Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri

Lettere dalla Tunisia

di Micol Briziobello

Lettere dalla Cina
di Ilaria Maria Sala


"Sono, queste di Ilaria Maria Sala alla redazione di "Una città”, delle vere lettere ad amici, in cui racconta e si racconta. Racconta le sue giornate e le sue esperienze in un tono molto familiare. Ma le sue pagine ci fanno scorgere una Cina vera, con la sua gente (gli Han, ma anche gli Uiguri e i Tibetani e gli altri), e il continuo muoversi velocemente di uomini e donne in città sempre più grandi. Forse quella che cresce di meno fra tutte è proprio Hong Kong, il cui espandersi è limitato da confini fisici, geografici. Città più tranquilla, e ancora oggi più libera: per questo, probabilmente, Ilaria ha scelto di viverci". Continua qui.

internazionalismo


Testo di Andrew Arato - 2012

Ungheria: cosa sta succedendo?
Andrew Arato, costituzionalista, è docente di Teoria Politica alla New School di New York.

Come siamo arrivati alla situazione attuale?
Tutti sanno che l'Ungheria, come altri paesi della periferia europea, è stata investita da una grave crisi economica. Quello che non tutti sanno è che in Ungheria questa crisi è cominciata prima, e si è trasformata anche in una crisi politica e di legittimazione.
Nel settembre del 2006 è stata infatti diffusa una registrazione audio di una riunione del partito socialista in cui il premier, Ferenc Gyurcsány, un tecnocrate, confessava d'aver deliberatamente nascosto ai cittadini la grave situazione economica del paese e di avere, di conseguenza, vinto le elezioni soltanto grazie alle menzogne.
Questo ha portato a manifestazioni e tensioni e, di conseguenza, ad atti di violenza da parte della polizia. Il governo ha gestito molto male questa vicenda, soprattutto il primo ministro, poi sostituito da Gordon Bajnai, che ha avuto però poco tempo per rimediare alla situazione. Alla successiva tornata elettorale il partito di Orban, Fidesz, ha vinto le elezioni a man bassa. A questo va aggiunta una situazione economica da tempo molto precaria con un pesante calo dell'occupazione, comune ad altri paesi, soprattutto a scapito dei più giovani.
Tutto questo nel tempo ha contribuito all'emergere della destra estremista. Parlo dello Jobbik, un partito fascista, ma più a destra del partito fascista italiano. Jobbik è riconducibile più alla tradizione nazista ungherese, che alla tradizione della destra europea. Si tratta di un fenomeno che già da tempo preoccupa l'Europa.
Puoi parlarci di Fidesz, il partito di Orban?
Fidesz è nato nel 1988 con il nome di "Alleanza dei giovani democratici” (Fiatal Demokraták Szövetsége), nell'89 si era distinto tra quelli che promuovevano un cambio di regime. Solo col tempo si è trasformato in un partito di destra. Conosco personalmente il primo ministro Orban, l'ho incontrato in occasione di alcune conferenze che ho tenuto ai "giovani democratici”: nell'89 Orban era un liberale, e anche una persona con delle capacità politiche incredibili che ha capito prima del partito liberale (allora alleato del partito socialista al governo), che in Europa, e soprattutto nel contesto di un cambio di regime, non c'era futuro per un partito puramente liberale. Per cui già alla fine degli anni 96-97 ha iniziato a spostarsi verso posizioni autoritarie e populistiche di destra: mi dispiace di dover dire che un paio di cari amici, all'epoca suoi consulenti, hanno avuto un ruolo in questa trasformazione, che l'ha portato a entrare nel governo all'indomani delle elezioni del 1998 e ancora nel 2002.
Tu imputi la situazione odierna a un processo costituzionale rimasto incompiuto. Puoi raccontare?
L'Ungheria ha avuto un cambio di regime che noi costituzionalisti assimiliamo al modello dell'Europa centrale e del Sudafrica. Quando va bene, si tratta di un processo che avviene in  due momenti: una fase negoziale che introduce una costituzione temporanea, ad interim, e una seconda fase, preceduta dalle elezioni, in cui la costituente redige appunto la costituzione definitiva. In Ungheria, la prima fase, quella che ha portato alla costituzione ad interim attraverso una serie di tavole rotonde, ha prodotto un documento democratico liberale. Il problema è che questa costituzione ad interim non è mai stata sostituita. Infatti, nel periodo 94-98, tutti gli sforzi per arrivare alla costituzione definitiva sono falliti.
Il paradosso è che è stato messo a punto un metodo con un alto livello di consenso e partecipazione da parte dei vari partiti, che tuttavia è stato boicottato dai suoi stessi promotori, i socialisti. Il partito socialista, all'epoca con a capo Gyula Horn, alla fine infatti non ha votato per il prodotto di questa costituente che esso stesso aveva guidato. Perché è accaduto? Perché i socialisti puntavano a includere una seconda Camera (delle corporazioni); perché volevano un tavolo sui diritti sociali e infine perché consideravano la costituzione che ne era uscita troppo liberale dal loro punto di vista.
Alcune ragioni erano buone altre no, ma il punto è che votare contro il prodotto di un processo fortemente partecipato, di cui peraltro eri stato il maggior promotore, si è rivelata una mossa disastrosa. E direi che la maggiore responsabilità va imputata proprio a Horn. Conosco bene i retroscena perché ho partecipato al processo come consulente, ho pure scritto alcune norme relative agli emendamenti per la costituzione. Il Parlamento mi ha anche pagato! Anch'io sono stato molto deluso per come il processo è fallito.
Comunque il punto è che, non essendo stato concluso l'iter previsto, la costituzione ungherese è rimasta quella ad interim cioè, come denuncia la destra, una sorta di emendamento della Costituzione stalinista del '49. Questo ha dato grandi argomenti a Orban che da tempo, e legittimamente, denunciava il fatto che l'Ungheria non ha una costituzione definitiva. Da questo punto di vista Fidesz ha delle giustificazioni nel cercare ora di completare il processo. Nella legge internazionale si fa distinzione tra "in bello” e "ad bellum”. Fidesz aveva il diritto e delle buone ragioni per dare avvio a un processo costituzionale, era una mossa legittima; quello che è di dubbia legittimità è la strada che hanno scelto.
Il fatto più eclatante è che Fidesz ha potuto riscrivere la costituzione forte di una maggioranza di due terzi di una singola camera. Questo è stato possibile perché la legge elettorale ungherese prevede una sorta di premio, quindi con il 52,7% dei voti Fidesz ha avuto i due terzi dei seggi in Parlamento. Ora, tra il '94 e il '98 anche il centrosinistra aveva il 70% del Parlamento, ma anziché usarlo per fare una propria costituzione, ha messo in piedi le procedure necessarie a muoversi con il massimo consenso. Al di là dell'esito, che fu appunto deludente, comunque all'epoca il primo tentativo fu all'insegna del consenso, quello di Fidesz invece è stato subito dichiaratamente maggioritario.
Nel paese la popolazione è consapevole di cosa sta succedendo?
Le questioni costituzionali non attirano mai molto interesse. Ovviamente ora che è stata sollevata l'attenzione internazionale, molta gente ha iniziato a capire che c'è qualcosa che non va, però mentre le cose stavano succedendo non c'era interesse. Tra l'altro Fidesz aveva organizzato una consultazione popolare mandando a ogni singolo cittadino un questionario su cosa voleva ci fosse nella costituzione. Ma questa è una forma molto passiva di partecipazione, che coinvolge poche persone. E, comunque, il governo non ha mai reso pubblici i risultati. D'altra parte Fidesz se lo poteva permettere: all'inizio del suo governo, i sondaggi lo davano in ascesa, proprio per il discredito gettato sulla coalizione di centrosinistra che aveva visto crollare verticalmente la propria popolarità. Anche oggi l'opposizione politica è molto debole.
Quali sono i cambiamenti più importanti che sono stati portati alla costituzione?
Preciso che molte delle misure adottate sono state introdotte attraverso degli emendamenti alla vecchia costituzione, prima cioè della promulgazione della nuova. Comunque le aree interessate sono, direi, quattro. Una è quella dei media che, attraverso la cosiddetta legge bavaglio (emanata prima della nuova costituzione) di fatto sono stati sottoposti a comitati di controllo governativo.
Poi c'è l'area giuridica: il governo ha aumentato il numero dei giudici costituzionali nominando figure che presumibilmente voteranno in modo più favorevole al governo. Questo è successo recentemente anche in Turchia dove Erdogan ha fatto un referendum in proposito. In Ungheria non c'è stato bisogno di un referendum perché due terzi del parlamento possono cambiare le leggi della Corte costituzionale. Quindi c'è stata una riduzione della giurisdizione della corte. Si sono praticamente fatti una corte secondo i loro desideri. Come terza misura, stanno estendendo i mandati di alcuni organi di controllo in modo che i membri di Fidesz mantengano le loro posizioni anche oltre le prossime elezioni.
Infine è stato fatto passare un pacchetto di leggi che fa sì che qualsiasi cambiamento futuro in materia legislativa richieda una maggioranza dei due terzi del parlamento, non più la semplice maggioranza, anche per le leggi ordinarie. Questo significa che Fidesz sta varando delle leggi che difficilmente potranno essere modificate da un Parlamento futuro, a meno che qualcun altro non abbia due terzi del Parlamento. Scenario assai poco verosimile visto che nella legge elettorale in discussione stanno anche riformando i distretti elettorali in modo da agevolare la vittoria di Fidesz.
Dicevi che in questo c'è un paradosso...
Il paradosso è che Fidesz sta facendo passare delle misure che potrebbero inibire la sua stessa capacità di governare in futuro. Se ad esempio tornassero al potere in una seconda tornata elettorale, senza però ottenere i famosi due terzi, succederà che loro stessi non saranno in grado di cambiare le leggi che hanno fatto passare. Quindi non potranno nemmeno cambiare la legge dei due terzi. Non è una cosa da poco, per esempio, in campo economico potrebbe voler dire che il governo non potrà cambiare le politiche fiscali o lo status della Banca nazionale o adottare qualunque altro provvedimento decidessero di prendere.
Fidesz da una parte ha ridotto il carattere liberale della costituzione, indebolendo la Corte costituzionale e anche i tribunali ordinari. Hanno inoltre passato una serie di leggi, tutte con l'obiettivo di mantenere il potere nelle loro mani. Dall'altra parte, però, hanno varato delle misure che vanno in senso opposto. Non so quale sia il calcolo. Forse vogliono fare in modo che se sale al potere un altro partito si trovi un paese ingovernabile; questa strategia ha però il difetto di rendere il paese potenzialmente ingovernabile anche per loro.
Vedi qualche via d'uscita? E cosa può fare l'Europa?
Ci sono due livelli, quello domestico e quello internazionale. Nonostante gli slogan degli euroscettici, nell'Unione europea la dimensione nazionale è ancora fondamentale. All'inizio dell'anno c'è stata una grande mobilitazione popolare: anche nei sondaggi Fidesz sta perdendo quota. È ancora il maggior partito ma è in calo. Il problema è che i voti persi da Orban stanno andando in parte verso lo Jobbik, soprattutto le preferenze dei giovani. Questa è una novità: in passato lo Jobbik era un partito costituito soprattutto da vecchi nostalgici. In assenza di un'opposizione organizzata, spesso la protesta assume forme radicali e irrazionali.
Quindi possiamo dire che un'opposizione sta emergendo, ma è ancora molto debole, disorganizzata e in parte è un'opposizione da destra.
A livello internazionale, l'Unione europea ritiene inaccettabile un governo autoritario di questo tipo. Le sfide alla Commissione sono venute in primo luogo dalle scelte di politica economica, in particolare dall'attacco all'autonomia della Banca centrale. Il Parlamento europeo è stato abbastanza energico nel condannare tutto questo. E poi c'è l'opinione pubblica europea che è stata coesa nel condannare le politiche di Orban. Questo ha sortito degli effetti sull'opinione pubblica ungherese che certo non desidera rimanere isolata in Europa. La prospettiva di un'Ungheria che guarda a Est, verso la Bielorussia e la Russia di Putin, non è propriamente desiderabile per gli ungheresi.
Ho parlato del livello politico e dell'opinione pubblica, ma c'è poi il livello giuridico. Molti dei giudici rimossi dai propri uffici con un pensionamento forzato si sono appellati alla Corte europea per i diritti umani. Così hanno fatto personalità del mondo dei media. I casi si moltiplicheranno e questo, verosimilmente, porterà a delle sanzioni. La Commissione europea è nella posizione di poter comminare delle sanzioni economiche, per cui credo che le pressioni aumenteranno. Come poi questo interagirà con la politica nazionale, ecco questo non lo so.



archivio
Le loro storie...

L’infanzia in un villaggio della Galilea e poi gli studi artistici e l’incontro con Emile Habibi, intellettuale, padre della letteratura palestinese dell’assurdo; l’importanza di raccontare la verità, a tutti i costi; le traversie del documentario "Jenin, Jenin” che gli ha procurato l’accusa di vilipendio... Intervista a Mohammad Bakri.

La grande disfatta

L’aumento delle truppe in Iraq e l’apertura ai Sunniti sono mosse ormai tardive. Il rischio di una disfatta peggiore del Vietnam. La rinuncia ai sogni imperiali ed egemonici dell’America. L’Iraq deciderà chi sarà il prossimo presidente. L’inevitabile scelta di sedersi a un tavolo con l’Iran. Intervista a Andrew Arato.

Se si tocca lo statuto

Un sito nato per offrire alle donne uno spazio di discussione libera; il rischio che la reazione al "femminismo di stato” di Ben Alì, imposto dall'alto, porti ora a una islamizzazione dei maschi e al ritorno al velo per tante giovani donne; i cambiamenti del costume inarrestabili; il tabù dell'ateismo, che resta. Intervista a Khalil Gdoura e Bayrem Zouari.

Cooperazione sostenibile

Una cooperazione troppo spesso pensata e decisa lontano dai paesi interessati; l’esperienza dell’Osservatorio dei Balcani, per un’informazione che contribuisse alla formazione dei cooperanti; il grande cambiamento introdotto dalla "dottrina” Clinton, volto a egemonizzare le future vie dell’energia. Intervista a Luca Rastello.

L'essenza del patriarcato

L’errore, all’indomani della Liberazione, di imputare tutti i problemi alla colonizzazione e l’incapacità di far fruttare il capitale della lingua francese; una laicità che stenta ad affermarsi e la convinzione che la questione decisiva, anche per la democrazia, sia l’emancipazione femminile; intervista a Mohammed Harbi.

A manifestare in toga..

Quando è scoppiata la rivoluzione, in strada, a manifestare contro Ben Ali, c’erano anche giudici e avvocati; un sistema, quello della giustizia tunisina, da riformare profondamente, in tutte le sue articolazioni, a cominciare dai poliziotti; la fase della giustizia, a cui deve seguire la riconciliazione. Intervista a Wahid Ferchichi.

Islam, martirio e suicidio

Cosa spinge tantissimi ragazzi, e anche ragazze, musulmani ma a volte anche cristiani, ceceni, pakistani, libanesi, palestinesi e di tanti altri paesi, ad andare a morire per far morire altri uomini?

L'era dell'individuo

Una dinamica profonda, con al centro il conflitto fra ortodossia e modernizzazione, preesistente alla stretta del 2009, ha bisogno di tempo per svilupparsi; il 70% della popolazione sotto i trent’anni; a scanso di effetti boomerang la questione nucleare deve essere ispirata a valori universali e di equità. Intervista a Pietro Marcenaro.

Di fango e paglia

Il valore inestimabile della chirurgia di base in situazioni di povertà; piccoli ospedali dove più che le attrezzature conta l’esperienza del personale maturata sul campo; situazioni di estrema necessità che aumentano l’”acume clinico” e il concetto fondamentale di "costruzione di capacità”. Intervista a Giuseppe "Pino” Meo.

Il vicino tranquillo...

Un sito che si occupa di consumatori musulmani, ma anche di cittadinanza, religione e laicità; un mercato, quello che gira attorno all’halal, dalle cifre astronomiche e che sta salvando tante aziende francesi; i segni di integrazione che non si vogliono vedere e la troppa enfasi sul burqa. Intervista a Fateh Kimouche.

Un Islam europeo

A Drancy, dove convivono una forte comunità musulmana, ma anche piccole comunità ebraiche, cattoliche e protestanti, è in corso un esperimento di dialogo interreligioso; il problema dei finanziamenti delle moschee e quello, altrettanto cruciale, della formazione degli imam. Intervista a Hassen Chalghoumi.

Il male dell'America

Il mostruoso deficit commerciale Usa e l’aumento della mortalità infantile sono solo alcuni degli indicatori del declino americano. L’Europa sta salendo al vertice delle preoccupazioni americane. Dopo la catastrofe irachena la razionalità spingerebbe a miti consigli, ma nella storia, e nell’uomo, esiste l’irrazionalità e questa spinge verso l’Iran. Un’oligarchia che non ha quasi più nulla di democratico. Intervista a Emmanuel Todd.
L’ethos imperialista

La fallimentare avventura irachena, tutt’ora senza sbocchi, ideata e decisa ben prima dell’11 settembre, quando la destra americana si convinse che, con la fine della Guerra Fredda, all’America si presentava un’occasione irripetibile per affermare anche territorialmente l’impero. La convinzione americana che l’Europa non fa paura. La novità della legalizzazione della tortura. Intervista a Philip Golub.
La sinistra patriottica

Dopo l’11 settembre una parte della sinistra americana s’è fatta contagiare dalla febbre patriottica. L’impossibilità di inseguire la destra, di far compromessi, sul terreno dei valori dominanti negli stati del sud: "God, Guns, Gays”. La necessità di tornare ai valori pragmatici della giustizia sociale. Un cosmopolitismo che oggi può trovare in internet uno strumento straordinario. Intervista a Stephen Eric Bronner.
La sinistra indecisa

Una sinistra che è stata incapace di simpatizzare con le vittime dell’11 settembre e che poi di fronte al Patriot Act che rompeva il quadro dei diritti costituzionali non ha saputo che gridare al fascismo. La sottovalutazione del problema della sicurezza. Col rigetto della guerra in Iraq la sinistra rischia di rigettare ogni possibile uso della forza. Il rischio di elezioni libere in Egitto. Intervista a Michael Walzer.
I due elettricisti

Perché trent’anni di occupazione ingiusta dei Territori palestinesi hanno favorito il progresso economico e sociale dei palestinesi. La possibilità di lavorare in Israele, di esportare e importare i prodotti locali, l’inizio degli investimenti dei palestinesi in diaspora e degli stranieri. Il disastro della seconda Intifada. Il problema della sicurezza, che per Israele viene prima di tutto, e che rischia di far naufragare ogni progetto di sviluppo. I nuovi imprenditori palestinesi, giovani dei Territori che si sono guardati in giro... Intervista a Ephraim Kleiman.
Il funzionario dell'Ohio

America mostro imperialista o forza complicata? Le due sinistre americane che non si parlano più. L’errore grave di non condannare Saddam Hussein. Il problema di un partito democratico che in tante zone del paese non è presente sul territorio. L’attacco della destra alle istituzioni ‘ancora democratiche’ come le università attraverso la denuncia di presunte discriminazioni. Intervista a Todd Gitlin.
La neo-umma

Una rivoluzione silenziosa che ha visto crescere in Europa una presenza musulmana sempre più consistente. Il senso di esclusione dei giovani e la radicalizzazione jiadista di una parte, per ora esigua, di loro. L’immaginario di una neo-umma minacciata da un Occidente demonizzato. Il senso di umiliazione vissuto tramite la tv. Immolarsi, non già per il paradiso, ma per una causa sacra. Intervento di Farhad Khosrokhavar.
Teocrazia
e imperial presidency

La teologia del "dominionismo”, che nega ogni separazione fra stato e religione e che sulla base di una lettura letterale della Bibbia vorrebbe che il Dio cristiano dominasse la vita degli uomini, pur non dichiarando apertamente i propri scopi, è sempre più diffusa negli Stati Uniti. Il pericolo di un aumento delle prerogative presidenziali. Un dialogo sulla destra religiosa fra Riccardo Gori-Montanelli e Aaron Thomas.


Ora che i mariti
sono tornati

Le donne palestinesi stanno discutendo di come far valere i loro diritti nella futura costituzione. Il problema dell’inter-pretazione della legge islamica, finora al maschile. L’esempio illuminato tunisino e la beffa subita dalle donne algerine. La tradizione inventata del velo e il rischio che la donna diventi oggetto di negoziato fra islamici e Olp. Il grande realismo della donna araba. La possibile delusione sugli accordi. Intervista a Ruba Salih.
Colei che vede chiaro

Le donne algerine, dopo aver sfidato in questi anni il terrorismo integralista difendendo la vita quotidiana delle donne, dopo essere andate a votare in massa dimostrando quanto fossero false le analisi che prevedevano un bagno di sangue, ora si stanno organizzando per la lotta politica contro quell’infame codice della famiglia che le condanna ad essere minorenni a vita. Intervista a Khalida Messaoudi.
Khalida e le altre

Sosteniamo la lotta di Khalida Messaoudi e delle altre femministe algerine.
La madre, Chicago, Harvard...

L’originalità di politiche e gesti di Barack Obama non si esaurisce nel suo carisma e nell’uso della rete, ma affonda nell’infanzia segnata dalla madre antropologa, nell’esperienza di organizzatore di comunità e ad Harvard. La figura e il ruolo di Saul Alinsky e l’importanza dell’arte di ascoltare. Intervista a Marianella Sclavi.

Il potenziale
di cambiamento

L’Amministrazione di Obama si sta dimostrando aperta al dialogo, non islamofoba e capace di criticare Israele. La questione, intricata, di Pakistan e Afghanistan. L’importanza di tenere alta l’attenzione in Iran, senza però interferire. L’impegno del ritiro dall’Iraq, ormai improrogabile.
Intervista a Stephen Bronner.
La guida turistica
del Kosovo

Appunti di viaggio.
Di Paolo Bergamaschi
Presidente Obama: invictus?

lettera dall'America
di Gregory Sumner
La nostra casa

Quella mattina, poco dopo la fine della guerra, in cui si presentarono tre palestinesi e chiesero di dare un’occhiata alla "loro” casa, la difficile scelta di farli entrare e poi la nascita di un’amicizia e la decisione di fare della propria casa una "open house” per israeliani e palestinesi.
intervista a Dalia Landau.
Due sarte togolesi

Un’associazione, Seniores, che mette insieme professionisti prossimi alla pensione disponibili a viaggiare e a trasmettere gratuitamente l’esperienza accumulata nel corso della vita e l’idea di due sarte di fare un corso di alfabetizzazione femminile nel mercato principale di Lomé...
Intervista a Paola Piva.
Posso sempre
andare in Ecuador!

All’indomani delle elezioni locali, in cui questa volta hanno votato anche i serbi, il Kosovo si presenta come un paese "quasi normale”; il paradosso di un paese al centro dell’Europa i cui abitanti non possono andare da nessuna parte e i problemi di un’economia che stenta a partire.
Intervista a Vjosa Dobruna.
Madre di Yakub

L’esperienza di un’associazione, Humans Without Borders, che cerca di far curare bambini palestinesi ammalati in ospedali israeliani, facendoli passare fra i tanti posti di blocco; l’imperativo morale che spinge tanti israeliani a far qualcosa per i palestinesi pur in un contesto politico di disperazione.
Intervista a Jennie Feldman.
In Cecenia è genocidio?

Il 20% della popolazione uccisa, il 50% profuga. Un terrorismo di Stato circondato dal silenzio di una stampa imbavagliata. La disperazione dei ceceni. L’indifferenza colpevole dell’Europa. Intervista a Olivier Dupuis.

Bob Dylan a Teheran

Democrazia in Iran, difesa dei diritti umani, dare voce a chi vuol diffondere le proprie idee, sono gli obiettivi di una radio fondata da iraniani emigrati che trasmette dall’Olanda; un sito con un milione e mezzo di passaggi al mese, molti dei quali dall’Iran dove sono attivi 62.000 blogger... Intervista a Kamran Ashtary.





chiudi