Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri

L'eccidio di Forlì
Nel 1933 io stavo finendo il liceo, l’era nazista stava iniziando. Di circa 20 alunni ero l’unica ebrea e fino ad allora avevo avuto un buon rapporto con i miei compagni. Essendo brava nei temi in lingua tedesca, e soprattutto in francese e in inglese, ma uno zero in matematica, eravamo costretti ad aiutarci a vicenda. Le cose cambiarono bruscamente dopo il 1933. ...



ricordarsi

UNA CITTÀ n. 83 / 2000 Febbraio

Articolo di Hans Koschnik
tradotto da Christine Stufferin

NON PROVAVO COLPA, VERGOGNA SI’
L’intervento-intervista di Hans Koschnik al convegno di Sarajevo sulla memoria.

Hans Koschnik nel 1995 è diventato sindaco di Mostar su mandato della comunità europea. Oggi presiede l’ Ufficio per il Ritorno dei Rifugiati, la Reintegrazione e la Ricostruzione in Bosnia-Erzegovina, presso l’ambasciata tedesca a Sarajevo. Può raccontarci della sua infanzia? Sono nato il 2 aprile 1929. I miei genitori erano politicamente impegnati, per cui hanno combattuto attivamente prima dell’elezione di Hitler, godendo per alcuni anni dell’"ospitalità" dello Stato di allora: mio padre ha passato cinque anni in prigione e mia madre due; io sono cresciuto con i nonni. Il destino normale di tutti coloro che erano contro il sistema. C’erano naturalmente anche delle difficoltà. Non era facile dover crescere senza genitori, ma ero in buone mani presso i nonni e sono cresciuto normalmente come tutti i miei coetanei. Quando mia madre è uscita di prigione non riusciva a trovare lavoro e tirava avanti vendendo dolciumi nei mercati, per cui siamo vissuti in una situazione di povertà. Ma come vedete sono cresciuto bene, almeno nel fisico. La difficoltà concreta stava nel fatto che non potevo frequentare il ginnasio, perché provenivo da una famiglia politicamente scomoda. I miei genitori appartenevano alla gioventù comunista. Mio padre era diventato segretario del sindacato. Entrambi credevano che Hitler avrebbe scelto la guerra ed avevano ragione. Ruppero con Mosca e con Stalin, dopo che questi concluse il patto con Hitler, e da lì in poi si considerarono liberi. Io ho ricevuto una maggiore formazione dai nonni. Comunque in seguito non è stato tanto difficile organizzarsi politicamente nel ’45, all’interno della Spd, perché volevamo tutti evitare sistemi totalitari. Il resto è vita normale. Ho iniziato a lavorare come l’impiegato; ho lavorato anche nel sindacato, infine sono tornato nell’amministrazione pubblica. Sono diventato deputato abbastanza presto (1955) ; 8 anni dopo ero ministro degli Interni del mio paese e 4 anni dopo Capo del Governo. Questo non perché fossi particolarmente bravo, ma perché si voleva fare largo ai giovani e io allora ero l’unico dei giovani candidati, da tempo attivamente impegnato, e poi forse si voleva l’eroe giovane (io non ero un eroe, ma giovane sì) . Cosa mi dicevano i nonni dei miei genitori? Naturalmente sapevo che erano rinchiusi, ma non se ne parlava molto, perché se i bambini avessero aperto la bocca, i genitori ne avrebbero subito le conseguenze. Così ho imparato a tacere. Tutta la verità l’ho saputa solo a 15 anni. Mio padre mi raccontò molte cose e mi diede un consiglio per la vita: disse che questo sistema non sarebbe durato a lungo, e se noi giovani un giorno avessimo costruito qualcosa di nuovo, dovevamo ricordarci che i democratici di vario tipo hanno sempre più in comune, di coloro che sono contro le libertà democratiche. E questo consiglio l’ho sempre messo in pratica. E’ per questo che nella vita politica ho potuto giocare un ruolo anche presso coloro che la pensavano in modo diverso. Lei aveva 4 anni nel 1933 e 10 anni nel 1939. Ha ricordi della notte dei cristalli, della persecuzione degli ebrei, dell’inizio del terrore? Non molti. Sarebbe sbagliato ed esagerato enfatizzare ciò che ricordo. Posso dire che sulla via per raggiungere la scuola c’era la casa di riposo degli ebrei e dopo quella terribile notte vidi quegli anziani per strada, in pigiama, sorvegliati dagli uomini della SA, tremanti dal freddo. Questa è la prima immagine che ho serbato di quel periodo; l’altra sono le donne ebree ungheresi deportate nel ’44. Molto più visibili erano i prigionieri di guerra sovietici del 1943-45: in pessime condizioni, smagriti, costretti a lavorare. Nessuno di noi può dire di non aver visto. L’ingiustizia era davanti ai nostri occhi. E’ vero che chi non ha collaborato, esclusa una piccola minoranza, è rimasto indifferente, non ha fatto nulla. Purtroppo nei regimi totalitari la resistenza... [ continua ]

Esegui il login per visualizzare il testo completo.Se sei un abbonato on-line, o hai acquistato un Pacchetto di interviste o articoli clicca qui accedere, oppure vai alla pagina Abbonamenti per acquistare l'abbonamento on-line o il Pacchetto di interviste.

Gli abbonati alla rivista hanno diritto all'abbonamento on-line gratuito!



archivio
Le tombe vuote

La straordinaria e forse unica esperienza delle Madres de Plaza de Majo, che a partire dal loro essere madri alla ricerca dei propri figli si sono fatte carico di tutti i desaparecidos e, in fondo, del futuro dell’Argentina, a cui sono riuscite a restituire l’onore perduto negli anni bui. Intervista a Letizia Bianchi e a Giannina Longobardi.

La buccia delle mele

L’odissea di un giovane ebreo belga, di famiglia sefardita turca, nell’Europa delle deportazioni e "l’assurdo” di Auschwitz; la voglia di vivere e la diffidenza per i ricordi che demoralizzano; le difficoltà, dopo la liberazione, per ritrovarsi e l’indifferenza delle autorità turche; la questione del ladino. Intervista a Haïm Vidal Séphiha.

8 maggio 1945

Una data sulla quale si incrociano memorie diverse: l’inizio di un periodo di pace per l’Europa occidentale, l’inizio dell’occupazione sovietica per quella orientale, il massacro di Setif per i magrebini; l’istituzionalizzazione della memoria crea anche conflitti; la necessità di un’attualizzazione della memoria.
Intervista a Enzo Traverso.
Arrivarono a Auschwitz a piedi

Un interesse, quello per gli zingari, nato per caso, e proseguito nella frequentazione del campo. La scarsa copertura storiografica dello sterminio nazista. Il difficile rapporto con la memoria di una cultura orale. Un pregiudizio diffuso anche a sinistra.
Intervista a Paolo Finzi.

I rituali inutili

La memoria che oggi sembra perdersi nell’attualità, nel consumo degli oggetti, nel non aver più tempo per prendersi una pausa; il ruolo anche positivo dell’oblio che si intreccia con quello del ricordo. La funzione di un di gesto, o di un oggetto mediatore, che sposta, spiazza, apre al ricordo e al dialogo. La pena può essere proprio nello sguardo dell’altro che sa; la scoperta delle complicità.
Intervista ad Andrea Canevaro.


Ruanda
Un gruppo di scrittori africani ha vissuto per due mesi in Rwanda per poi raccontare il genocidio. Il problema che pone l’uso della fantasia letteraria e di lingue leggibili da pochissime persone. Le responsabilità storiche gravissime delle potenze coloniali e quelle politiche, altrettanto gravi, della Francia rispetto al genocidio. Il pregiudizio razzista che l’Africa sia un problema in sé, che sia diversa.
Intervista a Boubacar Boris Diop.

La vergogna
della tortura

Le ferite riportate dalle torture non si cancellano, restano, continuano a riaprirsi in un silenzio dovuto, spesso, alla vergogna per aver abbandonato i cari o per aver subìto violenze psicologicamente devastanti. Un fardello di cui non ci si potrà mai liberare del tutto. E’ lo psicoanalista a dover avvicinarsi alle barriere. L’importanza di far venire alla luce la storia.
Intervista a Anna Sabatini Scalmati.

Non provavo colpa, vergogna sì

L’intervento-intervista di Hans Koschnik al convegno di Sarajevo sulla memoria.
La cospirazione del silenzio

Il silenzio e l’indifferenza che fanno più male della persecuzione. Il trauma che infetta l’individuo, ma anche la famiglia, il vicinato, una nazione. L’importanza del risarcimento, della restituzione, della riabilitazione, della commemorazione. Parlare e raccontare è la condizione fondamentale per ogni ricostruzione. L’intervento di Yael Danieli ad un convegno a Tuzla su "trauma e memoria".
Lo sgabuzzino buio

Cosa sanno della shoà i ventenni di oggi? Una ricerca svolta all’Università di Torino con un gruppo di liceali offre una traccia preziosa di lavoro. Perché bisogna evitare di colpevolizzare in partenza i ragazzi. L’importanza delle nozioni e la lotta al pregiudizio, che non è mai vinta per sempre.
Interventi di Anna Bravo e Fabio Levi.

Il quotidiano di allora

Un viaggio a Auschwitz e Birkenau di studenti romani, accompagnati da ex-deportati, organizzato dal comune di Roma nel tentativo di coniugare storia, memoria e spirito di cittadinanza in una città che ha conosciuto le deportazioni. La realtà dei luoghi visti nei film. Il rischio che il concetto di unicità ostacoli la riflessione dei ragazzi.
Intervista a Fiorella Farinelli.
Piccoli pezzi di vita

Il problema drammatico di una memoria che non passa più nell’esperienza quotidiana e familiare. Lo spettacolo dell’orrore che rischia di suscitare rimozione e banalizzazione. Il surrogato dei film usati dalla scuola per consegnare la verità ai giovani. Arrivederci Ragazzi e Schindler’s list.
Di Andrea Canevaro.







chiudi