Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri
tutti i servizi fotografici
Campo rom di Casilino 900, Roma

UNA CITTA n. 167 / 2009

Luciano Sansone - Campo di Casilino 900, Roma

Campo rom Casilino 900, RomaCampo rom Casilino 900, RomaCampo rom Casilino 900, RomaCampo rom Casilino 900, RomaCampo rom Casilino 900, Roma
Campo rom Casilino 900, RomaCampo rom Casilino 900, RomaCampo rom Casilino 900, RomaCampo rom Casilino 900, Roma

Nelle periferie delle periferie, in contesti degradati, si incontrano i campi dei rom, i migranti più esclusi tra gli esclusi. Sono il luogo di coloro che non hanno mai avuto alcuna forza di rappresentanza, in fuga ininterrotta dall’emarginazione, dall’intolleranza e spesso dalle aree di guerra. La libertà del movimento e dello spazio ha costituito da sempre la risorsa più preziosa per la vita di questa comunità. Ma il nomadismo è sempre stata associato, secondo il senso comune dei gagè (i non nomadi), a caratteri di comportamento asociale: indisciplina, ozio, furto, sporcizia. Il pregiudizio ha finito per diventare condizione necessitante di esistenza per i rom. Il loro nomadismo, effetto dell’emarginazione, della repressione, si è trasformato in una strategia di sopravvivenza. Per questa ragione i rom si vivono ideologicamente come nomadi e diversi, anche se nella concretezza della loro vita esprimono contraddittoriamente un forte bisogno di residenzialità e di certezze. La crescita dell’urbanizzazione e la conseguente variazione del valore fondiario della terra ha ridotto lo spazio disponibile per i campi rom, spingendoli progressivamente sempre più lontano dalla città verso le discariche o verso altri spazi inutilizzati. I rom sono spesso stati identificati come "nemici” della società civile e verso di loro si sono mobilitati comitati di cittadini. Allontanati dagli alloggi abusivi sotto i ponti o i cavalcavia, i rom sono confinati, come gruppi sgraditi, in campi attrezzati, vere e proprie riserve, espressione di un "abitare inferiore”. La mancanza di politiche di accoglienza e di integrazione esprime l’ideologia del rifiuto, se non una vera "urbanistica del disprezzo” (Brunello,1996). Qual è dunque la tipologia di questi insediamenti? Nel "rom-ghetto” sono i gagè ad imporre l’ordine di sistemazione delle roulotte o delle baracche, predisponendo prese elettriche e canali di scolo e imponendo una distribuzione lungo linee parallele e rettilinee. E’ la logica delle istituzioni militari, anche se formalmente vengono addotte ragioni di carattere igienico-sanitario. La sistemazione è disegnata a tavolino, secondo schemi di efficienza. Anche in questo caso le file parallele servono a trasmettere all’esterno un’idea di controllo. Ma in questo modo l’idea dello spazio del gruppo rom viene del tutto contrastata. La distribuzione spaziale nella cultura rom riflette infatti rapporti di amicizia o di ostilità: la vicinanza o la distanza delle roulotte esprimono relazioni. I campi attrezzati sono invece pensati come spazi di privazione e di alienazione. A volte all’ingresso del campo viene costruito un prefabbricato che rappresenta il luogo del primo soccorso, ma anche questa struttura rimarca ulteriormente il carattere della precarietà. Il campo, di solito, è oltre i grandi posteggi, oltre la cintura dei grandi capannoni industriali, al di là delle immense spianate della periferia. I grandi viadotti dell’autostrada con il loro flusso di automobili, con il rumore continuo, li costeggiano; gli svincoli portano vicino al campo i tir, che trasportano semilavorati. Anche la periferia della città con i suoi casermoni è lontana e nel mezzo c’è il vuoto piatto, sporco dei rifiuti accumulati della città.
Ernesto Venturini


dal nostro blog
0
24 ottobre 2017

Per un sindacato unito. Dalla lettera di Pierre Carniti a Cgil, Cisl e Uil

… Il lavoro da sviluppare è, dunque, quello di cogliere l’unità nella diversità e di trasformare il superamento delle diversità … ...

segui
0
24 ottobre 2017

Denti

Un venerdì mattina dello scorso marzo, a Salisbury, Maryland, già due ore prima del sorgere del sole si poteva vedere … segui


0
18 ottobre 2017

Epistocrazia

Su “Le Monde”, il costituzionalista Alexandre Viala, nell’interrogarsi su quale sia il modello di governo che ha in mente Macron, … ...

segui
0
17 ottobre 2017

Fuori dalla scuola

Marie, 13 anni, amava l’inglese e Shakespeare, ma non riusciva a controllare il suo comportamento. Non può farci nulla, si … segui


0
11 ottobre 2017

Disuguaglianze in Germania

Alla vigilia delle elezioni in Germania, il “Financial Times” ha dedicato un pezzo alla povertà in Germania, o più precisamente … ...

segui




chiudi