Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri
pagine di storia

UNA CITTÀ n. 174 / 2010 Maggio

Intervista a Natale Graziani
realizzata da Massimo Tesei

IL COMANDANTE LIBERO
All’indomani dell’8 settembre nell’Appennino tosco romagnolo si formano i primi raggruppamenti partigiani e al loro comando c’è un antifascista veneto, già militare sul fronte yugoslavo, di fede comunista ma di spirito libero, collaboratore dei generali inglesi operanti sull’Appennino romagnolo. Intervista a Natale Graziani.

Natale Graziani, studioso della Resistenza in Romagna e autore, tra l’altro, di un pregevole saggio sul Comandante Libero. A che punto si è nell’opera di ricostruzione di quel che è successo in Romagna nel settembre del 43? Quello che è successo in Romagna dopo l’8 settembre del 1943 è ormai abbastanza chiaro. Sulla storia della Resistenza nell’Appennino romagnolo, ugualmente non mancano studi, memorie scritte, racconti, analisi. Tuttavia c’è sempre qualcosa di nuovo su cui indagare e da chiarire. Infatti, non tutto è condiviso da tutti e quindi la ricerca, il confronto, la riflessione aiutano a fare luce. Recentemente, grazie alle indagini di Giorgio e Nicola Fedel (rispettivamente figlio e nipote del Comandante Libero) , si è aggiunto alla nostra conoscenza un tassello importante, direi fondamentale sulle vicende di quegli anni ormai lontani. Mi riferisco al Rapporto segreto trasmesso il 1° giugno 1944 dai generali inglesi JFB Combe e EJ Todhunter al Comando Supremo Alleato, Teatro del Mediterraneo, e al Ministero degli Esteri di Londra. Desecretato nel 1975, va a merito dei suddetti se ho potuto studiarlo e trarne delle riflessioni e delle conclusioni che ho rese note nell’ottobre scorso all’annuale convegno della Società di Studi Romagnoli tenutosi a Cesena. Poiché la presenza e il ruolo di alcuni generali inglesi nell’Appennino romagnolo rende quella vicenda assolutamente particolare e straordinaria sotto molti punti di vista, ci può brevemente raccontare cosa successe all’indomani dell’8 settembre? E’ difficile restare in questo caso sul "breve”, ma farò di tutto. Il 10 settembre 1943, a Firenze, nel castello di Vincigliata, a seguito dell’armistizio vennero liberati gli ufficiali inglesi ivi tenuti come prigionieri di guerra. Tra questi c’erano 11 generali e 14 alti ufficiali, catturati in Nordafrica, come Neame, che al momento della cattura era il comandante della Western Desert Force, e O’Connor, l’artefice della rovinosa sconfitta di Graziani all’inizio delle ostilità nel 1940. Neame, O’Connor, Combe, Todhunter, il maresciallo dell’aria Tudor Boyd, il conte di Ranfurly ed altri vengono accompagnati a un treno e avviati verso sud per non lasciarli in balia dei tedeschi. Ad Arezzo però furono costretti ad abbandonare la ferrovia e prendere la strada della montagna tosco-romagnola. Verranno accolti dai frati dell’Eremo di Camaldoli e successivamente nascosti in località più sicure e quasi inaccessibili dell’alto Appennino sopra Santa Sofia. Da qui, attraverso avventure, colpi di scena e situazioni rocambolesche, raccontate da Neame nel suo libro "Autobiografia di un soldato”, gli antifascisti forlivesi di formazione repubblicana e socialista (Tonino Spazzoli, l’avvocato Torquato Nanni, Francesco Lami, ecc. ) , rinnovando la gloriosa "trafila” che nel 1849 aveva portato in salvo Garibaldi, riescono a farli giungere al porto di Termoli, già in mano agli Alleati. Tuttavia, due generali, Combe e Todhunter, rimarranno, su ordine di Neame, con i partigiani che si stavano organizzando nelle stesse località dei loro nascondigli. Col nome di battaglia di Giovanni e di Giuseppe saranno fin verso la metà di marzo (1944) i consiglieri militari del comandante Libero. Da qui l’importanza del loro Rapporto Segreto. Per dare un’idea di che taglia erano i generali inglesi messi in salvo, si pensi che Neame, appena giunto a Termoli viene inviato a Bari, dove incontra Alexander e Eisenhower. Poi è inviato a Londra per trascorrervi il Natale, e durante lo scalo dell’aereo a Tunisi è accolto da Churchill che poi in un suo discorso ai Comuni avrà parole di apprezzamento per l’Italia e, in particolare, per i romagnoli e il loro coraggio. A questo punto possiamo allora entrare nel merito del Rapporto Combe e Thodunter…
Certamente. Quel Rapporto è una miniera di notizie sull’Italia del tempo contesa fra angloamericani e... [ continua ]

Esegui il login per visualizzare il testo completo.Se sei un abbonato on-line, o hai acquistato un Pacchetto di interviste o articoli clicca qui accedere, oppure vai alla pagina Abbonamenti per acquistare l'abbonamento on-line o il Pacchetto di interviste.

Gli abbonati alla rivista hanno diritto all'abbonamento on-line gratuito!



dal nostro blog
0
24 ottobre 2017

Per un sindacato unito. Dalla lettera di Pierre Carniti a Cgil, Cisl e Uil

… Il lavoro da sviluppare è, dunque, quello di cogliere l’unità nella diversità e di trasformare il superamento delle diversità … ...

segui
0
24 ottobre 2017

Denti

Un venerdì mattina dello scorso marzo, a Salisbury, Maryland, già due ore prima del sorgere del sole si poteva vedere … segui


0
18 ottobre 2017

Epistocrazia

Su “Le Monde”, il costituzionalista Alexandre Viala, nell’interrogarsi su quale sia il modello di governo che ha in mente Macron, … ...

segui
0
17 ottobre 2017

Fuori dalla scuola

Marie, 13 anni, amava l’inglese e Shakespeare, ma non riusciva a controllare il suo comportamento. Non può farci nulla, si … segui


0
11 ottobre 2017

Disuguaglianze in Germania

Alla vigilia delle elezioni in Germania, il “Financial Times” ha dedicato un pezzo alla povertà in Germania, o più precisamente … ...

segui



chiudi