Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri
tutti i servizi fotografici
Casino del Sol, Riserva indiana, Arizona

UNA CITTA n. 146 / 2007

Simone Natali - Casino del Sol, Riserva indiana della Pascua Yaqui Tribe, Arizona

Casino del Sol, Riserva indiana della Pascua Yaqui Tribe, ArizonaCasino del Sol, Riserva indiana della Pascua Yaqui Tribe, ArizonaCasino del Sol, Riserva indiana della Pascua Yaqui Tribe, ArizonaCasino del Sol, Riserva indiana della Pascua Yaqui Tribe, ArizonaCasino del Sol, Riserva indiana della Pascua Yaqui Tribe, Arizona
Casino del Sol, Riserva indiana della Pascua Yaqui Tribe, ArizonaCasino del Sol, Riserva indiana della Pascua Yaqui Tribe, ArizonaCasino del Sol, Riserva indiana della Pascua Yaqui Tribe, ArizonaCasino del Sol, Riserva indiana della Pascua Yaqui Tribe, Arizona
Casino del Sol, Riserva Indiana della Pascua Yaqui Tribe, Arizona
Negli Stati Uniti il gioco d’azzardo è vietato dalle leggi di tutti gli stati federali, ma è permesso nelle “città proibite” di Las Vegas e Atlantic City e, a partire dalla fine degli anni Ottanta, nelle riserve indiane. I nativoamericani sono autorizzati da una sentenza della Corte Suprema del 1987 e dall’Indian Gaming Regulatory Act, promulgato l’anno successivo, ad aprire aziende di gioco d’azzardo all’interno delle Reservations, i territori a loro assegnati dal governo federale. Alcune tribù, specialmente quelle vicine ai centri urbani, sono così riuscite a trasformare radicalmente la loro condizione economica. Nel 2002, i casinò indiani producevano un giro d’affari pari a 14,5 milioni di dollari, distribuiti in oltre 220 tribù e 360 case da gioco. Attualmente il più grande casinò degli Stati Uniti, il Foxwoods Resort Casino, non è a Las Vegas, ma nello Stato del Connecticut, proprietà della tribù indiana Mashantucket Pequot.
Al Casino del Sol, una società della Pascua Yaqui Tribe, a pochi chilometri a Nord di Tucson, Arizona, i cartelli pubblicitari sulla statale promettono: “Come Las Vegas, solo più vicino”. Il casinò contribuisce alle casse dello Stato dell’Arizona con il 12% dei suoi ricavi e contemporaneamente porta avanti una serie di attività di beneficenza.


dal nostro blog
0
24 ottobre 2017

Per un sindacato unito. Dalla lettera di Pierre Carniti a Cgil, Cisl e Uil

… Il lavoro da sviluppare è, dunque, quello di cogliere l’unità nella diversità e di trasformare il superamento delle diversità … ...

segui
0
24 ottobre 2017

Denti

Un venerdì mattina dello scorso marzo, a Salisbury, Maryland, già due ore prima del sorgere del sole si poteva vedere … segui


0
18 ottobre 2017

Epistocrazia

Su “Le Monde”, il costituzionalista Alexandre Viala, nell’interrogarsi su quale sia il modello di governo che ha in mente Macron, … ...

segui
0
17 ottobre 2017

Fuori dalla scuola

Marie, 13 anni, amava l’inglese e Shakespeare, ma non riusciva a controllare il suo comportamento. Non può farci nulla, si … segui


0
11 ottobre 2017

Disuguaglianze in Germania

Alla vigilia delle elezioni in Germania, il “Financial Times” ha dedicato un pezzo alla povertà in Germania, o più precisamente … ...

segui




chiudi