Logo Una Città
i nostri libri
Vai al catalogo completo dei libri


Testo di una città - 2010

23 luglio 2007

Riportiamo alcuni brani della prefazione al libro "Brutti ricordi", scritta da Pierre Vidal-Naquet pochi giorni prima di morire.

... scrivo due parole per presentare un libro che ho trovato affascinante, non solo per il suo argomento, che non manca assolutamente d'interesse dal momento che si tratta delle condizioni nelle quali la stragrande maggioranza degli arabi palestinesi, che abitavano nel paese divenuto poi Israele nelle sue frontiere del 1967, hanno lasciato le città ed i paesi che appartenevano loro da secoli. Per gli autori palestinesi si trattò dell'Espulsione, da cui deriva il titolo che il mio amico Elias Sanbar ha dato al racconto, solidamente documentato, di questi eventi. Da parte israeliana, esiste una leggenda, sulla quale tornerò più avanti, che vuole che siano stati gli arabi a partire, seguendo gli ordini dei loro capi per lasciare il campo libero ai combattenti il cui sogno era la distruzione della colonizzazione sionista. Fortunatamente esistono anche i libri di storia, nel senso che questo termine ha per gli storici di mestiere. L'opera fondamentale, pubblicata prima in inglese, nel 1987 [The Birth of the Palestinian Refugee problem, 1947-1949, Cambridge], successivamente in ebraico, è quella di Benny Morris, ora tradotta [dall'edizione aggiornata, 2004, ndc] anche in italiano con il titolo "Esilio. Israele e l'esodo palestinese" (Rizzoli 2005).
Naturalmente, non ci si può aspettare che la verità degli uni sia identica a quella degli altri; non lo si può fare e, in tutta onestà, non lo si deve fare perché si tratta, in un caso come nell'altro, di qualcosa che non è di dominio esclusivo dell'interpretazione degli archivi, ma anche del sentimento nazionale nel suo senso più profondo ed esistenziale. Per gli israeliani, il 1948-1949 è l'epoca della Guerra di Indipendenza; per i palestinesi è il tempo della catastrofe, la Naqba. Questi punti di vista probabilmente non sono destinati ad essere eterni, ma rimane il fatto che i palestinesi da maggioranza sono divenuti minoranza, ed è vero l'opposto per gli israeliani che, conquistata l'indipendenza e la sovranità, si sono aperti ad un'immigrazione ebraica massiccia, mentre ai palestinesi era vietato il ritorno in patria.
Il libro che ho l'onore di presentare al pubblico non è un'opera sui fatti in sé, ma sulla loro memoria, sulla loro eco, in un certo senso...
... La Guerra di Indipendenza è stata l'"ora più gioiosa" o l'"ora più tragica" della generazione che la visse? Forse, l'una e l'altra contemporaneamente. Conosco alcuni israeliani a cui l'esodo degli albanesi, durante la guerra in Kosovo, ha ricordato, immediatamente, quello che era successo nel 1948 con la partenza massiccia delle popolazioni arabe. Ephraim Kleiman cita il poeta ebreo Alterman, secondo il quale il sangue, anche se giustamente versato, si lascia dietro "il gusto salato delle lacrime dell'innocente".
Kleiman evoca un dialogo sui modi di vita dei beduini: "Sono all'età della pietra", dice un ufficiale dell'intelligence; "No! Ai tempi dei Patriarchi" gli viene risposto. Nel saggio di Kleiman i riferimenti alla Bibbia, come quelli all'affare Dreyfus, sono costanti. "Lavoro sporco" dice un soldato, "Qualcuno lo deve pur fare", gli risponde un altro. E la replica inevitabile: "Ma perché devo essere proprio io?". E l'altro: "Che vadano nel deserto o all'inferno, per te che differenza fa?". ...

... Ma bisogna sempre pensare al peggio? Ripetiamo, con le parole di Paul Claudel, nel sottotitolo di "La scarpetta di raso": [le pire] n'est pas toujours sûr [non è sempre detto che accada il peggio, ndt].
All'inizio di questo 2006, accanto ai sinistri eventi accaduti in Medio Oriente, in Iraq ma anche in Israele-Palestina, è stato pubblicato, a Parigi, un libro intitolato "Ta'ayush. Journal d'un combat pour la paix Israël-Palestine 2002-2005", [Ta'ayush. Diario di una battaglia per la pace in Israele-Palestina, ndt], la cui prefazione è di un mio vecchio amico, l'indianista Charles Malamoud, e il cui autore, David Shulman, è anche lui indianista. Ta'ayush è una parola araba che significa "coesistenza". E' bello che questo movimento assolutamente minoritario, i cui principali dirigenti sono degli ebrei israeliani, abbia un nome arabo. Come dice Charles Malamoud, "agli occhi di David Shulman, l'ingiustizia, la brutalità, il disprezzo contribuiscono all'abbruttimento del mondo". Ta'ayush è un movimento di disobbedienza civile che mira a promuovere la coesistenza attraverso atti altamente simbolici, per esempio mietere, con la falce, un campo palestinese per i palestinesi; oppure reimpiantare degli ulivi proprio dove altri ulivi furono sradicati; piantare un gelso dove un altro gelso era stato distrutto; parlare il più possibile agli abitanti dei villaggi palestinesi nella loro lingua -tutto questo sotto gli insulti dei coloni ed il controllo ostile delle forze governative.
Questo movimento, ispirato a Gandhi, ha un futuro? Come avrebbe detto Léon Blum, ci credo perché ci spero.
Scrivo queste poche pagine nel luglio del 2006, mentre l'intervento, sempre più evidente, dell'Iran in quello che fu un conflitto regionale, se non addirittura locale, mette in causa nientemeno che la pace nel mondo, e che l'escalation bellica attuata da Israele, in risposta agli Hezbollah, ha già provocato la fuga di 500 mila nuovi rifugiati.
Sicuramente la soluzione non arriverà entro sera.

BRUTTI RICORDI
di Anita Shapira e Ephraim Kleiman,
con prefazione di Pierre Vidal-Naquet.
Edizioni Una città.
Pagine 136, prezzo 12 euro.


dal nostro blog
0
24 ottobre 2017

Per un sindacato unito. Dalla lettera di Pierre Carniti a Cgil, Cisl e Uil

… Il lavoro da sviluppare è, dunque, quello di cogliere l’unità nella diversità e di trasformare il superamento delle diversità … ...

segui
0
24 ottobre 2017

Denti

Un venerdì mattina dello scorso marzo, a Salisbury, Maryland, già due ore prima del sorgere del sole si poteva vedere … segui


0
18 ottobre 2017

Epistocrazia

Su “Le Monde”, il costituzionalista Alexandre Viala, nell’interrogarsi su quale sia il modello di governo che ha in mente Macron, … ...

segui
0
17 ottobre 2017

Fuori dalla scuola

Marie, 13 anni, amava l’inglese e Shakespeare, ma non riusciva a controllare il suo comportamento. Non può farci nulla, si … segui


0
11 ottobre 2017

Disuguaglianze in Germania

Alla vigilia delle elezioni in Germania, il “Financial Times” ha dedicato un pezzo alla povertà in Germania, o più precisamente … ...

segui



chiudi