Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri

A scuola con il sintomo

Un gruppo di insegnanti che da anni si ritrova ogni mese, con una supervisione, per discutere casi difficili, non per improvvisarsi provetti psicologi, ma per fare meglio il proprio mestiere; l’importanza di non stroncare il sintomo, perché è sempre una risposta intelligente; intervista a Marina Baguzzi e Marco Lodi.


problemi di scuola

Anna Lona, maestra elementare, insegna a Verona


UNA CITTÀ n. 254 / 2018 dicembre 2018-gennaio 2019

Intervista a Anna Lona
realizzata da Barbara Bertoncin

VEDERE, ASCOLTARE, OPERARE...
Di fronte alla crisi della scuola pubblica, la tentazione, anche a sinistra, di scegliere soluzioni individuali; il rischio che il metodo Montessori sia ridotto a un brand che soddisfa l’ansia da disorientamento di tanti genitori; il problema, ormai improcrastinabile, della scarsità delle risorse; nel mondo delle nuove tecnologie, così familiari ai bambini, resta valido il grande insegnamento di Freinet: insegnare partendo dal mondo del bambino. Intervista ad Anna Lona.

Anna Lona, maestra elementare, insegna a Verona. Vorremo parlare con te della crisi della scuola pubblica. Nella mia vita professionale io sono praticamente arrivata alla fine, pertanto questo è anche un po’ un momento di bilanci, nel senso che ti chiedi cosa rimane, non tanto di te, ma del contesto all’interno del quale hai cercato di mettere a frutto le cose che più ti convincevano. Preciso subito che in queste mie riflessioni non ci sono elementi nostalgici, non penso cioè che la soluzione stia nel ritorno a un eden mitologico. Devo dire che il dato che mi preoccupa, a fronte di un cambiamento epocale, della difficoltà in cui versano tutte le istituzioni, è questa incapacità di farsi carico, collettivamente, delle nuove sfide. In questi ultimi anni abbiamo assistito a una progressivo incremento di una serie di proposte alternative alla scuola pubblica, che hanno le loro ragioni, vuoi la scuola nel bosco piuttosto che gli steineriani piuttosto che l’homeschooling, l’educazione parentale; tra tutte queste, da qualche anno a questa parte, il ritorno alla Montessori è diventata una sorta di must. Io ho riscoperto questa pedagoga nel 2012, quando la rivista "Wired” ha pubblicato un lungo dossier con interviste ai grandi del digitale, il fondatore di Amazon, Google eccetera. Tutti questi riconoscevano nell’aver frequentato la scuola Montessori uno dei fatti rilevanti per il loro successo imprenditoriale. Quello che mi ha dato da pensare in questi ultimi anni, è che nel giro di poco tempo siamo passati da una situazione in cui il pensiero di questa pedagogista era ignorato (forse anche perché era una donna) al vederla come l’incarnazione di un’idea di scuola alternativa al modello pubblico, che evidentemente è in crisi. Ora, come si è arrivati a questo? E cosa ci segnala? Io me lo sono chiesta. Intanto c’è stata la vicenda del royal baby: il fatto che i principini inglesi siano stati mandati nelle scuole montessoriane ha creato nella gente l’idea che questa fosse l’opzione vincente. Ma poi ad avere un impatto è stato sicuramente anche il mercato. Qualcuno ha pensato di fare di questa pedagogia un business. Questo metodo infatti presuppone l’utilizzo di arredi e materiali specifici che puoi costruirti da solo seguendo dei protocolli, altrimenti devi rivolgerti a ditte fornite di bollino di qualità. Qualche mese fa il "Corriere della Sera” ha pubblicato dei fascicoli con il metodo Montessori; il supermercato Esselunga con i punti per la scuola propone l’acquisto di libretti con il metodo Montessori. Insomma c’è tutta un’offerta di questi "prodotti”. Se giri in rete, nei siti delle mamme, trovi di tutto e di più: "i primi materiali Montessori”, "i miei secondi materiali…
”. Ripeto, è un brand: qualsiasi cosa tu oggi proponga con questo marchio, vende. Tu sei preoccupata soprattutto del fatto che davanti a una crisi epocale e che riguarda tutti, anche a sinistra ci si lasci tentare dalla scorciatoia della soluzione individuale. Io ovviamente qui non parlo della validità del metodo. Certo mi preoccupa il fatto che allestire una sezione Montessori ha un costo che nessuna scuola pubblica può sostenere da sola. Se non ti affidi all’autoproduzione, una sede Montessori, tra arredi e materiali, costa sui diecimila euro. Considera che, nella scuola pubblica, abbiamo circa quattro euro a bambino all’anno di spese per i materiali. Insomma, ammesso e non concesso che questa sia la soluzione su cui investire, è evidente che non può essere un modello proponibile per tutti. Perché allora questo approccio seduce tanto i genitori? Io credo sia dovuto proprio al fatto che siamo in una fase di grande cambiamento. Stiamo lasciando le vecchie certezze, ma non ne abbiamo di nuove. Siamo un po’ su un piano inclinato e siccome è faticoso stare in una condizione di disorientamento, questo metodo, così come altri, rappresenta un punto saldo. Oltretutto, ... [ continua ]

Esegui il login per visualizzare il testo completo.Se sei un abbonato on-line, o hai acquistato un Pacchetto di interviste o articoli clicca qui accedere, oppure vai alla pagina Abbonamenti per acquistare l'abbonamento on-line o il Pacchetto di interviste.

Gli abbonati alla rivista hanno diritto all'abbonamento on-line gratuito!



archivio
Il povero gelsomino

L’ansia paranoica di misurare tutto, anche se il ragazzo suona la chitarra. Una gerarchia di valori per cui il lavoro burocratico varrà di più del lavoro svolto in classe. Un’incentivazione che demotiva. Una scuola che si sta trasformando in un’agenzia di banalizzazione, fondata su test e circolari ministeriali. Intervista a Guido Armellini.
Il tempo per studiare...
La scelta strategica fra investire nella qualità o tagliare i costi, fra la competizione al pari dei primi o la ricerca delle nicchie in cui mettersi al riparo. La pari dignità fra le quattro leve della formazione: professionale, formale, universitaria e per adulti. La possibilità per il lavoratore di contrattare il tempo per la formazione. Un modello di successo, quello veneto, la cui peculiarità rischia ora di diventare ostacolo. Intervista a Roberto Fasoli.

Una casa-madre

Il congelamento dell’autonomia scolastica appena varata, voluto da un governo che pensa di tornare alla scuola tradizionale dove si insegna il sapere o il fare, dove vige la lezione frontale in classe, dove ciò che si impara fuori non rientra. Una riduzione drastica del numero degli insegnanti in base alla fotografia dell’esistente, che vede, comunque, centomila ragazzini fuori dalla scuola. Intervista a Marco Rossi Doria.

Le leve aldini

L’Aldini-Valeriani di Bologna, una scuola comunale professionale d’eccellenza all’origine dello sviluppo industriale della città. Il rischio, che con la riforma Moratti diventerà realtà, di istituti professionali che produrranno professionalità adatte solo a settori industriali deboli. L’insensibilità delle aziende verso la formazione professionale. L’assurdità di una scuola che dovrà fare tutto, pure l’esame per la patente... Intervista a Giovanni Sedioli.


Quattro si perdono

Il corpo insegnante più vecchio e femminilizzato d’Europa, al contrario della rappresentazione mediatica, è in realtà contento del proprio mestiere, soprattutto grazie al rapporto coi ragazzi; il problema, ideologico e metodologico, della valutazione e quello degli scarsi consumi culturali; intervista a Alessandro Cavalli.

Mio maestro
è il subalterno

L’era della globalizzazione, della mediatizzazione, dell’economizzazione selvaggia rischiano di produrre quello che don Milani chiamava il ‘burattino ubbidiente’. Le nuove tecnologie spingono verso un predominio delle pulsioni, facendo dilagare la banalizzazione. E’ questo il punto dolente dell’educazione oggi, ed è un problema che non nasce a scuola e non può essere risolto dalla scuola. Intervista a Paolo Perticari.
Sulla carta d'identità c'è "studente"

I dubbi sull’ultima riforma, quella del tre più due, che ha trasformato l’università in un grande liceo. L’ambiguità del dottorato: titolo di studio o inizio di un percorso lavorativo? La passione per la ricerca che compenserebbe anche quegli 827 euro al mese... Intervista a Sergio Tosoni.
Apprendimento incidentale organizzato

L’eterna alternativa fra un’educazione al dover essere, ‘uomo pio’, ‘buon cittadino’, anche ‘uomo nuovo’, ed educazione all’essere. La concezione di Tolstoj, di Neill, il fondatore della scuola di Summerhill, di Godwin, che pure erano dei militanti, mette al primo posto, sempre, la libertà degli esseri umani, lo sviluppo delle potenzialità, una concezione per cui si impara ad imparare. Intervista a Francesco Codello.
Per compito
fare un aereo

In una regione in cui non manca il lavoro ma i lavoratori, una scuola professionale d’eccellenza, dove i ragazzi, su commessa di un imprenditore, costruiscono un Caproni del ‘37 che dovrà funzionare, o per incarico del Comune, saldano un monumento in ferro che finirà in una piazza della città. Il rischio che con l’obbligo a 18 anni al professionale vadano solo gli "scarti” delle altre scuole. Intervista a Claudio Stedile e Vittorio Menghini.
Scuola città

La Scuola-Città Pestalozzi, fondata da Ernesto Codignola nell’immediato dopoguerra per educare i ragazzi all’autogestione e all’assunzione di responsabilità, resta una grande esperienza pedagogica. Elementari e medie insieme, con lo stesso collegio insegnanti. I laboratori del fare, il teatro, l’inglese fin dai primi anni. Intervista a Stefania Cotoneschi, Graziano Giachi, Gabriella Lisi, Cristina Lorimer, Luisa Puttini.
Una città educante

Il rischio che i bimbi immigrati siano cittadini a scuola e stranieri in città. L’insegnamento dell’italiano con laboratori interculturali e interlinguistici. Il rischio, reale, che le scuole con stranieri si dequalifichino. L’autonomia spesso non aiuta un’integrazione con le iniziative del territorio. Tutti gli sforzi di integrazione si vanificano se la polizia tratta il ragazzo spacciatore e lo studente immigrato allo stesso modo. Intervista a Luca Borzani.
Quel rischio, a 14 anni

Imprenditori, sindacati, enti di formazione professionale, enti locali che a Verona fanno funzionare da anni un’agenzia per aiutare i ragazzi all’orientamento professionale. Il rischio grave, anche se non immediato, che comporta la scelta di lasciare la scuola prematuramente. Un impegno "disinteressato”, che riesca a evitare le inutili competizioni fra scuole ed enti. Intervista a Valentina Meurisse e a Danilo Valerio.
Di tutti e di ciascuno

Una riforma, quella della Moratti, che oltre a mandare a compimento l’opera dei tagli iniziata dalle finanziarie, ripropone un’idea di scuola profondamente antidemocratica, dove tornerà a essere insuperabile il fossato fra sapere e saper fare, fra cultura e lavoro, in cui censo e cultura dei genitori torneranno a dominare le scelte. Il ruolo fondamentale degli enti locali. Intervista ad Andrea Ranieri.





chiudi