Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri
di politica e altro

UNA CITTÀ n. 198 / 2012 Novembre

Intervista a Pierangelo Schiera
realizzata da Gianni Saporetti

MISURA E MALINCONIA
Le buone maniere quotidiane, la qualità del rapporto con gli altri sono politica, una politica altrettanto importante del parlamento e del voto. Il bisogno che è alla base di tutto e che spinge alla misura, di se stessi, degli altri, dell’ambiente; la misurazione fondamento della scienza e della stessa politica; la ragion di Stato non è machiavellismo, ma notitia rerum; la malinconia che ci procura la presa d’atto della nostra pochezza è all’origine della politica. Intervista a Pierangelo Schiera.

Pierangelo Schiera, docente di storia delle dottrine politiche, ha insegnato presso la Facoltà di Scienze politiche di Bologna e di Sociologia a Trento. È professore emerito dell’Università di Trento e professore onorario alla Humboldt-Universität di Berlino. È inoltre presidente della Fondazione Roberto Ruffilli. Ha pubblicato, tra l’altro, Misura, professionaldreamers 2012, Profili di storia costituzionale. Potere e legittimità, Morcelliana 2012, Profili di storia costituzionale. Dottrina politica e istituzioni Morcelliana 2011, La misura del ben comune, Eum 2010. In un’intervista precedente tu individuavi il centro del problema della politica nell’amministrazione dello Stato. Ecco, ma nella società? Che problema c’è rispetto alla politica? Guarda, io parto da Monsignor Della Casa, che considero il fondatore della sociologia, un Bourdieu ante litteram, e non scherzo, e dal suo Galateo che dopo 500 anni viene stampato ancora, il che è già abbastanza stupefacente. 500 anni! C’è una battuta, secondo me formidabile, di Monsignor Della Casa, che meglio non può spiegare il senso del suo Galateo. A un certo punto, rivolgendosi appunto a questo ragazzo, Galateo, per spiegargli l’importanza dell’apprendimento delle buone maniere, dice: "Perché tu devi capire, le grandi virtù sono importantissime e bisogna assolutamente coltivarle: l’ono­re, il coraggio, eccetera. Però raramente nella vita ti capita di doverle usare. Invece, soffiarti il naso ti capita ogni cinque minuti”. Allora, se tu impari a usare il fazzoletto invece di smocciare col naso, è tutto di guadagnato. Ecco, io sono arrivato a questa conclusione: secondo me oggi, dopo tutte le sofisticherie liberali, post-liberali, neoliberali che noi abbiamo conosciuto e che sono sacrosante, perché i diritti e la giustizia sono tutte cose di cui non si può fare a meno, c’è bisogno anche di trovare un livello in cui mettere in pratica la politica nella sua quotidianità e non solo nel momento in cui andiamo a votare (che poi, tra l’altro, non ci andiamo neanche più, ma questo è un altro discorso) oppure quando ci scagliamo contro i corrotti, "Bossi il cattivo”, "Sono tutti uguali, anche gli altri”, "Lui di più, io di meno”, poi arriva Grillo che è diventato miliardario col blog a spiegarci che sono tutti dei ladroni, che sono tutti da cacciare a calci…
(io non so proprio più cosa pensare, ma lasciamo perdere, non è questo di cui voglio parlare) . La mia risposta è che bisogna far politica, imparare a far politica alla Galateo, cioè bisogna imparare a capire che la politica è fatta di piccole cose. È fatta anche di grandi idee, quindi i diritti dell’uomo, l’Onu, il Tribunale internazionale, tutto quello che vuoi tu. Però è fatta soprattutto, quotidianamente, minuto dopo minuto, di piccole cose. Le piccole cose sono le buone pratiche di cittadinanza e sono l’amministrazione, attività, cioè, in cui la gente può esprimere la propria responsabilità. Questo è per me il punto della questione. Io sostengo che questa sarebbe una piccola rivoluzione, del tipo di quella che fece Della Casa rispetto ai principi cavallereschi che avevano dominato fino a metà Cinquecento. Teniamo presente che ancora agli inizi del Seicento Cervantes è ancora lì, sui principi cavallereschi, così Rabelais, e prima di loro la famosissima Christine de Pizan. In realtà la cavalleria, con tutto il suo fantastico armamentario di valori, di dottrine, di comportamenti, con le vedove, il cavaliere senza macchia, non c’è più. C’è invece una società che ha cominciato a muoversi, ha costruito le città, è diventata ricca, ha pratiche quotidiane di comportamenti diffusi anche, non più appannaggio solo del principe e dei suoi pochi cortigiani. Nello stesso periodo di Monsignor Della Casa hai Baldassarre Castiglione, che è pure più famoso, e ambienta il suo "Cortegiano” in una corte come quella... [ continua ]

Esegui il login per visualizzare il testo completo.Se sei un abbonato on-line, o hai acquistato un Pacchetto di interviste o articoli clicca qui accedere, oppure vai alla pagina Abbonamenti per acquistare l'abbonamento on-line o il Pacchetto di interviste.

Gli abbonati alla rivista hanno diritto all'abbonamento on-line gratuito!



archivio
Lo stato burocratico

La busta azzurra
I risultati dell’ultimo rapporto sulla spesa previdenziale e i 13 miliardi di euro di disavanzo. Quei 10 milioni di pensionati che, se non intervenisse lo Stato, non avrebbero quasi nulla. L’attivo dei subordinati e il passivo dei pubblici. L’incredibile vicenda della "busta azzurra”, che non parte. Intervista a Alberto Brambilla.

Presunzione di falsità
Proprio mentre faticosamente una madre sta mettendo in moto un percorso di emancipazione e autonomia per la figlia disabile, l’arrivo della lettera dell’Inps per una verifica sui falsi invalidi, che di fatto costringe a enfatizzare il negativo, cioè le inabilità, anziché il positivo, cioè le risorse.
Intervista a Lucia Robustelli.

Street-level bureaucrat
Il cen­tra­li­smo del­lo Sta­to na­po­leo­ni­co, che da noi si è fu­so con l'a­spet­to re­pres­si­vo del si­ste­ma mi­li­ta­re pie­mon­te­se; la cul­tu­ra del­la va­lu­ta­zio­ne che sten­ta a en­tra­re nel pub­bli­co im­pie­go; un sin­da­ca­to che, di­fen­den­do il "bas­so sa­la­rio, ma si­cu­ro" in real­tà mor­ti­fi­ca il di­pen­den­te re­spon­sa­bi­le. In­ter­vi­sta a Ni­co­let­ta Sta­me.


La rivoluzione concreta

Arruolare il malato
La ne­ces­si­tà, per ri­spon­de­re ai bi­so­gni dei cro­ni­ci, che og­gi so­no cir­ca il 30% del­la po­po­la­zio­ne e as­sor­bo­no il 70% del­le ri­sor­se, di ri­vo­lu­zio­na­re il mo­del­lo sa­ni­ta­rio, ta­glian­do po­sti-let­to ospe­da­lie­ri e ri­pen­san­do il ruo­lo dei me­di­ci di fa­mi­glia, de­gli spe­cia­li­sti e an­che del­le in­fer­mie­re. In­ter­vi­sta a Fran­ce­sco Lon­go.

L'arretrato
Un si­ste­ma far­ra­gi­no­so, a co­min­cia­re dai mas­si­mi li­vel­li, di fat­to de­re­spon­sa­bi­liz­zan­te, in cui il cit­ta­di­no è con­si­de­ra­to un fa­sti­dio; una len­tez­za mo­struo­sa che con­trad­di­ce qual­sia­si ri­cer­ca del buon ri­sul­ta­to; i cam­bia­men­ti, an­che tec­no­lo­gi­ci, esi­go­no un cam­bio di men­ta­li­tà, sem­pre dif­fi­ci­le e len­to.
In­ter­vi­sta a Da­vi­de Car­ne­va­li.



chiudi