Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri
di letteratura e altro

Diciassettesima puntata de "Novecento poetico italiano" di Alfonso Berardinelli


UNA CITTÀ n. 238 / 2017 aprile

Articolo di Alfonso Berardinelli

Vittorio Sereni - Novecento poetico italiano / 17
Diciassettesima puntata de "Novecento poetico italiano" di Alfonso Berardinelli

Vittorio Sereni (1913-1983) nasce poeta ermetico o non ermetico? La questione resta in bilico, irrisolta, come irrisolta e in bilico è la situazione da cui nasce tutta la sua poesia. Si è molte volte ripetuto che il titolo del primo libro di Sereni, Frontiera (1941) , individua immediatamente tema e tono di questo poeta. In Sereni si sente subito un’estraneità che può essere chiamata culturale o di poetica rispetto all’ermetismo fiorentino, alla visionarietà notturna di Luzi, al melodismo associativo di Quasimodo o di Alfonso Gatto. Sereni è semmai più prossimo al Montale delle Occasioni, ma senza l’energia emblematica e ritmica, l’estremismo allusivo di Montale. Sereni è un poeta poco interessato a un’ideologia o fede poetica. Dichiarò: "Il nome di poeta appare sempre più una qualifica socialmente difficile da portare e da sostenere persino nel suo normale ambito letterario (…
) Lo specialistico discorso della poesia in quanto tale infastidisce quanto più tende a portarsi sul terreno delle poetiche comparate o contrapposte a tutto scapito del naturale rapporto autore-lettore”. Per concludere così: "In ogni caso, ciò che non si vorrebbe mai vedere stravolto o semplicemente alterato è la naturale capacità di comunicazione della poesia e la corrispondente attitudine ad accoglierne la voce”. In questa dichiarazione di fine anni Cinquanta (che si legge nell’antologia di Giacinto Spagnoletti Poesia italiana contemporanea 1909-1959, Guanda) Sereni, senza polemica ma con totale chiarezza, si dice lontano da ogni poesia che nasca al riparo di una poetica trascurando la propria leggibilità. Non si era sentito propriamente ermetico e più tardi non si è sentito né engagé né tanto meno sperimentale, e arriva a parlare di "naturale capacità di comunicazione della poesia”. Benché a volte non facili da decifrare immediatamente, le sue primissime composizioni non sono certo ermetiche né per materia né per forma: Ti distendi e respiri nei colori. Nel golfo irrequietonei cumuli di carbone irti al solesfavilla e si abbandonal’estremità del borgo. Colgo il tuo cuorese nell’alto silenzio mi commuoveun bisbiglio di gente per le strade. Morto in tramonti nebbiosi d’altri cielisopravvivo alle tue sere celesti, ai rari battelli del tardidi luminarie fioriti (…
) Di notte il paese è frugato dai fari, lo borda un’insonnia di fuochivaganti nella campagna, un fioco tumulto di lontanelocomotive verso la frontiera. La base su cui lavora Sereni è piuttosto descrittiva che immaginativa. La coloritura emotiva e morale ("irrequieto”, "s’abbandona”, "mi commuove”, "sopravvivo”) si confonde con l’ambiente ("golfo”, "cumuli di carbone”, "estremità del borgo”, "di notte il paese”, "campagna”, "fioco tumulto”, "lontane locomotive”, "frontiera”) . Volendo nominare all’ingrosso gli inevitabili precedenti di questa poesia, è chiaro che qui Saba incrocia Montale e Montale un po’ corregge e contamina Saba. O anche: Gozzano (su cui Sereni si laureò) inibisce e fa regredire la tentazione di "fare come Ungaretti”. Come disse Giacomo Debenedetti, queste di Sereni sono le poesie di un "annotatore di vicende personali, di momenti ed episodi della sua vita. Vita riconoscibile psicologicamente, nella sua precisa fisionomia sentimentale e sociale: quegli episodi, anche se appena indicati, hanno (…
) una consistenza di fatti precisi che spiegano e giustificano lo stato d’animo, il momento espresso in ogni singola lirica (…
) in questa spontanea, connaturata accettazione del costume generale c’è già il primo movente di ciò che Adorno chiama, in campo musicale, la ‘restaurazione’ [di Stravinskij rispetto a Schoenberg] e noi in campo poetico potremmo chiamarla l’uscita dall’ermetismo” (Poesia italiana del Novecento, Garzanti 1993, p. 226) . Secondo le formule usate in queste righe da Debenedetti, che ricorre niente di meno che a Filosofia della... [ continua ]

Esegui il login per visualizzare il testo completo.Se sei un abbonato on-line, o hai acquistato un Pacchetto di interviste o articoli clicca qui accedere, oppure vai alla pagina Abbonamenti per acquistare l'abbonamento on-line o il Pacchetto di interviste.

Gli abbonati alla rivista hanno diritto all'abbonamento on-line gratuito!


archivio
L'essenza del patriarcato

L’errore, all’indomani della Liberazione, di imputare tutti i problemi alla colonizzazione e l’incapacità di far fruttare il capitale della lingua francese; una laicità che stenta ad affermarsi e la convinzione che la questione decisiva, anche per la democrazia, sia l’emancipazione femminile; intervista a Mohammed Harbi.

I vecchi codici e la vera vita

La rivolta dei giovani dei paesi arabi, frutto della rivoluzione demografica degli anni 90, ha fatto crollare due stereotipi occidentali: l’incompatibilità di Islam e democrazia e l’idea che ogni musulmano abbia in testa solo il Corano e la Palestina; il gap fra usi, costumi e vita quotidiana e diritto. Intervista a Olivier Roy.

Se si tocca lo statuto

Un sito nato per offrire alle donne uno spazio di discussione libera; il rischio che la reazione al "femminismo di stato” di Ben Alì, imposto dall'alto, porti ora a una islamizzazione dei maschi e al ritorno al velo per tante giovani donne; i cambiamenti del costume inarrestabili; il tabù dell'ateismo, che resta. Intervista a Khalil Gdoura e Bayrem Zouari.

Il franchising del terrore

Il terrorismo jihadista, a differenza di esperienze precedenti come l’Ira irlandese e l’Eta basca, non è centralizzato; il fenomeno dei "gruppi di ragazzi”; la moralità diffusa ovunque per cui non va bene colpire innocenti, usare violenze estreme; il fatto che il terrore colpisce soprattutto paesi non occidentali. Intervista a Gary LaFree.

Volevo solo dirgli grazie

L’impegno, fin da ragazza, per la causa algerina; quell’8 maggio 1945, data d’inizio di tutto; gli anni della clandestinità, quando donne e uomini erano uguali, e poi l’arresto e l’orrore della tortura, da cui già erano passati il padre, la madre, le sorelle...; la figura luminosa del dottor Richaud. Intervista a Louisette Ighilahriz.

A manifestare, in toga...

Quando è scoppiata la rivoluzione, in strada, a manifestare contro Ben Ali, c’erano anche giudici e avvocati; un sistema, quello della giustizia tunisina, da riformare profondamente, in tutte le sue articolazioni, a cominciare dai poliziotti; la fase della giustizia, a cui deve seguire la riconciliazione. Intervista a Wahid Ferchichi.

Erano le sei del mattino...

L'inizio della militanza negli anni di studio in Belgio, dopo l'incontro con un'avvocatessa tunisina, la polizia politica, le ritorsioni contro il padre, la scoperta della Rete e dei social network, e quindi, l'apertura del profilo Facebook e poi il ritorno in Tunisia e l'arresto, proprio alla vigilia della Rivoluzione… Intervista a Soufien Belhajj.




chiudi