Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri
tutte le interviste

Ricerca intervistato
Nome Cognome Limita la ricerca:
dal   al  (compresi)

Ricerca per argomento
Limita la ricerca:
dal   al  (compresi)

Ricerca parola o frase
Limita la ricerca:
dal   al  (compresi)



Le interviste dell'ultimo numero
SEI PIU' SEI PIU' SEI
Intervista a Antonio Silvio Calò di Paola Sabbatani, Lelia Serra
La straordinaria storia di una famiglia del trevigiano che di fronte alle tragedie del Mediterraneo decide di raddoppiare, da sei a dodici, il numero degli abitanti della loro casa; l’incredulità dei funzionari delle istituzioni e, poi, l’ostilità iniziale del vicinato; i sei giovani “rifugiati” che non bighellonano mai, che vanno a scuola e al doposcuola pomeridiano, che aiutano i vicini nel sabato, che fanno un tirocinio lavorativo; un “modello” che funziona. Intervista ad Antonio Silvio Calò.

QUELLA FIRMA UNITARIA
Intervista a Tonino Inserra di Barbara Bertoncin, Francesco Ciafaloni
Il grande risultato del nuovo contratto nazionale dei metalmeccanici è la ritrovata unità sindacale che sana una divisione in cui è cresciuta ormai un’intera generazione di delegati; il problema che resta del contratto separato Fiat, in tanti punti superato da quello nazionale; il rischio che il welfare aziendale indebolisca quello pubblico; in Fiat il Wcm ha cambiato molte cose, ma non la monotonia del lavoro il cui ritmo, a volte, è addirittura intensificato. Intervista a Tonino Inserra.

LA MEDICINA NARRATIVA
Intervista a Sandro Spinsanti di Barbara Bertoncin
Un rapporto, quello medico-paziente, che negli anni ha subìto una profonda trasformazione; il rischio che con internet quella del medico diventi la “second opinion” e che l’obbligo di dire la verità si riduca a una pratica burocratica per estorcere una firma. Intervista a Sandro Spinsanti.

DIVENTERO' MAI UN BAMBINO VERO?
Intervista a Gianfranco Notari di Joan Haim
La storia di un ragazzo autistico e della lotta di due genitori per sviluppare tutte le potenzialità, che sono tante, che una malattia inguaribile lascia a chi ne è affetto; la non accettazione, spesso della scuola e degli stessi parenti; l’importanza di far capire che la relazione non è solo fonte di stress; il libro, scritto e disegnato da Simone, sulla storia dei lupi; quel “grazie padre” quando impara qualcosa di nuovo; l’associazione “Genitori tosti”. Intervista a Gianfranco Notari.

QUANDO HANNO SMESSO DI USCIRE DAL QUARTIERE
Intervista a Sarah Turine di Barbara Bertoncin, Bettina Foa
Un quartiere, quello di Molenbeek, da sempre abitato da immigrati, prima fiamminghi e valloni, poi italiani, spagnoli e infine marocchini, a cui oggi si è aggiunta la classe media impoverita dalla crisi; gli effetti perversi delle pur meritorie politiche abitative e sociali che hanno riqualificato il quartiere ma anche ulteriormente ghettizzato; l’islamofobia post -11 settembre e l’arroccamento dei giovani musulmani attorno alla loro identità religiosa minacciata. Intervista a Sarah Turine.

COME SAREBBE STATA LA MUSICA?
Intervista a Maurizio Disoteo di Barbara Bertoncin, Bettina Foa
La storia della musica europea sarebbe diversa se i nazisti non avessero annientato un’intera generazione di musicisti e compositori; la musica degenerata, in particolare la dodecafonia e il grande uso nazista della musica dell’antisemita Wagner; l’inganno del campo di concentramento “modello” di Terezin, dove stazionarono tanti musicisti e artisti che poi finirono ad Auschwitz; l’importanza dell’esperienza fascista italiana per il nazismo. Intervista a Maurizio Disoteo.

LA SPAGNA!
Intervista a Cesare Panizza di Gianni Saporetti
Per Nicola Chiaromonte, lucido analista dei totalitarismi, del fascismo così come del comunismo sovietico, il compito degli intellettuali europei era quello di preparare l’Europa del futuro, non più preda dei nazionalismi che avevano portato alla catastrofe; la rottura con Rosselli e Giustizia e Libertà; la grande illusione dell’”altra rivoluzione”, quella libertaria, per cui combattere in Spagna, caduta in pochi mesi; la fuga da Parigi con la moglie morente. Intervista a Cesare Panizza.




chiudi