Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri
tutti i servizi fotografici
La maison des Journalistes

UNA CITTA n. 156 / 2008

Alessandra Garusi - Parigi

La maison des journalistesLa maison des journalistesLa maison des journalistesLa maison des journalistesLa maison des journalistes
La maison des journalistesLa maison des journalistes
Parigi, rue Cauchy, n. 35, la Maison des journalistes, la casa dei giornalisti in esilio, è nata a maggio del 2002. Organizzato su tre piani, l’edificio è stato costruito all’interno di una vecchia fabbrica in disuso. Le 15 stanze, di cui due attrezzate per persone portatrici di handicap, possono ospitare 30 giornalisti all’anno. Il periodo di permanenza è solitamente di sei mesi, tempo d’attesa medio per ottenere lo statuto di rifugiato. Ogni ospite dispone di una stanza singola, una piccola diaria, un abbonamento per i mezzi pubblici e una tessera telefonica. Nella casa ci sono inoltre una biblioteca, un’emeroteca e una sala computer con accesso alla rete 24 ore su 24. Fino ad oggi la Maison ha accolto più di 100 giornalisti provenienti da Algeria, Armenia, Bangladesh, Bielorussia, Birmania, Cameroun, Cina, Congo, Costa D’Avorio, Repubblica Democratica del Congo, Cuba, Chad, Haiti, Pakistan, Siria, Togo, Tunisia e Yemen.
Il 2007 è stato un anno nero per i giornalisti. Complessivamente sono stati uccisi 95 operatori dei media. Con una media di due arrestati al giorno. Per il nono anno consecutivo la Cina continua a mantenere il triste primato delle detenzioni. Tra le vittime aumentano i blogger, ma anche i comuni cittadini che tentano di divulgare informazioni scomode per i governi autoritari. Dei 29 giornalisti arrestati l’anno scorso dal governo di Pechino, 18 scrivevano su internet. I morti in Iraq sono stati 44 mentre la Somalia è al secondo posto della classifica dei paesi più pericolosi con otto vittime, seguita da Sri Lanka con sei vittime e dal Pakistan con cinque. (World Association of Newspapers).


dal nostro blog
0
24 ottobre 2017

Per un sindacato unito. Dalla lettera di Pierre Carniti a Cgil, Cisl e Uil

… Il lavoro da sviluppare è, dunque, quello di cogliere l’unità nella diversità e di trasformare il superamento delle diversità … ...

segui
0
24 ottobre 2017

Denti

Un venerdì mattina dello scorso marzo, a Salisbury, Maryland, già due ore prima del sorgere del sole si poteva vedere … segui


0
18 ottobre 2017

Epistocrazia

Su “Le Monde”, il costituzionalista Alexandre Viala, nell’interrogarsi su quale sia il modello di governo che ha in mente Macron, … ...

segui
0
17 ottobre 2017

Fuori dalla scuola

Marie, 13 anni, amava l’inglese e Shakespeare, ma non riusciva a controllare il suo comportamento. Non può farci nulla, si … segui


0
11 ottobre 2017

Disuguaglianze in Germania

Alla vigilia delle elezioni in Germania, il “Financial Times” ha dedicato un pezzo alla povertà in Germania, o più precisamente … ...

segui




chiudi