problemi di scuola

Trovati 147 elementi per questo argomento.

Una Città 95 / 2001
QUEI TRE RAGAZZINI...
Intervista a Zelinda Roccia di Francesca Caminoli
Come l’incontro con tre bambini di strada a Managua ha potuto stravolgere la vita di un’insegnante italiana, che da allora si dedica a tirare fuori i bambini dalla strada e dalla pega, la colla da scarpe con cui si drogano. Intervista Zelinda Roccia.

Una Città 94 / 2001
LE COSE NON DOVEVANO ANDARE PER FORZA COSI’
Intervista a Anna Bravo e Eugenio Gruppi di Vicky Franzinetti, Gianni Saporetti
Come insegnare storia ai ragazzi? E come parlare del Novecento fino ai giorni nostri? Il terribile determinismo che pervade tanta storiografia, che non lascia spazio ad alternative, che schiaccia le scelte personali, che rende la storia un susseguirsi ossificato di cause ed effetti. La Danimarca, da paese “sdraiato” di fronte ai nazisti a esempio luminoso di resistenza civile alla barbarie. Come parlare dei gulag e perché è giusto far lavorare i ragazzi sulle comparazioni. Intervista a Anna Bravo e a Eugenio Gruppi.

L’INSEGNANTE
Intervista a Cristina Bertola di Barbara Bertoncin
Il grande investimento sul lavoro, i progetti, la relazione coi ragazzi, le delusioni, l’autosfruttamento, il girare per il mondo per lavoro. Intervista a Cristina Bertola.

Una Città 93 / 2001
IL TRISTE BILANCIO
Intervista a Massimo Cappitti di Barbara Bertoncin
Un linguaggio sempre più mutuato dall’economia. Le strategie di addomesticamento per evitare il conflitto. Gli studenti che spesso escono dalla scuola delusi. Intervista a Massimo Cappitti.

Una Città 92 / 2001
EDUCARE, PRATICA ARTIGIANALE...
Intervista a Franco Lorenzoni di Massimo Tesei
Bambini che “navigano” ma non sanno allacciarsi le scarpe, arti marziali ridotte a videogioco di violenza, l’assenza di rischio che poi spinge all’esperienza estrema... A Cenci si impara ciò che i contadini sapevano da millenni, la relazione fra il cosmo e il quotidiano, si suonano le percussioni, il più grande strumento di integrazione, si passa la notte nel bosco... Un’esperienza ormai ventennale. Intervista a Franco Lorenzoni.

Una Città 91 / 2001
QUALCUNO CHE SA CHE TI CHIAMI MUSTAFA
Intervista a Lucia Bulian di Barbara Bertoncin
Tanti di questi ragazzi conoscono la Divina Commedia, Leopardi, pensano di venire nel paese della cultura, e poi... Noi cerchiamo di far loro raccontare, ma spesso le storie sono così tristi... In tanti mantengono famiglie molto numerose. Intervista a Lucia Bulian.

OANA E CATALIN, RUMENI, ALEXANDER, ALBANESE, MOHAMMED...
Intervista a Oana Cioaric, Catalin Peste Onut, Alexander Pjetrushi, Mohammed Traichi, Peter Epale di Barbara Bertoncin


LE EQUAZIONI, IL WORD E IL MANUALE DA IDRAULICO
Intervista a Ludovico Albert di Vicky Franzinetti, Gianni Saporetti
Alle superiori il 25% dei ragazzi non arriva al diploma, ma resta a scuola, passando da istituto a istituto. Il problema di un esame di idoneità che riparte sempre da zero. Le femmine vanno meglio a scuola ma hanno difficoltà per il lavoro. L’apprendista che deve anche reimparare a leggere e scrivere. Istituti che producono disoccupati ma che continuano imperterriti a reclutare ragazzi. Intervista a Ludovico Albert.

Una Città 90 / 2000
UNA SCUOLA SENZA TRAUMI
Intervista a Andrea Ranieri di Gianni Saporetti
La riforma dei cicli e l’autonomia vanno nel senso di una scuola che non sia più quella “da pagina x a pagina y”, che non perda più per strada i ragazzi meno abbienti, una scuola più vicina ai ragazzi e alle competenze individuali e, nello stesso tempo, al territorio. La disastrosa mancanza di progressione di carriera. Una sinistra che disprezza il lavoro è intollerabile. Intervista a Andrea Ranieri.

DANTE E DYLAN DOG
Intervista a Guido Armellini di Gianni Saporetti
L’insegnamento della letteratura, oggi ridotto a scimmiottamento di saperi accademici, storicista o strutturalista poco importa, rischia di far odiare la lettura ai ragazzi, mentre potrebbe diventare uno spazio decisivo, da un punto di vista formativo, per l’elaborazione dell’immaginario e dell’esperienza estetica dei giovani, oggi presentissima nella loro vita quotidiana. Intervista a Guido Armellini.