Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri
di politica e altro

UNA CITTÀ n. 193 / 2012 Aprile

Intervista a Salvatore Bugli
realizzata da Joan Haim

LE 4 ITALIANE, LE 4 EUROPEE
Un tessuto produttivo, quello di Rimini, che conta circa un’impresa ogni dieci abitanti; il settore alberghiero che tiene e la crisi devastante dell’edilizia; i dubbi sulla riforma, che trascura i piccoli, vera spina dorsale del paese; l’importanza che le 4 locomotive dell’Italia continuino a trainare. Intervista a Salvatore Bugli.

Salvatore Bugli è direttore provinciale della Cna di Rimini, che associa 5600 imprese dell’artigianato, del commercio e della piccola industria. Come si caratterizza il tessuto produttivo di questo territorio? Il territorio della Provincia di Rimini conta circa 34. 000 imprese. È un tessuto produttivo e di servizi molto diffuso: se consideriamo che la popolazione di questa provincia conta poco più di 300. 000 abitanti, parliamo di un’impresa ogni dieci abitanti, il più alto tasso a livello regionale e uno dei più alti d’Italia e d’Europa. Sono tutte piccole attività, tranne ovviamente un po’ di eccezioni, perché anche da noi l’industria manifatturiera è abbastanza presente. Nel settore dell’industria abbiamo aziende leader a livello mondiale come l’Scm che fa le macchine per la lavorazione del legno e con l’indotto occupa circa 4000 dipendenti. Altre ­realtà importanti sono il gruppo Valentini, che si occupa di arredi e ha attività diversificate anche nell’immobiliare; il gruppo Maggioli con 1500 dipendenti, leader nel settore dei servizi agli enti pubblici. Poi c’è il distretto della moda con Alberta Ferretti, Gerani, Gilmar, che sono conosciute a livello mondiale. Per il resto è una tipologia di aziende in gran parte artigiane, circa 10. 000, commerciali, circa 9000. Di queste, soltanto il 20% occupa dipendenti, per il resto è lavoro autonomo, sono aziendine legate al settore del turismo. Come turismo abbiamo il comparto alberghiero, con la concentrazione forse più forte al mondo: circa 2500 alberghi sparsi su 40 km di costa, di cui da circa 15 anni, almeno 500 fanno un’attività annuale, non sono cioè legati soltanto alla stagione balneare. La destagionalizzazione del turismo è stata imponente dopo l’apertura della nuova fiera di Rimini e adesso con l’inaugurazione del nuovo Palacongressi; due strutture importanti che aggiungono reddito e attività e fanno di Rimini una delle piccole capitali dell’Europa per quanto riguarda meeting, congressi e attività fieristica. La nostra fiera è la quarta a livello nazionale, tra le prime in Europa; il nostro Palacongressi, un investimento finanziato tutto dal territorio senza contributi statali o regionali, si colloca nella fascia alta delle strutture di questo tipo. L’attività balneare continua a essere sicuramente il fulcro. Noi facciamo circa 12 milioni di pernottamenti. Ogni anno a Rimini continuano a venire tre milioni di turisti, di cui l’80% è un turismo autoctono, italiano. Sta crescendo anche la fascia di turisti esteri: stanno tornando un po’ di tedeschi e inglesi, ma soprattutto ci sono flussi importanti di turismo dal mondo russo, anche grazie all’aeroporto che, negli ultimi dieci anni, è diventato un segmento importante. Queste sono le caratteristiche principali del territorio. Come ha impattato la crisi su questa realtà produttiva: quali sono i settori che tengono e quelli invece più colpiti? La crisi qui è arrivata più lentamente. Rimini ha questa particolarità di essere un territorio largamente condizionato, per quanto riguarda i flussi economici, dall’andamento del turismo, che non ha risentito immediatamente del contraccolpo che poi, via via, ha impoverito tutto il sistema paese portando la gente a risparmiare anche nell’utilizzo del tempo libero e quindi nella vacanza. C’è da dire che già da diversi anni si assisteva a una capacità di spesa più contenuta. L’extra-alberghiero soffriva abbastanza, però in generale il prodotto rimaneva competitivo e anche il 2009 era stata una buona stagione, come anche il 2010 tutto sommato. Nel 2011 la stagione balneare ha cominciato ad avere alcuni primi segni di contraccolpo e le avvisaglie per il 2012 sono decisamente preoccupanti. Il nostro turismo ha un target di clienti a cui noi offriamo prevalentemente il prodotto all-inclusive, quindi pensione completa a prezzi estremamente bassi, con una qualità del servizio... [ continua ]

Esegui il login per visualizzare il testo completo.Se sei un abbonato on-line, o hai acquistato un Pacchetto di interviste o articoli clicca qui accedere, oppure vai alla pagina Abbonamenti per acquistare l'abbonamento on-line o il Pacchetto di interviste.

Gli abbonati alla rivista hanno diritto all'abbonamento on-line gratuito!



archivio
Lo stato burocratico

La busta azzurra
I risultati dell’ultimo rapporto sulla spesa previdenziale e i 13 miliardi di euro di disavanzo. Quei 10 milioni di pensionati che, se non intervenisse lo Stato, non avrebbero quasi nulla. L’attivo dei subordinati e il passivo dei pubblici. L’incredibile vicenda della "busta azzurra”, che non parte. Intervista a Alberto Brambilla.

Presunzione di falsità
Proprio mentre faticosamente una madre sta mettendo in moto un percorso di emancipazione e autonomia per la figlia disabile, l’arrivo della lettera dell’Inps per una verifica sui falsi invalidi, che di fatto costringe a enfatizzare il negativo, cioè le inabilità, anziché il positivo, cioè le risorse.
Intervista a Lucia Robustelli.

Street-level bureaucrat
Il cen­tra­li­smo del­lo Sta­to na­po­leo­ni­co, che da noi si è fu­so con l'a­spet­to re­pres­si­vo del si­ste­ma mi­li­ta­re pie­mon­te­se; la cul­tu­ra del­la va­lu­ta­zio­ne che sten­ta a en­tra­re nel pub­bli­co im­pie­go; un sin­da­ca­to che, di­fen­den­do il "bas­so sa­la­rio, ma si­cu­ro" in real­tà mor­ti­fi­ca il di­pen­den­te re­spon­sa­bi­le. In­ter­vi­sta a Ni­co­let­ta Sta­me.


La rivoluzione concreta

Arruolare il malato
La ne­ces­si­tà, per ri­spon­de­re ai bi­so­gni dei cro­ni­ci, che og­gi so­no cir­ca il 30% del­la po­po­la­zio­ne e as­sor­bo­no il 70% del­le ri­sor­se, di ri­vo­lu­zio­na­re il mo­del­lo sa­ni­ta­rio, ta­glian­do po­sti-let­to ospe­da­lie­ri e ri­pen­san­do il ruo­lo dei me­di­ci di fa­mi­glia, de­gli spe­cia­li­sti e an­che del­le in­fer­mie­re. In­ter­vi­sta a Fran­ce­sco Lon­go.

L'arretrato
Un si­ste­ma far­ra­gi­no­so, a co­min­cia­re dai mas­si­mi li­vel­li, di fat­to de­re­spon­sa­bi­liz­zan­te, in cui il cit­ta­di­no è con­si­de­ra­to un fa­sti­dio; una len­tez­za mo­struo­sa che con­trad­di­ce qual­sia­si ri­cer­ca del buon ri­sul­ta­to; i cam­bia­men­ti, an­che tec­no­lo­gi­ci, esi­go­no un cam­bio di men­ta­li­tà, sem­pre dif­fi­ci­le e len­to.
In­ter­vi­sta a Da­vi­de Car­ne­va­li.



chiudi