Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri
tutti i servizi fotografici
TOTALLY LOST

UNA CITTA n. 208 / 2013

Spazi Indecisi - Albania, Ungheria, Bulgaria, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Slovenia

Stazione abbandonata, Budapest (Tibor Smid)Centrale termoelettrica di Kelenföld, Budapest, la più grande in Ungheria (Reginald Van de Velde)Monumento di Buzludzha, Provincia di Stara Zagora. Inaugurato nel 1981 per commemorare la nascita del movimento socialista bulgaro (Kamren Barlow)Bosnia-Erzegovina: edificio istituzionale, Visoko (Anida Kreco)Ungheria: particolare del muro della stazione, Sofiagary (Balazs Toro)
teatro abbandonato, Szentkirályszabadja, all’interno della base militare, abbandonata alla caduta del regime sovietico (Balazs Toro)Il campo di prigionia di Spaç, Lezhe. Ex prigione politica utilizzata durante il periodo dittatoriale in Albania, presso il villaggio di Lezhe (Nicola Avanzinelli)Croazia, miniera abbandonata, Piedalbona Podlabin, già Pozzo Littorio d’Arsia. Attiva dal 1921 al 1991 (Lorenzo Linthout)Trg Republika, Lubiana. Ex Sedi del Comitato Centrale e del Comitato Esecutivo del Partito Comunista Sloveno. Arch. Edvard Ravnikar, 1960. (Lorenzo Linthout)
Qui sopra: Il campo di prigionia di Spaç, Lezhe. Ex prigione politica utilizzata durante il periodo dittatoriale in Albania, presso il villaggio di Lezhe (Nicola Avanzinelli).
In alto, da sinistra verso destra: Centrale termoelettrica di Kelenföld, Budapest, la più grande in Ungheria (Reginald Van de Velde); Monumento di Buzludzha, Provincia di Stara Zagora. Inaugurato nel 1981 per commemorare la nascita del movimento socialista bulgaro (Kamren Barlow); Bosnia-Erzegovina: edificio istituzionale, Visoko (Anida Kreco); Croazia, miniera abbandonata, Piedalbona Podlabin, già Pozzo Littorio d’Arsia. Attiva dal 1921 al 1991 (Lorenzo Linthout).
A sinistra, Ungheria: particolare del muro della stazione, Sofiagary (Balazs Toro); sotto: teatro abbandonato, Szentkirályszabadja, all’interno della base militare, abbandonata alla caduta del regime sovietico (Balazs Toro).
Nella pagina precedente: Stazione abbandonata, Budapest (Tibor Smid).
Nella pagina che segue: Trg Republika, Lubiana. Ex Sedi del Comitato Centrale e del Comitato Esecutivo del Partito Comunista Sloveno. Arch. Edvard Ravnikar, 1960. (Lorenzo Linthout).
Le immagini fanno parte della mostra "Totally lost”, un progetto di Spazi Indecisi per Atrium - Architecture of Totalitarian Regimes of the XX Century in Urban Management.


dal nostro blog
0
24 ottobre 2017

Per un sindacato unito. Dalla lettera di Pierre Carniti a Cgil, Cisl e Uil

… Il lavoro da sviluppare è, dunque, quello di cogliere l’unità nella diversità e di trasformare il superamento delle diversità … ...

segui
0
24 ottobre 2017

Denti

Un venerdì mattina dello scorso marzo, a Salisbury, Maryland, già due ore prima del sorgere del sole si poteva vedere … segui


0
18 ottobre 2017

Epistocrazia

Su “Le Monde”, il costituzionalista Alexandre Viala, nell’interrogarsi su quale sia il modello di governo che ha in mente Macron, … ...

segui
0
17 ottobre 2017

Fuori dalla scuola

Marie, 13 anni, amava l’inglese e Shakespeare, ma non riusciva a controllare il suo comportamento. Non può farci nulla, si … segui


0
11 ottobre 2017

Disuguaglianze in Germania

Alla vigilia delle elezioni in Germania, il “Financial Times” ha dedicato un pezzo alla povertà in Germania, o più precisamente … ...

segui




chiudi