensili, ma finiranno in aprile. La mia giornata? Beh non mi alzo prestissimo visto che non lavoro, non saprei altrimenti come passare il tempo. La mattina vado al bar del paese e leggo i giornali: Carlino, Stampa, e Gazzetta. Spesso navigo su internet, almeno per una mezz’ora. Cerco i siti sugli annunci di lavoro per Forlì, Cesena, Ravenna. Tuttavia di ingegneri ne cercano pochi, come ho detto cercano soprattutto operai specializzati, montatori con esperienza. Se il tempo è bello vado a pesca, sono... [ continua ]

Esegui il login per visualizzare il testo completo.Se sei un abbonato on-line, o hai acquistato un Pacchetto di interviste o articoli clicca qui accedere, oppure vai alla pagina Abbonamenti per acquistare l'abbonamento on-line o il Pacchetto di interviste.

Gli abbonati alla rivista hanno diritto all'abbonamento on-line gratuito!



dal nostro blog
0
24 ottobre 2017

Per un sindacato unito. Dalla lettera di Pierre Carniti a Cgil, Cisl e Uil

… Il lavoro da sviluppare è, dunque, quello di cogliere l’unità nella diversità e di trasformare il superamento delle diversità … ...

segui
0
24 ottobre 2017

Denti

Un venerdì mattina dello scorso marzo, a Salisbury, Maryland, già due ore prima del sorgere del sole si poteva vedere … segui


0
18 ottobre 2017

Epistocrazia

Su “Le Monde”, il costituzionalista Alexandre Viala, nell’interrogarsi su quale sia il modello di governo che ha in mente Macron, … ...

segui
0
17 ottobre 2017

Fuori dalla scuola

Marie, 13 anni, amava l’inglese e Shakespeare, ma non riusciva a controllare il suo comportamento. Non può farci nulla, si … segui


0
11 ottobre 2017

Disuguaglianze in Germania

Alla vigilia delle elezioni in Germania, il “Financial Times” ha dedicato un pezzo alla povertà in Germania, o più precisamente … ...

segui



chiudi