Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri
scheda del libro

A cura di Asher Salah, Francesco Papafava, Barbara Bertoncin

La bandiera nera

da Israele le parole di chi non si rassegna all’idea che i due popoli non possano convivere in pace e nel rispetto reciproco


Ed. Una Città, 2002
collana internazionalismo
192 pagine

Prezzo € 12,00
acquista

Nel 1956 la Corte Suprema di Israele dichiarò colpevoli gli esecutori del massacro di Qafr Qasem, rigettando la giustificazione per cui stavano semplicemente eseguendo gli ordini, e sentenziando che un soldato ha il diritto e il dovere di rifiutare "un ordine manifestamente illegale, su cui sventola la bandiera nera dell’illegalità".
Ci sono persone che non vedono mai la bandiera nera, neanche quando si tratta dell’assassinio di un arabo legato. Ci sono persone che le bandiere nere le vedono solo da vecchie, come me.
(Yigal Shohat, colonnello in pensione dell’aviazione israeliana)

Hanno sradicato gli ulivi...
L’impostura di Barak: aver proposto una caricatura di stato, diviso in tre spezzoni e con un aeroporto dipendente da Israele, e aver messo Arafat nell’imbarazzo di dover parlare dei luoghi santi, per i quali l’internazionalizzazione è l’unica soluzione. Sul diritto al ritorno dei profughi bisogna distinguere il principio, da riconoscere, dalla sua applicazione, da contrattare. L’odio tremendo che si è seminato fra i palestinesi in questi anni.
intervista a Joseph Algazy

Il ritorno impossibile
La responsabilità dei paesi arabi nel tenere aperta la piaga terribile dei campi profughi per 50 anni. Il ritorno dei profughi comporterebbe la fine di Israele come Stato ebraico. Quei gesti difficili, nascosti alle telecamere, che avvicinarono i due nemici. Il grave errore, poi, di aver reagito ai lanci di sassi con mezzi militari. Quel che Israele non potrebbe sopportare, di portare i palestinesi alla disperazione più totale.
Intervista a Ephraim Kleiman

Mio nonno che non ho conosciuto...
La scelta, lungamente pensata, di un giovane ebreo italiano, già studente universitario a Gerusa-lemme, di diventare israeliano e fare il servizio militare. Fin da bambino i racconti di famiglia sul nonno...
Intervista a Shulim Vogelmann

Eppure il Medio Oriente potrebbe rifiorire...
Il comunismo israeliano fu fatto dagli intellettuali, che andarono a lavorare in campagna... Si collaborava anche con chi odiava il sionismo, ora invece... Le proposte di Barak erano un primo passo; i Territori stavano conoscendo una nuova vita, i palestinesi della diaspora mandavano soldi, anche i coloni sarebbero andati via. Quando i miei nonni vennero qui all’inizio del secolo...
Intervista a Ruth Dayan

Il paradosso della democrazia etnica
Gli arabi israeliani stanno subendo un attacco ai loro diritti civili senza precedenti, dal divieto alla convivenza nei matrimoni misti, alla discriminazione nei sussidi ai bambini, all’obbligo di giurare fedeltà allo ?Stato degli ebrei?. La loro convinzione che la destra israeliana, ossessionata dalla demografia, abbia un solo obiettivo, il "trasferimento", parola del resto non più tabù nel dibattito politico israeliano.
Intervista a Jamal Zahalka

Il battaglione d’élite e le guardie di frontiera
Una classe dirigente che viene dalle truppe d’élite, askenazite da sempre. Una selezione che comincia in una scuola che, a sua volta, seleziona per censo e quindi per gruppo etnico. Nell’esercito i coloni nazionalisti di estrema destra stanno prendendo il posto dei kibbutzim laburisti. La drastica penalizzazione di arabi, drusi e beduini israeliani che può diventare esplosiva.
Intervista a Hashem Hussein

Il ’38, il ’48...
Una famiglia di ebrei italiani, antifascisti, amici dei fratelli Rosselli, che di fronte alle leggi razziali decise di andarsene in Israele. I giovani figli che si arruolarono nella Brigata Ebraica dell’esercito inglese per tornare in Italia a combattere i tedeschi e ritrovare nonni e parenti. La vita dura nella Israele dei primi anni. La partecipazione alla guerra del ‘48, e a tutte le altre. Gli ideali sionisti e l’illusione, che le guerre fecero cadere, della nascita di un ebreo e un uomo nuovi. Il ricordo indelebile di quel gruppo di ragazzetti arabi.
Intervista a Piero Cividalli

Quello spazio bianco fra i due racconti
L’impegno di un gruppo di professori israeliani e palestinesi a "disarmare la storia", provando intanto a riscrivere insieme un manuale per le scuole. Le due versioni "propagandistiche" a un confronto spesso reciprocamente doloroso e aspro. La scelta, per ora, di tenere affiancate le narrazioni, tradotte in entrambe le lingue. Un’esperienza coraggiosa che sta appassionando i protagonisti e suscitando curiosità.
Intervista a Sami Adwan e Dan Bar-On

Allora preferisco parlare inglese
Lottare per riavere la terra che era dei nonni, per una casa che non c’è più, per un villaggio di cui restano solo la chiesa e il cimitero, per il proprio paese, per la propria identità, per una madre che vuole dimenticare.
Intervista a Rima Essa

Il sogno della Scandinavia
Una politica israeliana sistematicamente pianificata a pregiudicare per sempre qualsiasi possibilità di uno Stato palestinese realmente sovrano. 400.000 israeliani vivono già al di là dei confini del ‘67. E1 è una sigla anonima che definisce uno spicchio di territorio che taglierebbe l’ultimo corridoio nord-sud accessibile ai palestinesi. Il sogno, una volta che ci sarà lo Stato palestinese, di una confederazione alla ‘scandinava’, aperta alla libertà di circolazione e di residenza di tutti ma dove ognuno vota per il proprio parlamento.
Intervista a Jeff Halper

L’avamposto che rischia di decomporsi
Una crisi indotta anche da ondate immigratorie in nulla simili alle precedenti; il “racconto” del ‘48, smentito dai nuovi storici. Una cultura sionista comunitarista, impregnata di populismo russo più che di illuminismo; il binomio nazionalismo-socialismo e i leader che continuano a venire dai kibbutz. L’incapacità dei palestinesi di uscire da logiche di “liberazione nazionale”.
Intervista a David Bidussa

La radice coloniale
Il necessario e ineludibile riconoscimento del carattere coloniale, non solo nazionale, del conflitto. Perché il ‘67 non può cancellare il ‘48. La visione di Peres di un grande Medio Oriente, di una confederazione fra Israele, Giordania e Stato palestinese, in cui gli ebrei siano finalmente integrati. Perché di Gerusalemme non si doveva assolutamente parlare. Arafat, in fondo, voleva fare come Ben Gurion.
Intervista a Wlodek Goldkorn

dal nostro blog
0
24 ottobre 2017

Per un sindacato unito. Dalla lettera di Pierre Carniti a Cgil, Cisl e Uil

… Il lavoro da sviluppare è, dunque, quello di cogliere l’unità nella diversità e di trasformare il superamento delle diversità … ...

segui
0
24 ottobre 2017

Denti

Un venerdì mattina dello scorso marzo, a Salisbury, Maryland, già due ore prima del sorgere del sole si poteva vedere … segui


0
18 ottobre 2017

Epistocrazia

Su “Le Monde”, il costituzionalista Alexandre Viala, nell’interrogarsi su quale sia il modello di governo che ha in mente Macron, … ...

segui
0
17 ottobre 2017

Fuori dalla scuola

Marie, 13 anni, amava l’inglese e Shakespeare, ma non riusciva a controllare il suo comportamento. Non può farci nulla, si … segui


0
11 ottobre 2017

Disuguaglianze in Germania

Alla vigilia delle elezioni in Germania, il “Financial Times” ha dedicato un pezzo alla povertà in Germania, o più precisamente … ...

segui




chiudi