Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri

storie

UNA CITTÀ n. 185 / 2011 Giugno

Intervista a Gian Lupo Osti
realizzata da Barbara Bertoncin

ASPETTAI VENT'ANNI
L’esperienza della guerra, il successivo impegno nel Comitato per la Ricostruzione e poi la lunga carriera nelle partecipazioni statali; e infine la riscoperta di un’antica passione, quella per i giardini; quell’incredibile viaggio in Cina in cui scoprì la peonia che oggi porta il suo nome; un elogio del dilettantismo. Intervista a Gian Lupo Osti.

Gian Lupo Osti è nato nel 1920. È stato protagonista nel Dopoguerra della riorganizzazione dell’industria italiana, partecipando alla nascita dell’Italsider e al rilancio della Terni. Dopo alcuni anni come consulente di grandi gruppi multinazionali, ritiratosi completamente da ogni attività industriale, si è dedicato alla ricerca delle peonie arboree nel loro habitat naturale, limitato alle catene montane al confine della Cina. I botanici cinesi hanno dato il suo nome, Paeonia ostii, a una peonia scoperta nel corso di una spedizione. Ha partecipato attivamente alla vita dell’International Dendrology Society ricoprendone anche la carica di Presidente. La Royal Horticultural Society britannica gli ha assegnato, unico italiano, la Medaglia d’Oro per il contributo dato al progresso della botanica e dell’orticultura. Ha scritto Invecchiare in giardino. De senectute in horto, Ponte alle Grazie, 2010. Dopo una lunga carriera nelle partecipazioni statali, lei ha maturato una grande passione per i giardini. Può raccontare? Non è che io prima facessi il manager e poi a un certo punto abbia deciso di darmi al giardinaggio. La passione per la natura non mi è venuta al momento di andare in pensione: ho sempre amato la natura e devo dire che mi piaceva e che rimpiango molto anche la mia vita professionale, non la rinnego assolutamente. L’ho lasciata perché ho visto che non potevo più svolgerla in modo consono con le mie idee. Io avevo sempre lavorato nelle partecipazioni statali e ad un certo punto l’ingerenza politica era diventata sempre più pesante. A questo si aggiungeva la mia delusione politica. Come idee, io sono sempre stato sostanzialmente un liberal-socialista: se mi trovo a frequentare dei socialisti troppo arrabbiati, divento liberale; se mi trovo con dei liberali che non considerano anche che c’è una vita di società e di relazioni, allora divento più socialista. Io credo che in tutte le cose sia necessario trovare la misura, vale anche per le piante, che spesso vogliono il terreno fresco, ma non vogliono ristagni d’acqua, eccetera. Mi piace fare dei raffronti fra il mondo vegetale e le cose. Si tratta sempre di trovare un bilanciamento fra esigenze che sono molto contrastanti, tante volte. L’altra cosa che si impara, sia nella vita, sia in quello che succede in natura, è che non esistono regole assolute: una ricetta che va benissimo in un caso, non funziona in un altro. Lei dice che nella sua educazione la guerra ha contato molto. Mi è sempre piaciuto mettermi contro le autorità: da studente riconosco che ero diventato anche un po’ succube di questa figura. Io ho preso la licenza liceale molto presto, prima di compiere i sedici anni, perché ero già avanti di un anno e ricordo che a un certo punto il preside del liceo qui a Roma chiamò mio padre e gli disse: "Senta, per piacere, ci tolga suo figlio. È un ragazzo che riesce nello studio, gli faccia fare il salto, vedrà che se la cava e noi tiriamo un grande sospiro di sollievo”. Dopo il diploma volevo andare all’Università in Inghilterra. Però, era il periodo fascista e c’erano troppe difficoltà, perciò andai in Germania. Quando cominciò la guerra, rientrai, con dispiacere peraltro: ad Heidelberg non studiavo mica tanto e invece mi divertivo moltissimo. Infatti non volevo tornare. Tra l’altro chi faceva l’università poteva rimandare il servizio militare. Invece mi trovai che compivo vent’anni e non avevo fatto le pratiche necessarie, così mi chiamarono. Avrei potuto forse ricorrere ma pensai: "Tanto prima o poi chiamano tutti”. In realtà non era così. Comunque è vero, io credo che la guerra abbia agito in senso positivo su di me. Mentre invece il servizio militare…
Io vengo da una famiglia di ufficiali: mio nonno era ammiraglio, è stato anche Ministro della Marina. Io avevo "dirazzato” completamente in questo: trovavo un’assurdità obbedire ai regolamenti dell’epoca... [ continua ]

Esegui il login per visualizzare il testo completo.Se sei un abbonato on-line, o hai acquistato un Pacchetto di interviste o articoli clicca qui accedere, oppure vai alla pagina Abbonamenti per acquistare l'abbonamento on-line o il Pacchetto di interviste.

Gli abbonati alla rivista hanno diritto all'abbonamento on-line gratuito!





chiudi