Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri
di politica e altro

Il ruolo delle forze liberali nella storia della Repubblica


UNA CITTÀ n. 258 / 2019 giugno-luglio

Intervista a Massimo Teodori
realizzata da Gianni Saporetti

LA TERZA FORZA
Il ruolo misconosciuto, nella storia dell’antifascismo e della Repubblica, delle forze liberali democratiche, socialdemocratiche, repubblicane, libertarie; a loro si deve il fallimento di una deriva clerical-franchista del paese e l’adesione alla Alleanza Atlantica, mal vista dai cattolici e da Pio XII; una storiografia egemonizzata dai comunisti; l’esempio delle Fosse ardeatine dove moltissimi caduti erano azionisti, ma nessuno lo ricorda. Intervista a Massimo Teodori.

Massimo Teodori, storico, americanista, parlamentare radicale per tre legislature, ha scritto numerosi saggi, fra cui Storia dei laici nell’Italia clericale e comunista (2008) ; Pannunzio. Dal "Mondo” al Partito radicale (2010) ; Complotto! (2014) . Il libro di cui si parla nell’intervista è Controstoria della Repubblica, Castelvecchi, 2019. Possiamo partire dal titolo del libro, Controstoria della Repubblica, che fa pensare ci sia una storia ufficiale che non è quella giusta…
Premesso che i titoli li si sceglie insieme all’editore per trovare qualcosa che colpisca, nella sostanza delle cose "contro storia” significa semplicemente che la maggior parte delle storie, anche di storici accreditati, narrano di una Repubblica essenzialmente fondata su due pilastri: il mondo cattolico con tutte le sue derivazioni, sia di carattere politico che sociale e culturale, e il mondo comunista, almeno fino alla fine della prima Repubblica. Ora, certamente questa impostazione, se risponde a una realtà storica dell’Italia in cui questi due grossi blocchi hanno avuto un peso decisivo, trascura una terza componente, a cui è dedicato il libro, quella delle forze che potremmo definire democratico-laiche, liberaldemocratiche, socialiste riformiste o libertarie, che pure sono state un elemento importante nello sviluppo della storia repubblicana. Certo, è vero che queste forze non hanno mai dato vita a un partito, ma a una serie di partiti e partitini molto spesso in contrasto tra loro, ma basta a spiegare il non riconoscimento di un ruolo importante, addirittura fondamentale per il ricongiungimento dell’Italia al mondo democratico occidentale dopo la catastrofe del fascismo? Ecco, il libro tenta di rispondere a queste domande e vuol colmare questa lacuna grave. Il rapporto privilegiato che i comunisti vogliono avere coi cattolici accompagna tutta la storia della Repubblica…
Non c’è dubbio che la preferenza del Partito comunista italiano di Togliatti verso un’alleanza con il mondo cattolico è stata sempre chiarissima e ha il suo momento di massima espressione pubblica nell’inserimento del Concordato nella Costituzione con l’art. 7. Ci si domanda perché il Partito comunista italiano di Togliatti abbia preso questa strada che poi influenzerà tutto il prosieguo della sua storia politica toccando un apice con Berlinguer. Togliatti, nel momento in cui torna in Italia, compie due "svolte” che vanno entrambe nella stessa direzione. La prima è la cosiddetta svolta di Salerno in cui accetta la monarchia. Nel momento della guerra civile, della resistenza, della divisione dell’Italia in due blocchi, Togliatti ritiene che sarebbe sbagliato porre una pregiudiziale alla monarchia. La seconda avviene nel ’47, quando Togliatti abbandona l’idea del partito rivoluzionario formatosi negli anni Venti e Trenta, per far diventare il Pci un partito nazionale, sottolineo nazionale, che si inserisca direttamente nella vita democratica italiana. Di fronte alla prospettiva delle elezioni del ’48, le prime dopo quelle della Costituente, le possibilità per il Partito comunista sono due: se vince, l’Italia si potrebbe avvicinare a un modello tipo paesi dell’est, con il Partito comunista al centro e dei partiti satelliti intorno fra cui un piccolo partito cattolico. Questa è l’idea del fronte popolare con il Partito socialista. Se non vince le elezioni, si tratterà di inserirsi nella vita parlamentare democratica italiana, come nucleo centrale dell’opposizione. Per fare questo, ha bisogno di una legittimazione come partito nazionale e popolare che non ambisce a rivoluzioni o riforme radicali. E da chi può venire negli anni Cinquanta tale legittimazione? Dal mondo cattolico, perché il mondo cattolico in quel momento è maggioritario, non solo in termini politici, ma anche nella società italiana, che è una società assolutamente arretrata, ancora agricola, ancora molto dipendente dalla... [ continua ]

Esegui il login per visualizzare il testo completo.Se sei un abbonato on-line, o hai acquistato un Pacchetto di interviste o articoli clicca qui accedere, oppure vai alla pagina Abbonamenti per acquistare l'abbonamento on-line o il Pacchetto di interviste.

Gli abbonati alla rivista hanno diritto all'abbonamento on-line gratuito!


archivio
Lo stato burocratico

La busta azzurra
I risultati dell’ultimo rapporto sulla spesa previdenziale e i 13 miliardi di euro di disavanzo. Quei 10 milioni di pensionati che, se non intervenisse lo Stato, non avrebbero quasi nulla. L’attivo dei subordinati e il passivo dei pubblici. L’incredibile vicenda della "busta azzurra”, che non parte. Intervista a Alberto Brambilla.

Presunzione di falsità
Proprio mentre faticosamente una madre sta mettendo in moto un percorso di emancipazione e autonomia per la figlia disabile, l’arrivo della lettera dell’Inps per una verifica sui falsi invalidi, che di fatto costringe a enfatizzare il negativo, cioè le inabilità, anziché il positivo, cioè le risorse.
Intervista a Lucia Robustelli.

Street-level bureaucrat
Il cen­tra­li­smo del­lo Sta­to na­po­leo­ni­co, che da noi si è fu­so con l'a­spet­to re­pres­si­vo del si­ste­ma mi­li­ta­re pie­mon­te­se; la cul­tu­ra del­la va­lu­ta­zio­ne che sten­ta a en­tra­re nel pub­bli­co im­pie­go; un sin­da­ca­to che, di­fen­den­do il "bas­so sa­la­rio, ma si­cu­ro" in real­tà mor­ti­fi­ca il di­pen­den­te re­spon­sa­bi­le. In­ter­vi­sta a Ni­co­let­ta Sta­me.


La rivoluzione concreta

Arruolare il malato
La ne­ces­si­tà, per ri­spon­de­re ai bi­so­gni dei cro­ni­ci, che og­gi so­no cir­ca il 30% del­la po­po­la­zio­ne e as­sor­bo­no il 70% del­le ri­sor­se, di ri­vo­lu­zio­na­re il mo­del­lo sa­ni­ta­rio, ta­glian­do po­sti-let­to ospe­da­lie­ri e ri­pen­san­do il ruo­lo dei me­di­ci di fa­mi­glia, de­gli spe­cia­li­sti e an­che del­le in­fer­mie­re. In­ter­vi­sta a Fran­ce­sco Lon­go.

L'arretrato
Un si­ste­ma far­ra­gi­no­so, a co­min­cia­re dai mas­si­mi li­vel­li, di fat­to de­re­spon­sa­bi­liz­zan­te, in cui il cit­ta­di­no è con­si­de­ra­to un fa­sti­dio; una len­tez­za mo­struo­sa che con­trad­di­ce qual­sia­si ri­cer­ca del buon ri­sul­ta­to; i cam­bia­men­ti, an­che tec­no­lo­gi­ci, esi­go­no un cam­bio di men­ta­li­tà, sem­pre dif­fi­ci­le e len­to.
In­ter­vi­sta a Da­vi­de Car­ne­va­li.



chiudi