Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri
problemi di salute

UNA CITTÀ n. 158 / 2008 Agosto-Settembre

Intervista a Anna Mancini Rizzotti, Erika Da Frè, Luz Osorio, Francesca Piasere
realizzata da Barbara Bertoncin

LA SALA DEL COMMIATO
Dopo dieci anni di assistenza domiciliare a pazienti oncologici, la decisione, difficile ma obbligata, di aprire un hospice che fosse innanzitutto un posto bello, e senza dolore. L’importanza di un accompagnamento che può essere anche silenzioso. Intervista a Anna Mancini Rizzotti, Erika Da Frè, Luz Osorio, Francesca Piasere.

L’Hospice “Casa dei gelsi” è una struttura residenziale sanitaria pensata per offrire un intervento integrativo al domicilio nell’assistenza e nell’accompagnamento del malato oncologico grave e della sua famiglia. E’ stato realizzato dall’associazione di assistenza domiciliare gratuita Advar e dalla Fondazione annessa. Anna Mancini Rizzotti è presidente dell’associazione Advar. Luz Osorio e Erika Da Frè sono infermiere presso la “Casa dei Gelsi; Francesca Piasere è una volontaria Advar. Dopo un’esperienza pluriennale di assistenza domiciliare a pazienti oncologici, è nata l’esigenza e il desiderio di creare un hospice. Può raccontare? Anna Mancini Rizzotti. L’associazione Advar è nata nel 1988. E’ stata una cosa che, assieme ad altri, ho fortemente voluto alla luce dell’esperienza di malattia e morte che avevo vissuto. L’associazione è infatti intitolata a mio marito, che era medico urologo, chirurgo, e che si è ammalato di tumore alla prostata, proprio il tumore che curava e su cui faceva prevenzione. All’epoca il domicilio non veniva nemmeno preso in considerazione. Mio marito è morto in ospedale che però in fondo era la sua casa. Anche se nell’ultimo periodo avrebbe desiderato tornare, ma non c’erano i mezzi. Quest’esperienza mi ha permesso di fare tutta una serie di riflessioni su cosa significa essere un malato terminale e di come cambia la prospettiva, come cambiano le cose importanti. Per dire, per il chirurgo è importante se l’intervento è riuscito, per il malato invece può essere più importante il dolore, all’epoca tra l’altro l’uso di morfina e altri farmaci era molto ridotto. Come familiare ho imparato anche che l’accompagnamento non può limitarsi alla persona malata ma deve coinvolgere tutto il nucleo familiare. Io insegnavo ma, dopo la morte di Alberto, ho maturato la decisione di lasciare il mio lavoro. Ho coinvolto gli amici che erano stati i primi volontari accanto a me e abbiamo deciso di avviare quest’esperienza di assistenza domiciliare gratuita. Allora il domicilio era una opzione etica, una scelta che andava controcorrente, era anche una sfida: dimostrare che era possibile che il malato in fase terminale potesse vivere e morire a casa. Ecco, dopo 10 anni di assistenza domiciliare, nonostante l’ottima équipe, la reperibilità, un’attenta cura e accompagnamento anche del nucleo famigliare, ci si è resi conto che in alcune situazioni non era possibile tenere la persona a casa per cui o veniva ricoverata in ospedale, o la si teneva a casa ma con un’immane fatica della famiglia. Devo dire che di fronte all’esperienza le mie resistenze personali, ma anche di altri, si sono frantumate e quindi abbiamo pensato di realizzare l’hospice. Presa la decisione, abbiamo iniziato a girare per capire quali realtà esistevano. Abbiamo fatto anche un’opera di sensibilizzazione perché c’erano delle persone, utenti, ma anche operatori, che non capivano, che vivevano l’hospice come un tradimento della scelta domiciliare: “Ma come? Andate in direzione opposta”. Occorreva far comprendere che non era un tradimento ma un’integrazione, un’altra possibilità per la famiglia. Infatti il ricovero può avvenire anche solo in una fase acuta o di difficoltà del nucleo familiare. E comunque per noi non esiste un hospice senza accompagnamento domiciliare altrimenti è una struttura nel deserto. Per esempio noi adesso abbiamo una persona che è stata ricoverata soprattutto per un contesto famigliare complesso, nella convinzione che una pausa possa consentire di recuperare energie e anche di sedimentare delle tensioni, per poi eventualmente tornare a casa. Nella fase terminale, nell’ambito delle cure palliative, le infermiere sono quasi più importanti dei medici…
Erika Da Frè. Lavoro qui in hospice da tre anni e mezzo e fornisco assistenza diretta agli ospiti. Ho iniziato lavorando in un ospedale dove... [ continua ]

Esegui il login per visualizzare il testo completo.Se sei un abbonato on-line, o hai acquistato un Pacchetto di interviste o articoli clicca qui accedere, oppure vai alla pagina Abbonamenti per acquistare l'abbonamento on-line o il Pacchetto di interviste.

Gli abbonati alla rivista hanno diritto all'abbonamento on-line gratuito!



archivio
Non so se sono guarita...
Curare la schizofrenia aprendo dei bar? La straordinaria esperienza di un gruppo di psichiatri, infermieri e pazienti di Torino, che sta ottenendo risultati, di cura e di reinserimento sociale, gestendo tre locali pubblici. Lavori veri e non finti, competenze che si acquisiscono, orizzontalità e autogestione assembleare... Intervista a Ugo Zamburru, Simonetta Canetti, Michelangelo, Vanessa e Fenisia.
Il pianeta del dolore
La terapia del dolore, dispersa fra anestesia e le altre discipline, non ha uno statuto che le permetta di crescere, nella ricerca e sul territorio. La piaga sociale di dolori che rovinano la vita e la cui cura, a basso impatto tecnologico, rischia di non interessare. La scoperta delle morfine endogene. Fra accanimento terapeutico e eutanasia la terza via della dignità. Ridurre la disabilità sarà la battaglia del futuro. Intervista a William Raffaeli.
Parlare fa bene
La massima trasparenza, la capacità di comunicare, condizione del rapporto di fiducia fra medico e paziente. Un ospedale che, inevitabilmente, è sempre più organizzato come una fabbrica e un’esigenza, in gran parte insoddisfatta, di "personalizzazione”. Intervista a Andrea Martoni.

Far sorridere una signora
L’attività volontaria di un gruppo di donne, alcune che già hanno subito l’operazione e altre no, per fare prevenzione sul territorio e per dar conforto, e consigli, alle donne che stanno per essere operate di tumore al seno. Intervista alle attiviste di Andos di Albano Laziale.

L’ultimo elettroshock
Quando Franco Basaglia arrivò a Gorizia, iniziò a ordinare stock di abiti, fece entrare il parrucchiere e aprì le porte delle stanze... In manicomio c’erano anche persone abbandonate dalle famiglie perché appena un po’ strane o perché orfane e sole. La legge 180 venne molto dopo e fu veramente una rivoluzione, anche se poi le famiglie sono state lasciate sole a gestire il problema. Intervista a Giorgia, Sara e Cristina.

La strada del rispetto
Crescere un bambino con la sindrome di Asperger, sempre in bilico tra libertà e proibizioni; l’importanza di un quartiere "protettivo” e l’incredibile potenza di uno strumento come il computer per chi non riesce a guardare l’altro negli occhi. Il problema, cruciale, del lavoro e l’angoscia del "dopo di noi”. Intervista a Umberto Brancia.

Pediatri di strada
Il problema dell’assistenza sanitaria ai bimbi di immigrati clandestini, che ogni regione affronta diversamente o ignora. Una vecchia bottega adibita ad ambulatorio, con anche il dentista, dove passano quasi 2000 bimbi all’anno; la concretezza dei problemi interculturali. Intervista a Paolo Cornaglia Ferraris.

La sala del commiato
Dopo dieci anni di assistenza domiciliare a pazienti oncologici, la decisione, difficile ma obbligata, di aprire un hospice che fosse innanzitutto un posto bello, e senza dolore. L’importanza di un accompagnamento che può essere anche silenzioso. Intervista a Anna Mancini Rizzotti, Erika Da Frè, Luz Osorio, Francesca Piasere.


Il cambiamento è partito da me
La vita accanto a un figlio tanto desiderato, ma nato con gravi problemi a causa di un parto difficile; gli anni bui e poi però l’incontro con lo specialista giusto e i primi progressi; l’importanza degli amici e del lavoro; le strategie per fronteggiare i momenti critici e i sensi di colpa verso l’altro figlio; intervista a Beatrice.

Quando va via il sonno...
Una malattia, la depressione bipolare, che insorge in età giovanile e può essere incompatibile con la vita. L’importanza di individuare la dose minima efficace e il dramma, anche economico, di tante famiglie, lasciate sole a gestire un disturbo che nella forma grave colpisce il 3% della popolazione. Intervista a Renata Dal Palù.

Il real life test
I diritti dei transessuali, fra i più ignorati. Il problema dell’assistenza sanitaria. L’impegno in Cgil, anche a superare le perplessità di tanti. L’importanza di preservarsi un "arcobaleno di possibilità”. L’esempio della legge tedesca che prevede periodi di prova, col vestire, il nome, i documenti, ecc. Intervista a Maria Gigliola Toniollo.

Alla fine

I malati non oncologici che accedono alle cure palliative sono ancora una minoranza, eppure di malattie cardiocircolatorie si muore più che di cancro; la gestione della fase terminale in pazienti anziani con demenza; l’importanza, affinché cambi la mentalità, che anche il malato cominci a far valere i suoi diritti; intervista a Franco Toscani.

Tremila casi in trent'anni

Una città, Casale Monferrato, "infetta” da amianto, dove ancora oggi si contano 50 casi all’anno; la difficoltà di ricondurre alcune patologie all’esposizione ad amianto; le pericolose ricadute dell’uso del concetto di trigger dose, ma anche della suscettibilità genetica; le speranze nel processo; intervista a Benedetto Terracini.


Ho questa cosa...

L’incomprensibile stigma rispetto a una patologia, il Parkinson, in cui la terapia dà buoni risultati; la mancanza di una diagnosi certa; l’importanza di un rapporto franco e informato tra medico e paziente e i rischi legati a una depressione, che è anche di origine chimica; le speranze nella ricerca. Intervista a Maurizio Facheris.


I limiti del medico

Tornare a vedere il malato come persona usando la tecnologia e le conoscenze di oggi, evitare di affidarsi esclusivamente alle misurazioni e agli standard prestabiliti, porsi, insieme ai pazienti e ai parenti, il problema dei limiti della cura, in tanti casi chiedersi che tipo di speranza si dà. Intervista a Marco Bobbio.




chiudi