Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri
tutte le interviste

Ricerca intervistato
Nome Cognome Limita la ricerca:
dal   al  (compresi)

Ricerca per argomento
Limita la ricerca:
dal   al  (compresi)

Ricerca parola o frase
Limita la ricerca:
dal   al  (compresi)



Le interviste dell'ultimo numero
SENZA ZAINO
Intervista a Ginetta Latini, Francesca Olivini di Barbara Bertoncin
Una scuola dove i bambini arrivano senza cartella e per prima cosa si siedono nei cuscini dell’Agorà dove parlano di come si sentono, e poi banchi da sei, tra i quali la maestra si muove portandosi dietro uno sgabellino; il concetto dell’ospitalità, che significa anche lasciare che i bimbi facciano le cose con i loro tempi, e il problema della moltiplicazione delle certificazioni, quando forse il “disturbo” riguarda più il sistema di insegnamento. Intervista a Ginetta Latini e Francesca Olivini.

IL BISOGNO DI DARE UN SENSO
Intervista a Guido Armellini, Elisabetta Cammelli di Gianni Saporetti
Una scuola di italiano per stranieri, quella finanziata dalla chiesa metodista di Bologna, che è aperta a chiunque, a immigrati e anche a studenti erasmus, per evitare il ghetto dei poveri, e conta più di seicento iscritti all’anno e una sessantina di insegnanti, che prestano gratuitamente la loro opera; la novità di una rilevante presenza di analfabeti, ma anche la loro straordinaria voglia di imparare che fa appassionare gli insegnanti. Intervista a Guido Armellini ed Elisabetta Cammelli.

NON E' SOLO, SIAMO IN TANTI
Intervista a Chiara Faini
L’esperienza di Smart, società mutualistica nata a fine anni 90 in Belgio per accompagnare gli artisti alle prese con precarietà e ritardo nei pagamenti e il problema di come regolarizzare il lavoro intermittente; l’ostacolo della giungla dei contratti e di una cultura che vede solo dipendenti o padroni; in un mercato del lavoro sempre più frammentato, il tentativo di contemperare la libertà del lavoratore autonomo con un minimo di protezione e solidarietà. Intervista a Chiara Faini.

NIENTE SU DI ME SENZA DI ME
Intervista a Operatori e persone con esperienza della Recovery House di Trieste
A Trieste, già all’avanguardia nella salute mentale, è partito un esperimento ambizioso: una casa, una “recovery house”, dove alcune “persone con esperienza” possono provare a ricominciare, con l’aiuto di operatori, assistenti e psichiatri, in un contesto non gerarchico e trasparente; i principi guida e la necessità di creare anticorpi, anche nelle istituzioni, affinché non si cronicizzi il disagio; il contributo, prezioso, dei “pari”. Ne parlano operatori e persone con esperienza.

UN'EUROPA DELLE CITTA'?
Intervista a Michel Huysseune di Barbara Bertoncin, Bettina Foa
Le aspirazioni indipendentiste di Catalogna e Scozia che vanno prese sul serio perché ormai coinvolgono buona parte delle popolazioni; il caso delle Fiandre; le ragioni culturali prevalenti su quelle economiche; il federalismo tedesco che funziona e il rischio di “copiare” modelli istituzionali di altri paesi; l’indifferenza di Bruxelles per un’Europa delle regioni e la delusione di tanti, che pure restano convinti europeisti; la grande vitalità delle città. Intervista a Michel Huysseune.




chiudi